Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Hanno scoperto che gli antinfiammatori possono aumentare le possibilità di sviluppare dolore cronico

L’uso di antinfiammatori e steroidi per alleviare il dolore può aumentare le possibilità di sviluppare dolore cronicoSecondo i ricercatori della McGill University di Montreal, in Canada, e i loro colleghi in Italia. La sua ricerca mette in discussione le pratiche tradizionali utilizzate per alleviare il dolore. Il normale recupero da una lesione traumatica include l’infiammazione e prevenire questa infiammazione con i farmaci può portare a un dolore più difficile da trattare.

“Per molti decenni, La pratica medica abituale era quella di trattare il dolore con farmaci antinfiammatori. Ma abbiamo scoperto che questa soluzione a breve termine può portare a problemi a lungo termine”, afferma Jeffrey Mogill, professore presso il Dipartimento di Psicologia della McGill University. Nello studio pubblicato su Science Translational Medicine, i ricercatori hanno esaminato i meccanismi del dolore in entrambi gli esseri umani e topi, e hanno scoperto che i neutrofili (un tipo di globuli bianchi che aiuta il corpo a combattere le infezioni) svolgono un ruolo importante nella risoluzione del dolore.

“Analizzando i geni delle persone con lombalgia, abbiamo visto cambiamenti attivi nei geni nel tempo in persone il cui dolore era scomparso. I cambiamenti nell’attività e nell’attività delle cellule del sangue sembrano essere il fattore più importante, specialmente nelle cellule chiamate neutrofili”, Luda Diatchenko, professore al College of Medicine e al College of Dentistry, e destinatario della Canadian Research Chair of Excellence in Human Pain Genetics.

“I neutrofili dominano le prime fasi dell’infiammazione e preparano le basi per la riparazione del danno tissutale. L’infiammazione si verifica per una ragione e Sembra pericoloso interferire con essoIl blocco sperimentale dei neutrofili nei topi ha prolungato il dolore fino a dieci volte la sua durata normale.Il trattamento del dolore con antinfiammatori e steroidi come desametasone e diclofenac ha dato lo stesso risultato, sebbene fosse efficace contro il dolore in fase iniziale.

READ  La matematica dovrebbe essere una materia sperimentale per migliorarne le prestazioni

Questi risultati sono supportati anche da un’altra analisi di 500.000 persone nel Regno Unito Ha dimostrato che coloro che assumevano antinfiammatori per trattare il dolore avevano maggiori probabilità di svilupparlo dopo due o dieci anni, un effetto non osservato nelle persone che assumono paracetamolo o antidepressivi. “I nostri risultati suggeriscono che è tempo di riconsiderare il modo in cui trattiamo il dolore acuto. Fortunatamente, il dolore può essere eliminato con altri metodi che non implicano l’interferenza con l’infiammazione”, afferma Massimo Allegri, MD, medico della Clinica dell’Ospedale di Monza. (Italia) e l’Ensemble Hospitalier de la Cote (Svizzera).

“Abbiamo scoperto che la risoluzione del dolore è in realtà un processo biologico attivo”, afferma il professor Dyachenko. Conclude: “Questi risultati dovrebbero essere seguiti da studi clinici che confrontano direttamente gli antinfiammatori con altri analgesici che alleviano il dolore ma non alterano l’infiammazione”.