Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

I bambini possono essere più esposti alla variante delta del coronavirus

Poiché la variante delta è più contagiosa, c’è il rischio di infettare più bambini. (Reuters/Invecchiamento Dinar Olviana/Foto d’archivio)

Ad oggi, i vaccini autorizzati per l’uso di emergenza in tutto il mondo forniscono protezione contro i tipi di coronavirus che preoccupano in tutto il mondo. Ma La variante delta, che è stata rilevata per la prima volta in India lo scorso anno e si è diffusa in più di 80 paesi, può colpire maggiormente i bambini. Finora, i bambini non hanno avuto la priorità nei piani di vaccinazione perché, in generale, non sviluppano complicazioni se contraggono il virus. Sono ancora in corso studi clinici per valutare se i vaccini COVID-19 sono efficaci e sicuri per loro. Le autorità sanitarie in Inghilterra, Stati Uniti, Australia, Italia e Indonesia stanno valutando se l’effetto delta giustifichi l’inizio della vaccinazione nei bambini.

“Ciò che è stato osservato in particolare nel Regno Unito, nel contesto dell’emergere della variante delta, è che le popolazioni giovanili e infantili agiscono come vettori di infezione, in quanto sono coloro che non sono stati immunizzati. Tuttavia, È molto importante sottolineare che sia i bambini che gli adolescenti non hanno forme gravi o ricevono cure ospedaliere e non hanno un tasso di mortalità più elevato”, ha affermato. calcolato per Informazioni La dottoressa delle malattie infettive Leda Guzzi, del Comitato per le comunicazioni della Società argentina di malattie infettive e medico delle malattie infettive della clinica Olivos e dell’ospedale Santa Rosa di Vicente López.

attualmente, "Lida José, una dottoressa in malattie infettive, del Comitato delle Comunicazioni della Società Argentina di Infectologia, ha detto a Infobae (EFE/Juan Ignacio Roncoroni/Archives)
Per ora, ha detto a Infobae (EFE/Juan Ignacio Roncoroni/File) la scienziata in malattie infettive Lida José, del Comitato per le comunicazioni della Società argentina di infectologia.

In Inghilterra, il professor Anthony Harnden, vicepresidente del Joint Committee on Immunization and Immunization, ha dichiarato pochi giorni fa che si sarebbe deciso in poche settimane se consentire o meno la vaccinazione dei bambini contro il Coronavirus: “Siamo ben consapevoli dei problemi che riguardano sia i pro che i contro della vaccinazione dei vostri bambini, di cui discuteremo a tempo debito, ma in realtà ciò di cui dobbiamo essere assolutamente sicuri è che questi vaccini in qualche modo avvantaggiano i bambini. … quindi analizziamo questi dati con molta attenzione. “Ovviamente dovremo esaminarlo nelle prossime settimane”, ha detto Harden.

READ  Lo studio ha scoperto che la metformina avvantaggia i pazienti con insufficienza cardiaca ospedalizzati

Il 15 giugno, la variante delta è stata riclassificata dai Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC). È passato dall’essere una “variabile di interesse” ad essere una “variabile di interesse”. Anche l’Organizzazione mondiale della sanità ha classificato Delta come “preoccupante”.

Negli Stati Uniti, il 64% delle persone di età superiore ai 12 anni è già stato vaccinato con almeno una dose. Poiché il tipo delta più contagioso di coronavirus si diffonde in tutto il paese, c’è il rischio di un nuovo picco di casi COVID-19 a settembre, Soprattutto nelle aree in cui i livelli di vaccinazione sono bassi. Inoltre, i bambini di età inferiore ai 12 anni non possono ricevere il vaccino contro il Covid-19.

Negli Stati Uniti, i residenti vengono vaccinati contro il COVID-19 dall'età di 12 anni.  Ma temono che i bambini che vivono in aree con molti adulti riluttanti a farsi vaccinare o che corrono un rischio maggiore e che ci sarà un picco di casi a settembre (Christopher Capuzello/The New York Times)
Negli Stati Uniti, i residenti vengono vaccinati contro il COVID-19 dall’età di 12 anni. Ma temono che i bambini che vivono in aree con molti adulti riluttanti a farsi vaccinare o che corrono un rischio maggiore e che ci sarà un picco di casi a settembre (Christopher Capuzello/The New York Times)

Per quanto riguarda la variante delta, “Le persone che non sono state vaccinate contro COVID-19, compresi i bambini, sono a maggior rischio perché è più trasmissibile”, ha affermato la dott.ssa Lena Winn, analista medico della CNN, medico di emergenza e professore in visita di politica. George Washington University Milken Institute of Public Health.

