Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

I cinque domini del benessere degli animali includono anche lo stato mentale

Il passaggio dalle idee e dalla retorica alle applicazioni pratiche di misure con il potenziale per promuovere il benessere degli animali ha richiesto molto tempo, e solo dopo il 1965, a seguito del lavoro della Commissione Brambell, che ha suggerito alcuni standard su come per farlo. Questo può essere fatto.

Da allora, c’è stato un importante sviluppo nella scienza del benessere degli animali, che ha portato a un’evoluzione Legislazione sulla protezione degli animaliRaccomandazioni sulle buone pratiche di benessere degli animali applicabili agli animali da allevamento e attuazione di azioni educative, compresa l’educazione al benessere degli animali nelle università e la formazione di allevatori e allevatori di bestiame.

Lo hanno affermato diversi docenti brasiliani durante Quinto Incontro Internazionale dei Ricercatori sul Benessere Animaletenutosi alla fine dello scorso anno a Montevideo (Uruguay), dove hanno indicato che queste misure si basavano inizialmente sui principi delle Cinque Libertà, prima definiti dalla Commissione Brambell e successivamente riformulati dal Farm Animal Welfare Council, che si è concentrato su prevenire sofferenze illecite Necessario e soddisfare i bisogni degli animali, senza considerare i casi positivi nella valutazione del benessere animale.

Questo è stato poi rivisto attraverso la proposta Five Domains of Animal Welfare, che ha portato al concetto di una vita degna di essere vissuta, tenendo conto sia degli stati positivi che di quelli negativi considerando quattro domini funzionali (nutrizione, salute, ambiente, comportamento) e un dominio mentale (stato d’animo).

Pertanto, lo stato di benessere animale dipende direttamente dall’interrelazione tra questi domini, perché i cambiamenti in uno di essi hanno effetti diretti o indiretti sugli altri, e una vita degna di essere vissuta significa un bilancio positivo nello stato di benessere umano. Un animale di fronte alle condizioni in cui vive e muore. (Leggi: Benessere animale, una questione trasversale nella produzione animale)

READ  Fattori di business che aiuteranno a migliorare le prestazioni del mercato delle nanotecnologie mediche: aggiornamenti della ricerca medica e farmaceutica

Questo concetto è rafforzato quando si considera l’inseparabilità degli stati positivi e negativi insiti nella vita degli animali e l’importanza di alcuni stati negativi per Sopravvivere e mantenere la propria integrità fisica e mentale. Ciò indica la necessità di pensare da una prospettiva evolutiva al ruolo delle emozioni negative e degli stati mentali che favoriscono la forma fisica dell’individuo che li vive.

“Certamente c’è ancora molto da fare per comprendere le implicazioni di non separare gli stati positivi e negativi nella valutazione del benessere animale, e tra questi limiti c’è trovare un modo per fare valutazioni che consentano di determinare il giusto equilibrio tra di loro, al fine di determinare cos’è la ‘vita’ Non c’è dubbio che l’adozione del concetto delle cinque aree del benessere degli animali è un passo importante in questa direzione, che può essere descritto come uno sviluppo nella scienza del benessere degli animali.

Tutto compromesso

Nel frattempo, ha detto il consulente per la produzione di suini messicano Oscar Fernando Huerta Alva, citato in un articolo sul portale porcicultura.com che luiIl modello dei cinque domini è stato proposto da Mellor & Reid (1994) ed è stato originariamente sviluppato per valutare la partecipazione alla cura degli animali, facilitando la registrazione di esperienze positive che possono migliorarla.

Nella sua configurazione originaria, il modello proponeva un approccio sistematico a Identifica i compromessi in quattro domini fisico/funzionali (Nutrizione, Ambiente, Salute, Comportamento); E nella sfera psicologica, che riflette lo stato generale del benessere e dell’esperienza dell’animale.

Questo modello espande l’utilità facilitando la valutazione sistematica e sistematica degli effetti positivi e negativi associati al benessere, le condizioni che li causano e le potenziali interazioni tra i due tipi di effetti. (Leggi: Benessere animale: una questione etica ma anche economica)

READ  Il primo caso di vaiolo delle scimmie è stato confermato a Mendoza

Il vantaggio principale del modello è che contribuisce alla valutazione sistematica e strutturata del benessere basata sull’attuale comprensione della base funzionale per le esperienze soggettive, negative e positive che gli animali possono avere. È importante distinguere tra queste esperienze, chiamate collettivamente stati mentali o effetti, e gli stati di benessere a cui contribuiscono.

Nel contesto della partecipazione al benessere, le prime quattro aree si concentrano su Cambiamenti fisiologici e fisiopatologici interni legati a fattori nutrizionali, ambientali e di salute. Sfide (Domini 1-3) e condizioni fisiche, biotiche e sociali esterne nell’ambiente dell’animale, che possono limitare la sua capacità di esprimere vari comportamenti o porre sfide significative (Dominio).

Dopo aver valutato questi fattori interni ed esterni, i loro esiti emotivi previsti sono classificati nella quinta categoria, che è “psicologica”, e sono queste esperienze che determinano lo stato di benessere dell’animale.

Ci sono molte potenziali aree di sovrapposizione tra i domini. Le influenze ambientali sono definite sia per il dominio dell’ambiente che per il dominio del comportamento. La generazione di effetti interni, che è correlata agli effetti del dominio 2 (ad esempio: problemi di udito dovuti a rumori forti), non è una componente significativa della valutazione cognitiva, mentre la maggior parte degli effetti dei fattori del dominio 2 (dominio 5), ad es. i rumori sono interpretati come una minaccia, influenzano soprattutto il comportamento dell’animale.

Ampliando la gamma di stati emotivi negativi osservati nel Five Domains Model, nel 1994, sono stati limitati a sete, fame, ansia, paura, dolore e angoscia, riflettendo quelli inclusi nel concetto delle Cinque Libertà, che è stato sviluppato nel 1979 Successivamente, si è prestata attenzione all’ampliamento di questi L’elenco illustrava ulteriori effetti specifici che potevano essere inclusi nel termine generale “ristretto”, che utilmente focalizzava l’attenzione su una gamma molto più ampia di possibili effetti negativi che dovevano essere considerati per dare maggiore profondità a la valutazione del benessere, condotta utilizzando il modello dei cinque domini. (Leggi: Il principio delle cinque libertà, la chiave del benessere animale)

READ  Nuovi volti nello Specialty Coffee

L’elenco attuale, supportato da prove comportamentali, fisiologiche e neurologiche, include mancanza di respiro, sete, dolore, fame, nausea, vertigini, debolezza e malattia, che sono principalmente associati a Input sensoriale generato internamente; e ansia, paura, frustrazione, rabbia, impotenza, solitudine e noia, che sono principalmente legate alla valutazione cognitiva delle loro circostanze esterne.

Il modello dei cinque domini aiuta a identificare l’affetto negativo associato a situazioni che riflettono le risposte cognitive degli animali all’essere tenuti in ambienti impoveriti o ad affrontare situazioni minacciose.