Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

I britannici iniziano a subire le conseguenze della Brexit in modo inaspettato

Il cartello indica ai clienti che la stazione di servizio di Stoke-on-Trent in Gran Bretagna ha esaurito il carburante. Fotografia: Karl Rissen/Reuters

È l’esatta catena che guida l’economia, se uno degli altri anelli soffre, inizia a funzionare male. Questo è ciò che sta accadendo ora in Gran Bretagna. Le restrizioni all’immigrazione imposte dall’uscita della Gran Bretagna dall’Unione Europea hanno causato una carenza di lavoratori nei settori chiave. Non ci sono abbastanza camionisti per trasportare carburante, più di 2000 distributori di benzina sono rimasti senza nulla da offrire, e questo fa soffrire il resto delle attività. I maiali non possono essere inviati alle macellerie e gli allevamenti devono macellarli in massa. I supermercati hanno già quei temuti spazi vuoti tra gli scaffali. Le farmacie non possono sostituire i farmaci che vendono. Le associazioni di categoria avvertono che se questa situazione dovesse continuare per altri dieci giorni, Non ci saranno scorte sufficienti per le feste di fine anno. I britannici sentono in prima persona cosa significa lasciare l’Unione europea.

Il governo di Boris Johnson dice che è tutto a causa di È gestito da consumatori a causa della diffusione di notizie false sui social media. Il segretario al Tesoro Simon Clark ha dichiarato a Sky News che il numero di stazioni di rifornimento sta aumentando rapidamente e che se le persone “acquistano normalmente”. Il problema si risolverà da solo. Il gruppo farmaceutico britannico, Company Chemists’ Association (CCA), la vede diversamente: “L’intera catena di approvvigionamento è colpita dalla carenza di carburante, dall’ingresso nei negozi e magazzini alla distribuzione ai clienti. Negozi al dettaglio”. Anche le enormi linee di carburante sono reali, specialmente a Londra. UK Gas Stations Association (PRA), che rappresenta il 65% di 8400 “stazioni di servizio” sparse in tutto il paese, dice, “molto lentamente è diventato normale”. Ma fino a ieri sera, il 30% delle pompe era a secco e un altro 21% poteva fornire solo diesel di bassa qualità. La stazione di servizio deposita il 20% quando la media annuale è del 43%. C’è anche una differenza geografica nel problema. La carenza è quasi totale nel sud del Paese e a LondraMentre migliora viaggiando verso il nord dell’isola, l’Irlanda del Nord o la Scozia.

Gli autisti di camion specializzati britannici vanno in pensione e non c'è rinnovo della forza lavoro a causa delle restrizioni sull'immigrazione imposte dalla Brexit.  Fotografia: Karl Rissen/Reuters
Gli autisti di camion specializzati britannici vanno in pensione e non c’è rinnovo della forza lavoro a causa delle restrizioni sull’immigrazione imposte dalla Brexit. Fotografia: Karl Rissen/Reuters

La Brexit ha esacerbato la carenza di manodopera, ma la situazione del sindacato dei camionisti è molto speciale. È un’unione molto forte, I lavoratori restano al loro posto per decenni e c’è pochissimo turnover. L’Associazione per il trasporto su strada dei camionisti lo apprezza La Gran Bretagna deve affrontare una carenza di 100.000 conducenti. Circa il 20% di loro sono conducenti che hanno lasciato il Paese dopo la Brexit. Il governo ha adottato alcune misure straordinarie nelle scorse ore per cercare di riportare indietro questi camionisti. Ha aumentato il numero di ore che possono lavorare ogni giorno e ha accelerato il processo di licenza. molto Ha offerto 5.000 visti di lavoro per tre mesi I regolamenti che impediscono alle compagnie petrolifere di coordinare le consegne sono stati sospesi.

READ  Vaccini: Pfizer, Moderna e J&J promettono di fornire 3,5 miliardi di dosi ai paesi poveri

Il leader dell’opposizione laburista, Keir Starmer, ha accusato il primo ministro Johnson di non avere intenzione di sostituire i lavoratori che sono stati costretti a partire a causa della Brexit. Ha detto che il paese è sull’orlo di una carenza di manodopera qualificata in una serie di altri settori. Già lanciato l’allarme nel settore alberghiero, dell’assistenza sociale e della produzione alimentare. Tutte queste aziende hanno assunto lavoratori migranti dai paesi del nord Europa, oltre a russi, centrafricani e coloro che sono fuggiti dalla guerra in Siria. Era manodopera a basso costo e qualificata. Con l’uscita dall’Unione Europea è stato più difficile per tutti entrare in Gran Bretagna e le aziende non hanno potuto sostituirli con giovani lavoratori britannici. Il governo conservatore è completamente confuso: sta cercando di porre fine a un problema e un altro emerge altrove. e questo è La mancanza di pianificazione è sfortunata e pateticaBuon lavoro stellare.

Seduto qui di fronte a un ritratto della regina Elisabetta II dipinto da Andy Warhol, il primo ministro Boris Johnson afferma che la crisi di approvvigionamento del paese sarà presto finita.  Fotografia: David de Delgado/Reuters
Seduto qui di fronte a un ritratto della regina Elisabetta II dipinto da Andy Warhol, il primo ministro Boris Johnson afferma che la crisi di approvvigionamento del paese sarà presto finita. Fotografia: David de Delgado/Reuters

Uomini d’affari e commercianti iniziano a innervosirsi con l’avvicinarsi della stagione di punta delle vendite. Già allo scoppio della crisi dei camionisti, la British Retailers Association (BRC) aveva avvertito che “se non si trova una soluzione nei prossimi 10 giorni, I problemi di Natale sono inevitabiliL’analista economico Clive Black ha detto al Times che si aspetta un disastro a dicembre:Il Natale sarà un incubo per i consumatori. Ci sarà cibo sugli scaffali dei supermercati, ma con una carenza di opzioni. La carenza di lavoratori significava che le fattorie non allevavano abbastanza tacchini e che le fattorie non avevano raccolti sufficienti. E tutto questo è stato aggravato dalla crisi dei camionisti».

READ  Luglio è stato il mese più caldo della storia | Gli esperti dicono che la Terra sta subendo cambiamenti irreversibili a causa del riscaldamento globale

Nel caso in cui il governo di 10 Downing St. Ho già ordinato l’intervento dell’esercito Se la situazione peggiora. La flotta di petroliere di riserva militare consegnerà carburante nei prossimi giorni per alleviare la carenza. Il ministro degli affari Kwasi Kwarting ha affermato che l’alternativa potrebbe essere estesa ad altri settori, se necessario. Intanto sulla stampa britannica compaiono dichiarazioni di tassisti o ristoratori Dicono che se ne pentono sempre di più dopo aver votato sì alla Brexit.

Continuare a leggere: