Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Hanno riferito che un’ex guardia del corpo di Vladimir Putin, responsabile della valigetta nucleare, è stata trovata nel suo appartamento.

Mosca: ex guardia di sicurezza di Il presidente russo Vladimir Putin che si è trasferito in passato Il borsa nucleare Dal Cremlino con colpo alla testa Nel suo appartamento vicino a Mosca e in gravi condizioni, secondo quanto riportato dalla stampa internazionale.

Colonnello in pensione dell’FSB Vadim ZiminE il quotidiano britannico afferma che il 53enne è in gravi condizioni, ed è stato ricoverato in terapia intensiva donna.

Zemin era responsabile del portafoglio di controllo nucleare della Russia durante l’amministrazione dell’ex presidente Boris Eltsin (1991-1999). Ha poi continuato a servire come colonnello durante il mandato di Putin, ma il suo ruolo in quel momento rimane poco chiaro.

La valigetta nucleare di Boris Eltsin in mostra allo Yektsen Center

Ex guardia del corpo Suo fratello lo trovò nella cucina del suo appartamento a Krasnogorsk, nella regione di Mosca, in una pozza di sangue e con una pallottola alla testa. Nelle vicinanze c’era la pistola Izh 79-9TM, nota anche come “Makarych”.

Secondo quanto riferito, il fratello era in bagno al momento della sparatoria.

Affronta l’ex guardia del corpo presidenziale Indagine penale sull’accettazione di tangenti alla dogana, Dove ha ricoperto una posizione gerarchica, secondo il quotidiano russo Moskovsky Komsomolets. stava scontando una pena sotto arresti domiciliari per il caso.

L'unica foto conosciuta di Vadim Zimin
L’unica foto conosciuta di Vadim Zimin

La moglie di Zemin è un medico e attualmente sta curando i feriti di guerra in Ucraina.

Sebbene sia comunemente chiamato “sacchetto nucleare”, in effetti Ci sono tre “cheguet” (come vengono chiamati in russo) che si trovano in quel paese. Uno di loro accompagna il presidente russo ovunque, e gli altri due sono portati dal ministro della Difesa e dal presidente dei capi di stato maggiore congiunti, in questo caso Sergei Shoigu e Valery Gerasimov. Almeno due dei tre devono attivare i codici per lanciare un attacco nucleare, e uno di loro deve essere necessariamente il boss.

READ  Pensavo avesse un'infezione all'orecchio, ma è rimasta sbalordita nello scoprire perché

Tutti e tre i vuoti sono gli stessi. Pesano circa 11 chilogrammi e, oltre al telefono, hanno un terminale con diversi codici criptati, collegato a uno speciale sistema di comunicazione destinato alle emergenze nucleari, chiamato Kavkaz.

La notizia è arrivata il giorno in cui Putin ha incontrato i paesi Mattoni (Brasile, Russia, India, Cina e Sud Africa) e invitarli a fare di più cooperazione Per far fronte alle “azioni egoistiche” dei paesi occidentali, un riferimento alle sanzioni che hanno punito Mosca per la sua offensiva in Ucraina.

“Solo sulla base della leale e proficua collaborazione di tutti, possiamo trovare una via d’uscita dalla situazione di crisi che sta colpendo l’economia mondiale a causa di Comportamento egoistico e sconsiderato per alcuni paesiPutin ha detto all’inizio di questo vertice virtuale del gruppo BRICS, riferendosi a queste sanzioni contro la Russia che hanno anche un impatto negativo sull’economia globale.

In questa foto rilasciata dall'agenzia di stampa Xinhua, il presidente russo Vladimir Putin tiene un discorso virtuale alla cerimonia di apertura del BRICS Business Forum a Pechino.
In questa foto rilasciata dall’agenzia di stampa Xinhua, il presidente russo Vladimir Putin tiene un discorso virtuale alla cerimonia di apertura del BRICS Business Forum a Pechino.Yin Gang – Xinhua

Il presidente ha denunciato i tentativi di questi paesi occidentali di “usare meccanismi finanziari per ritenere tutti responsabili dei propri errori di politica macroeconomica”.

“Che i paesi BRICS assumano un ruolo di leadership oggi più che mai necessario per stabilire una politica unitaria e positiva, al fine di creare un sistema [mundial] Lo ha detto il presidente russo.

Secondo Putin, I paesi BRICS possono contare sul sostegno di “molti paesi in Asia, Africa e America Latina che aspirano ad attuare una politica indipendente”.

Agenzia di stampa francese