Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

I cinque padri del cinema | diario d’ascolto

La festa del papà si celebra nella Repubblica Dominicana l’ultima domenica di luglio, e al cinema ci sono un gran numero di film che affrontano il tema della paternità in modi diversi.

Un tema che si rifletteva nel cinema locale per l’assenza di questo numero in film drammatici come “La figlia naturale” (Leitícia Tonos, 2011), “By the Sea” (Bladimir Abboud, 2016), “Malpaso” (Hector Mel Valdez, 2020).

Diversi aspetti sono necessari quando si parla di relazione genitore-figlio è un aspetto di protezione. Di questo ci sono ottimi esempi nel cinema mondiale, come il film italiano “La vita è bella” (La vita è bella, 1997) in cui Guido, Roberto Benigni impedisce al figlio Giosuè (Giorgio Cantarini) di subire il trauma fisico e test psicologici della seconda guerra mondiale, mentre sono prigionieri in un campo di concentramento nazista.

Questa è una bellissima storia che, nel caratteristico tono umoristico di Benigni, che la diresse anche, ha fatto credere al figlio che fosse un gioco della sua innocente immaginazione, impedendogli di vivere in prima persona l’orrore di quel momento storico in Italia. .

Un altro film italiano degno di nota, su cui ha influito il precedente, è “Ladri di biciclette” di Vittorio De Sica, ambientato nello stesso paese negli anni del dopoguerra. La storia, parte essenziale del neorealismo italiano, si svolge a Roma nel 1948, tre anni dopo la vicenda di Benigni, e con l’avventura di un padre in cerca di lavoro in quel momento precario in cui trovavano lavoro solo chi ha la bicicletta.

Antonio (Lamberto Majorani) e Bruno (Enzo Stiola) dovranno confrontarsi con l’esperienza dello smarrimento della bicicletta, in un dramma toccante, vicino al documentario in cui un bambino conosce in prima persona i rigori del vivere.

READ  Estate in Florida per tutti i gusti

Proprio come la guerra e l’instabilità attivano il desiderio di proteggere i bambini, il cinema ha presentato anche genitori che hanno dovuto resistere alla criminalità quando si tratta di garantire che nulla di male accada alle loro famiglie. È il caso di Vito Corleone (Marlon Brando – Robert De Niro) in “Il Padrino” e “Il Padrino II” (Il Padrino, Il Padrino II, Francis Ford Coppola, 1972, 1974, Dritto).

Nel primo nastro ci sono diverse scene in cui usa frasi e consigli per i suoi figli in modo che capiscano come funziona il mondo in cui lavorano. “Non dire mai quello che pensi a qualcuno che non fa parte della famiglia”, dice a suo figlio Sonny (James Caan) quando parla senza consultarlo mentre negozia con uno dei suoi avversari. Nel frattempo, consiglia a suo figlio Michael (Al Pacino) come guidare la famiglia dopo il suo ritiro.

Un altro padre che si sposta nel mondo della mafia, ma questa volta non italiano, ma irlandese, è Michael Sullivan (Tom Hanks) in “Road to Perdition, Sam Mendes, 2002). In questo, Hanks, nei panni dell’assassino di Sullivan, dovrà proteggere il suo unico figlio rimasto dall’omicidio di Conor Rooney (Daniel Craig), il figlio del suo capo, John Rooney (Paul Newman). Il gangster “Road Movie” che spiega come puoi difendere tuo figlio mentre sei un criminale e allo stesso tempo gli dà un esempio di non seguire questa strada.

Un altro padre radicale, che non ha limiti quando si tratta di difendersi, è Brian Mills (Liam Neeson), di Reliable Search (Taken, Pierre Morel, 2008). Quando sua figlia Kim (Maggie Grace) viene rapita da un’organizzazione criminale, lui, un ex agente speciale della CIA, dovrà salvarla. La risposta che dà a chi ha sua figlia è molto apprezzata quando può parlargli al cellulare. “Non so chi sei e non so cosa vuoi. Se ti aspetti un riscatto, ti avverto che non ho soldi. Ma quello che ho è una serie di abilità tangibili , abilità che ho acquisito nella mia carriera. Abilità che possono essere un incubo per persone come te Se rilasci mia figlia ora, tutto sarà sistemato. Non ti cercherò, non ti inseguirò. Ma se non lo fai, ti cercherò, ti troverò e ti ucciderò”.

READ  Perché la Colombia è ancora tra i paesi economicamente più sviluppati al mondo?