Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Ha perso l’udito da piccola e le è stato detto che non avrebbe mai lavorato nel settore sanitario: ora fa l’infermiera

Ha perso l’udito da piccola e le è stato detto che non avrebbe mai lavorato nel settore sanitario: ora fa l’infermiera

Mikaela spera di ispirare altre persone sorde a seguire i loro sogni (@Mikaelachavezt)

Michaela Thepphongsa Ha iniziato a perdere l’udito quando aveva un anno. È nato sano e con un udito normale come il resto della sua famiglia e inizialmente reagiva ai rumori intorno a lui cercando di imitarli. Tuttavia, quando aveva circa un anno, i suoi genitori iniziarono a notare cambiamenti preoccupanti. “Non potevo sopportare, sono caduta e non ho pianto. I miei genitori hanno provato a farmi il solletico e io non ho reagito”, dice Michaela, una residente della città. Seattle, Washingtonin un’intervista con la gente. Questo fu l’inizio di un lungo e impegnativo viaggio per capire cosa stava succedendo.

I genitori si sentono frustrati e ansiosi Michaela Hanno esposto le loro preoccupazioni a diversi medici, ma questi li hanno ripetutamente respinti, affermando che si trattava di un problema comportamentale piuttosto che di una condizione medica. Tuttavia, la madre di Michaela ha rifiutato di accettare queste risposte e ha deciso di prendere in mano la situazione. Ha scritto una lettera dettagliata descrivendo tutti i sintomi di sua figlia, come l’assenza di reazione a stimoli come il suono e il tatto. Questa lettera è stata distribuita a vari studi medici locali.

Dei tanti professionisti che hanno ricevuto la lettera, solo un’infermiera ha contattato la madre di Michaela. “Quell’infermiera ha chiamato mia madre e le ha detto che pensava di poter aiutare, il che mi ha spinto a fare una risonanza magnetica”, ha spiegato Michaela. IL Risonanza magnetica Lo ha rivelato Michaela aveva lesioni prominenti della sostanza bianca in entrambi gli emisferi.Cosa estremamente rara per qualcuno della sua età.

Con i risultati della risonanza magnetica, a Michaela è stata diagnosticata Perdita uditiva neurosensoriale profonda bilateraleuna condizione che influisce sulla funzione dell’orecchio interno, ha descritto Clinica Mayo. Quasi, Tra i due e i tre anni perse completamente l’udito e divenne sorda da entrambe le orecchie.

READ  Cosa infesta la casa rosa

“Convivere con una profonda perdita dell’udito bilaterale e altre malattie e disabilità croniche ha presentato molte sfide nella mia vita”, afferma Michaela. “Ciò includeva trascorrere molto tempo negli ospedali e sottoporsi a vari trattamenti: terapia fisica, logopedia e terapia occupazionale”. Fin dalla tenera età, Michaela ha dovuto adattarsi a un ambiente di cure e cure mediche costanti.

Crescendo, Michaela ha dovuto affrontare i propri limiti e la mancanza di comprensione e adattamento al suo ambiente.

Quando Mikaela aveva due anni, le fu diagnosticata la sordità (@Mikaelachavezt)

Motivata da queste esperienze, dopo aver conseguito la laurea in psicologia presso l’Università di Università Statale A Washington In pullman, Michaela ha deciso di dedicarsi all’assistenza infermieristica– Iscriversi alla Facoltà di Infermieristica della stessa università. Tuttavia, il percorso per diventare infermiera non è stato facile. In un video virale di tic toc Con oltre un milione di visualizzazioni, Michaela racconta come Durante la sua prima rotazione clinica, un istruttore dubitava della sua capacità di fare l’infermiera a causa delle sue condizioni. “Stavo attraversando un periodo difficile e volevo condividere le mie esperienze personali”, dice Michaela riguardo al motivo dei suoi video. “Volevo anche esercitarmi a parlare davanti alla telecamera, che è sempre stata una delle mie più grandi paure.”

Nonostante gli ostacoli iniziali e l’incomprensione da parte di alcuni suoi professori e colleghi, Michaela ha perseverato. Ha completato con successo tutte le sue lezioni e si è laureato con lode nel 2019. La sua dedizione e i suoi sforzi sono stati riconosciuti e convalidati quando ha ottenuto il suo primo lavoro presso Unità di terapia intensiva (UTI) Come infermiera neolaureata. Lavora in questo settore vitale da oltre un anno, affrontando e gestendo situazioni estremamente difficili, sia dal punto di vista medico che emotivo. Sei mesi dopo essere stata ricoverata in terapia intensiva, Michaela ha assunto un ulteriore posto come infermiera domiciliare.

READ  La Jornada - Il Manchester City vince la 'UEFA Champions League'; Sconfitta per 1-0 contro l'Inter

Questo ruolo nell’assistenza domiciliare le ha permesso di interagire più da vicino con i pazienti e fornire cure più personalizzate. Ciò ha migliorato la sua esperienza e le sue capacità come infermiera. Michaela attualmente lavora nell’assistenza infermieristica di comunità, prendendosi cura di pazienti con disabilità e persone che non parlano inglese come prima lingua. Il suo stile personale e la capacità di leggere le labbra erano strumenti inestimabili nella sua pratica quotidiana. “Molti dei miei pazienti esprimono i loro bisogni ad alta voce e, poiché so leggere le labbra, questa capacità mi è stata molto utile”, spiega. “Conosco il linguaggio dei segni, ma poiché la maggior parte dei miei pazienti non è sordo o non lo conosce, non mi è stato utile.”

Il lavoro di Michaela nella comunità le permette di applicare la sua esperienza personale per comunicare in modo speciale con altri pazienti sordi. “Nella mia posizione attuale, dove lavoro con pazienti sordi, la mia esperienza personale mi permette di comunicare con loro”, afferma.

Le sue esperienze negli ospedali hanno ispirato Michaela a intraprendere una carriera infermieristica (acquisizione video)

Michaela è diventata una figura d’ispirazione per molti. Spera che condividendo la sua storia possa motivare altre persone non udenti e con problemi di udito ad essere orgogliose di ciò che sono e a realizzare i propri sogni, indipendentemente dagli ostacoli che devono affrontare. “Sarò sempre sordo, il che significa che dovrò sempre affrontare ulteriori ostacoli e barriere per tutta la mia vita.” Ciò significa che dovrò sempre difendere me stesso, educare spesso gli altri sulla consapevolezza della sordità e della disabilità ed essere consapevole delle tecnologie assistive disponibili.

READ  La richiesta di cure nei reparti ospedalieri e nelle cliniche a causa dei virus respiratori è in aumento

Prosegue: “Sono orgogliosa di me stessa perché seguo i miei sogni, nonostante le difficoltà nel realizzarli”. Ha concluso dicendo: “Questa non è la fine, ma solo l’inizio”.