Secondo il dottor Wayne, l’effetto della variabile delta dipende da dove vive ogni bambino. “Non sono preoccupato per i miei figli o altri bambini che non sono stati vaccinati contro il COVID-19 che sono vicini a persone completamente vaccinate. Ma sono molto preoccupato che le persone che non sono state vaccinate siano vicine agli altri, siano essi bambini o adulti”. Per quanto riguarda la popolazione statunitense, l’esperto ha affermato: “Poiché la variante delta è più contagiosa, non c’è margine di errore. Se qualcuno è infetto e non vaccinato e ci sono altre persone non vaccinate in giro, c’è una maggiore possibilità che quelle persone non vaccinate lo facciano”. contratto COVID-19, inclusi i bambini. Continuerò a esortare le persone non vaccinate ad agire come se fossero ad alto rischio perché la pandemia non è ancora finita per le persone non vaccinate». Ha raccomandato che gli incontri con i bambini tra varie famiglie e amici avvengano all’aperto solo per evitare l’infezione.

READ  Gli scienziati di Cambridge credono di aver scoperto accidentalmente l'energia oscura durante l'esperimento | Tecnica

In Italia, il virologo Giorgio Palo, membro del comitato tecnico-scientifico e presidente del consiglio di amministrazione dell’Agenzia italiana del farmaco, ha avvertito che la variante delta colpisce maggiormente i bambini. “Si basa sul fatto che sebbene abbiano meno recettori per il virus nelle cellule del tratto respiratorio superiore, naso e gola, si infettano più facilmente perché la variante ha acquisito maggiore affinità per gli stessi recettori”.

Balu ha ritenuto necessario, come misura urgente, “accelerare la campagna vaccinale in tutte le fasce di età, a partire dai 12 anni, e fare tutto il possibile per coprire i quasi 2,5 milioni di ultrasessantenni non ancora vaccinati, i più vulnerabile”.

A Sydney, in Australia, c'è un focolaio di COVID-19 che ha portato a un blocco di massa (REUTERS/Loren Elliott/File Photo)
A Sydney, in Australia, c’è un focolaio di COVID-19 che ha portato a un blocco di massa (REUTERS/Loren Elliott/File Photo)

Nel frattempo, in Australia, stanno anche effettuando valutazioni del rischio per i bambini. Stuart Torville, professore e virologo presso il Kirby Institute, ha ritenuto che: Quello che sappiamo è che la variante delta sembra essere la più contagiosa di tutte. È difficile calcolare la suscettibilità dei bambini alla variante delta, principalmente perché non sono stati vaccinati”. Ha osservato che la situazione dei bambini in Australia necessitava di maggiore monitoraggio.

Nella capitale indonesiana, Jakarta, sono stati segnalati 112 casi di bambini di diverse età con diagnosi di coronavirus di tipo delta. Delta ha dominato l’87% di tutte le scoperte di nuove varianti identificate questa settimana.

“La popolazione di bambini e giovani non era inizialmente un obiettivo prioritario per la vaccinazione in nessuna parte del mondo, poiché l’infezione da MERS-CoV tende a presentarsi lievemente nella stragrande maggioranza dei casi e pochissime persone hanno forme gravi, Anche le complicanze più temute della sindrome infiammatoria multisistemica dopo la malattia da COVID-19, ha spiegato il dottor Guzzizzi Informazioni.

Javier Farina ha affermato che l'uso corretto di maschere o tutori per il mento, distanza sociale, ventilazione interna costante, lavaggio frequente delle mani e incontri con amici o familiari che non vivono insieme sono le principali misure per proteggere i bambini dalla variante delta del coronavirus.  Dalla Società Argentina di Malattie Infettive (REUTERS/Aly Song)
Javier Farina ha affermato che l’uso corretto di maschere o tutori per il mento, distanza sociale, ventilazione interna costante, lavaggio frequente delle mani e incontri con amici o familiari che non vivono insieme sono le principali misure per proteggere i bambini dalla variante delta del coronavirus. Dalla Società Argentina di Malattie Infettive (REUTERS/Aly Song)

Nel frattempo, il Dr. Javier Farina, Membro della Società Argentina di Infectologia (SADI) e Responsabile di Infectologia presso l’Hospital de Alta Complegidad Cuenca Alta, a Cañolas, provincia di Buenos Aires, ha confermato che Va anche notato che bambini e adolescenti sono quasi tornati alla maggior parte delle attività faccia a faccia che avevano prima dello scoppio della pandemia. È una comunità che non è stata vaccinata. Man mano che emergono varianti come il delta, che sono più contagiose, e man mano che il piano di vaccinazione si espande, la chiave oggi è che i bambini e gli adolescenti seguano misure di prevenzione. Come l’uso corretto di un sottogola, mantenere una distanza tra di voi, evitare riunioni al chiuso senza ventilazione costante e lavare frequentemente i controlli”.

READ  Medici extra UE, quali collegi li rappresentano?

Continuare a leggere:

Ho il coronavirus: 5 precauzioni da tenere a mente
Chiedono più studi per applicare un vaccino contro il COVID-19 ai bambini