Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Hanno registrato un insolito aumento dei casi di influenza A per questo periodo dell’anno: quando inizia la vaccinazione?

Non potevo alzarmi dal letto. “Ho avuto una febbre di 40 gradi.” “Ho molti amici così.” “Mio fratello ha difficoltà a respirare e ha passato un brutto periodo”. Le storie si ripetono sempre di più e si intrecciano con familiari, amici, conoscenti o colleghi di lavoro. Nelle ultime settimane c’è stato un aumento Casi di persone che presentavano sintomi solitamente associati al Covid-19, ma risultavano negative al momento del test. Di fronte alla confusione e alla mancanza di informazioni al riguardo, alcuni funzionari e autorità sanitarie hanno fornito una spiegazione al riguardo.

Abbiamo rilevato un picco in rari casi di influenza H3N2 in questo periodo dell’anno. È qualcosa che è successo anche in paesi della regione come il Brasile. Abbiamo l’impegno del ministero della Salute del Paese che il vaccino arrivi a fine mese e potremo iniziare a vaccinare contro l’influenza, a cominciare dagli operatori sanitari e dai gruppi più a rischio”, ha affermato il presidente del ministero. della Salute di Buenos Aires Nicholas Creplak del Ministero. Alla regia di Carla Vizzotti, invece, non c’è stata risposta.

Da Ministero della Salute Comunalenel frattempo, a Nazione Nelle ultime settimane c’è stato anche un aumento dei casi di influenza. Hanno aggiunto che questa crescita del numero di infezioni si verifica prima del solito perché l’aumento si verifica solitamente nei mesi più freddi dell’anno. Inoltre, hanno indicato che la vaccinazione antinfluenzale inizierà il mese prossimo.

All’ospedale tedesco, hanno preso atto della situazione. là, Non solo prendono i tamponi per Covid, ma lo fanno anche per rilevare l’influenza. Secondo le loro autorità sanitarie, i sintomi sono molto simili. Sebbene non abbiano ancora un numero specifico per specificare un parametro per le persone con influenza H3N2A causa della presenza di altri virus respiratori, state certi che la positività ai test Covid è attualmente solo del 10% circa. Ciò significa che il resto può avere l’influenza.

READ  Francesco non esclude le dimissioni definitive | Il Papa ha parlato ai giornalisti durante il volo di ritorno dal Canada al Vaticano

“Che l’influenza sia apparsa così presto nell’anno è sorprendente, ma il fatto è che negli anni precedenti la pandemia, non siamo stati in grado di diagnosticare l’influenza in questo momento; è passata solo come una malattia virale respiratoria. Non possiamo dirlo quest’anno c’è molto di più di prima”. Negli anni precedenti la pandemia. Sì, c’è un notevole aumento del numero di casi rispetto alle settimane precedenti‘”, spiega la dott.ssa Christina Froeller, direttrice di medicina interna dell’istituto.

Ricardo Tejero, scienziato delle malattie infettive dell’ospedale Perufano e membro della Società argentina delle malattie infettive, è d’accordo. “Stiamo assistendo a un aumento, ma non va molto oltre e non comporta il rischio di complicazioni”.

Inoltre, lo specialista chiede cautela da allora I cittadini non prendono alla leggera o attribuiscono la malattia senza prima consultare un medico, l’unico che può determinare. “Non dimentichiamo che i sintomi sono comuni in molte malattie respiratorie”, ha detto.

Marcos, 28, Fernando, 31, e Juliana, 21, sono pazienti che descrivono sintomi simili. Febbre superiore a 39°C, grave affaticamento muscolare, mal di testa, congestione nasale, tosse e respiro corto. Tutti e tre vivono in AMBA. Inizia con il disagio muscolare durante la notte e la tosse. Dopo tre giorni di febbre e incapacità di muoversi, dice Marcus. Una volta che la mia temperatura si è abbassata, mi sono sentito male per diversi giorni in più”.

Ho passato un periodo peggiore di quello che ho passato con il Covid; La notte scorsa [del sábado] Sono finito sotto osservazione, ma prima ancora Sono andato in altri quattro ospedali della città e nessuno di loro è venuto con me su richiesta‘ dice Ferdinando.

READ  La Spagna ha bisogno di un'agenzia spaziale? Il piano del governo di cui "nessuno sa niente"

Le precauzioni avrebbero dovuto essere maggiori per Juliana a causa di patologie respiratorie preesistenti: broncospasmo e rinite allergica, il cui controllo dipende da una dose giornaliera. “Ho fatto due esami. Lunedì scorso saliva e mi ha dato negativo. Un altro venerdì, ma macchia, e stesso risultato”. Ora sono isolato dai sintomi di febbre e tosse con molto muco“.

Come Marcos e Fernando, ha evidenziato un’eccessiva sudorazione causata dagli sbalzi della temperatura corporea: “È una febbre che sale e scende brutalmente. Ti svegli sudando, ma la febbre può tornare”.

L’influenza H3N2 è una “influenza stagionale di tipo A” causata dalla diffusione del virus dell’influenza A. Ha avuto origine più di 60 anni fa, durante un’epidemia a Hong Kong alla fine degli anni ’60. Tuttavia, i virus mutano in nuovi ceppi nel tempo. Quello che vediamo oggi in Argentina, ha già fatto forti progressi negli ultimi mesi del 2021 in America Latina, in particolare in Brasile, oltre che in Messico, Repubblica Dominicana e Perù. Nel nostro Paese, oltre al CABA e alla provincia di Buenos Aires, sono state lanciate allerte anche in altre regioni come Salta, Tucumán, Santiago del Estero, Santa Fe e Córdoba.

Per evitare ulteriore confusione, il dott. Froeller sottolinea che esistono due gruppi di tipi di influenza: A e B. “Tutti i virus sono classificati e classificati in base alle proteine ​​H o N che contengono. La famosa influenza A che ci ha causato molta paura e malattia appartiene al gruppo A H1N1. Il virus che vediamo ora è anche A ma H3. Questo virus è stato contemplato nei vaccini negli ultimi due anni, quindi coloro che lo hanno inserito tornano utili.

READ  Oggi al Giro d'Italia, Fernando Gaviria, racconta cosa è successo a Mulano

Tuttavia, Teiero lo avverte da marzo 2020 I programmi di vaccinazione per altre malattie non causate da COVID sono incompatibili. “Se non correggiamo in tempo lo schema con altri vaccini, Rischiamo che malattie che già avevamo sotto controllo ci complichino di nuovo‘, lei dice.

La vaccinazione è necessariaPer le persone con più di 65 anni, fumatori, persone con un sistema immunitario debole, persone con problemi muscolari e bambini di età inferiore ai 4 anni‘, aggiunge il Direttore del Dipartimento di Medicina Interna dell’Ospedale Tedesco.

Oltre a pensare che si tratti di un’influenza durante le sue stagioni più comuni (autunno e inverno), i medici affermano che entro due anni dalla pandemia si è verificata una diminuzione di altri virus a causa della prevenzione e del confinamento. “Sono fuori circolazione per Covid. Attira l’attenzione di tutti gli scienziati infettivi e Era dovuto principalmente alla riduzione dei contatti sociali. In altre parole, oltre al Covid, è stata evitata l’influenza”, afferma Tijiro.

Per Früller, “Questo parla del fatto che due anni fa non siamo stati esposti al virus dell’influenza che lo ha causato Potremmo essere più sensibili ora“.

In collaborazione con Alejandro Horvat