Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Hanno condannato un’infermiera che ha drogato e maltrattato un paziente dell’Istituto Favaloro

L’incidente è avvenuto il 31 agosto 2020 in uno degli annessi della Fondazione Favaloro, situato in viale Belgrano 1723 nella Capitale Federale (Photo / fundacionfavaloro.org /)

infermiera da Fondazione Favaloro giudicarlo Due anni di carcere sospesi per aver drogato e aggredito sessualmente un paziente Ad agosto 2020. Devi inoltre sottoporti a psicoterapia e frequentare un corso di formazione sulla violenza di genere in una prospettiva terapeutica sessuale.

La decisione è stata presa da Corte penale e correttiva orale n. 15 Capitale federale, presieduta da un giudice di camera Virginia Sansone E il segretario privato Gonzalo Daniel Pesqueira e gli cadde addosso Giulio Cesare Cruz Hinostrosa36 anni, è nato in Perù e non ha precedenti penali Si è dichiarato colpevole durante un breve processo.

Nella sentenza di 21 pagine che ha approvato InfobaeE il Il comitato per le opzioni tecniche ha ordinato un’indagine per verificare se un’altra infermiera della struttura fosse complice degli abusi, come denunciato dalla vittima.. Finora, le prove, basate principalmente sulle immagini delle telecamere di sicurezza interne fornite dalla clinica, mostrano solo la partecipazione di Cruz Hinostroza.

Si è verificato il fatto per il quale l’operatore sanitario è stato condannato Lunedì 31 agosto 2020tra le 2:46 e le 3:01, presso una dependance della Favaloro Corporation, situata al 1723 di Belgrano Avenue nella Capitale Federale.

Come infermiera, Cruz Hinostrosa è entrata nella stanza 705 al settimo piano, dove la paziente è stata ricoverata in ospedale e, “approfittando della sua sonnolenza”, l’ha aggredita sessualmente.

(…) La condusse al bagno in camera, dove procedette a spogliarla e a toccarle seno e genitali – senza acconsentire a tale procedura – approfittando dello stato di sonnolenza in cui si trovava, di conseguenza di prescrizione di medicinali e sommandosi all’amalgama di “bendoziazepinas` attribuitegli dal nome senza prescriverlo, aggravando lo stato di vigilanza (…)“.

La giovane infermiera ha somministrato alla giovane infermiera delle benzodiazepine, un farmaco psicoattivo non prescritto dai medici che ha un effetto. "calmante" (foto/fundacionfavaloro.org/)
La giovane infermiera ha somministrato benzodiazepine, un farmaco psicotropo non prescritto dai medici che ha un effetto “sedativo” (Photo/fundacionfavaloro.org/)

La 24enne è intervenuta in istituto il 25 agosto 2020: Ha subito un’angioplastica renale e ha posizionato a stent nella vena renale. Ma tre giorni dopo, è tornata al centro sanitario con “forti dolori addominali” ed è stata nuovamente ricoverata in ospedale. Durante questo periodo Cruz Hinostrosa la abusò.

READ  Casi COVID-19 con omicron lieve o asintomatico: autorità europea

Come rilevato nell’indagine, La giovane infermiera diede benzodiazepineun farmaco psicotropo “non prescritto dai medici”, che “ha aumentato la sua veglia” perché ha “un effetto sedativo, ansiolitico, miorilassante, anticonvulsivante, ipnotico e antispasmodico”.

Le immagini delle telecamere di sorveglianza non lasciano dubbi. Tra il 30 e il 31 agosto 2020, Cruz Hinostroza è entrato nella stanza della vittima decine di volte. In uno degli ingressi, che è proprio quello che coincide per ora e data con l’evento e che è durato più di 15 minuti, si osserva un’infermiera entrare con quello che diventerebbe un set di lenzuola bianche.

“(…) Con il pretesto di dover cambiare le lenzuola e il pigiama, perché bagnati, prese la paziente per le braccia, la condusse al bagno in detta stanza, la mise nel gabinetto e se ne andò la parte superiore e inferiore del pigiama che indossava, e gli toccò le parti intime (.. .)”.

La mattina dopo, la vittima si è svegliata a letto intorno alle 8:30 con vertigini e visione distorta. In quel momento, come riferì in seguito, si rese conto che indossava un vestito per l’istituto e che il suo pigiama era appeso alla ringhiera del bagno. “La situazione le ha permesso di ricordare cosa era successo, oltre a provare dolore nella zona vaginale‘, recita la sentenza.

Garantisce anche questo Secondo la testimonianza della giovane, due persone l’hanno portata in bagno e le hanno tolto i vestiti.. Questo è il motivo per cui è ancora oggetto di indagine se un’altra infermiera nello stabilimento sia stata complice dell’abuso o fosse complice.

In Brasile, un anestesista ha violentato una donna incinta che stava per partorire, ha violentato una donna incinta che stava per partorire.  arrestato
In Brasile, un anestesista ha violentato una donna incinta che stava per partorire, ha violentato una donna incinta che stava per partorire. arrestato

Dopo che la direzione medica e la revisione medica della Fondazione Favaloro hanno appreso dell’accaduto, è stata presentata una denuncia alla polizia ed è stato applicato il protocollo per le vittime di crimini contro l’integrità sessuale.

READ  La nave da crociera di classe MSC ha molti vantaggi a bordo delle banchine di Barcellona

Nel frattempo, la fondazione ha collaborato alle indagini non solo fornendo immagini dalle telecamere di sicurezza interna, ma anche fornendo i file di sospetti infermieri e le testimonianze di due medici che hanno curato il paziente..

Il Comitato per le opzioni tecniche 15 ha stabilito che per il reato di “violenza sessuale minore” aggravato dallo “sfruttamento di uno stato di vulnerabilità”, nonché “la qualità del caregiver che stava eseguendo in quel momento”, Cruz Hinostroza deve rispettare due anni in carcere, si sottopone a cure Psicologa e frequenta un corso sulla violenza di genere con prospettiva terapeutica in materia sessuale.

Non è la prima volta che un evento di questa portata si verifica in un centro sanitario. Nel giugno 2021, Una donna ha riferito di essere stata violentata al Gomis Sanitarium mentre veniva drogata.

la settimana scorsa, Un anestesista è stato arrestato in Brasile, dopo aver aggredito sessualmente una donna incintadurante il taglio cesareo. L’arresto è stato effettuato dopo che le autorità del Women’s Hospital hanno visto un video filmato dai membri dell’équipe medica che lo mostrava mentre decomprimeva il membro e lo inserisce nella bocca della paziente.

Continuare a leggere: