Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Ha giocato per sette club argentini, ha ammesso di non aver mai amato il calcio e ora alleva pecore.

Josemir Lujambio Vaga per la sua fattoria situata a TacuarimboE il Uruguay. Nella sua nuova vita lontana dal rumore e dalla pace ispirata dal crepitio di un pollo in sottofondo, entra in dialogo con Nazione È forte: Non vuole sapere nulla di calcio. Nel 2012, quando ha appeso le scarpe al chiodo, è scomparso e Si è rivolto al campo, la sua vera passione.

Nella sua carriera professionale, ha giocato per 18 club. Nel 1996 ha attraversato lo stagno e ha stabilito una relazione romantica con la campagna indossando i colori L’uragano Corrientes. Grazie agli immancabili traguardi e dettagli dei suoi capelli biondi, Lugambio Ha continuato la sua carriera nel calcio argentino con le maglie di NewellE il BelgranoE il Banfield -due fasi-E il istitutoE il Olimpo S Atletico Tucumán.

Da quando ho lasciato il calcio non ne voglio più sapere nulla. Con quello che ho fatto nello sport ho comprato una residenza e ora siamo con la mia famiglia, produttori rurali. Mi dedico alle pecore e ai bovini. Questa è una vita molto diversa da quella a cui sei abituato nel calcio, ma Mi sento più felice ora. Prima guadagnavo di più, ma ora mi sento più felice con meno‘, ha commentato LugambioTono di voce divertente e calmo.

Josemir Lujambio ai suoi tempi come giocatore di Banfield

Dieci anni dopo essersi ritirato dall’attivismo, lo ammette Non tiene una maglietta o un pallone da calcio nella sua stanza. Per lui questo era lo sport, la passione delle masse solo un lavoro, veicolo per raggiungere un bersaglio lontano dal campo. “Sono grato per il calcio, mi ha dato l’opportunità di essere qui, dove sono e realizzare il mio sogno. Ma, capisci, niente è nato per me‘, fa notare.

Nelle particolarità del suo viaggio, Lugambio Ne scelse uno per compilare una riflessione onesta su come si sentiva. “A volte mi è venuto in mente che ero sull’autobus con i miei compagni di squadra, dal campo di concentramento allo stadio, e ho chiesto loro contro chi stavamo giocando. Non potevano crederci”Ricorda tra le risate.

READ  Euro 2021: due decenni di leggenda Pandev

Durante i suoi 20 anni di carriera, Lujambio ha rotto la rete ed è diventato un incubo per molti difensori. Oltre ad un buon livello di calcio, La sua testa era completamente staccata alla fine dell’incontro. Sentiva che il suo lavoro era finito e che non si era mai sintonizzato da remoto su un canale sportivo per vedere di nuovo i suoi obiettivi. “Nella mia carriera ho smesso di giocare professionalmente tre volte. Non ho avuto problemi a farlo e tornare a casa, Non era nemmeno qualcosa che mi ha fatto impazzire.. Per questo non è stato difficile per me il giorno in cui ho lasciato il calcio. A volte sento che i giocatori di football si deprimono perché smettono di giocare e non li capisco. Se ti è successo è perché non stavi facendo le cose per bene.‘, un rischio.

Lujambio, a cavallo, trova la sua nuova passione nel ruolo di produttore di campagna
Lujambio, a cavallo, trova la sua nuova passione nel ruolo di produttore di campagna

Nel 2005, dopo essere stato disoccupato per dieci mesi, Lugambio Ha ricevuto una telefonata da un connazionale Louis Garstow Ho deciso di accettare la proposta istituto. Al suo arrivo a Cordoba, una delle località più amanti del calcio del Paese, l’attaccante ha deciso di sottolineare, come messaggio di presentazione, di essere tifoso del Belgrano, Uno dei club con cui Gloria mantiene una competizione. “Sembrava così, ma quando a volte hai a che fare con la verità, a loro non piace. Per i fan dell’Istituto era il figlio venerato di sua madre, mi mettevano in ogni partita. Anche in una partita con Almagro abbiamo perso 2-0, la sentenza sarebbe caduta in meno di un minuto Ho segnato due gol e abbiamo finito per vincere 3-2. Non appena la partita è finita e sono uscito dal campo, mi hanno adorato. Sono davvero pazzi. Non li capivo e nemmeno io. Non ci sono vie di mezzo, è difficile credere che qualcuno si uccida per una squadra e li metta, ad esempio, davanti alla sua famiglia”, dice di Passion.

READ  Con Messi e Di Maria, il Paris Saint-Germain batte il Monaco a Parigi

Sono venuto al calcio per festeggiare il suo 15esimo compleanno″. Lugambio tenta e ricorda quei primi passi, cosa insolita. È nato a Durazno, una città del suo paese natale, e si è trasferito in Florida, a 100 chilometri di distanza, per testare ragazzi sotto i 18 anni. Nazionale dell’Uruguay. Lui, come descritto, era Gorey che giocava a tornei amatoriali nel suo quartiere e decise di accettare la proposta di un allenatore a lui noto.

In un edificio dove si sono radunati circa 40 ragazzi, Lujambio ha posto una sola condizione: giocare solo 45 minuti della partita mentre festeggiava il suo 15esimo compleanno dopo questa pratica.. “Ho giocato e segnato tre gol e me ne sono andato per il mio compleanno (ride). Il giorno dopo il tecnico mi ha chiamato e mi ha detto: ‘Dei quaranta che hanno partecipato, sei rimasto solo.'”

Josemir Lujambio giocava all'Instituto ma all'arrivo ha avuto l'idea di dire che era di Belgrano: lo insultavano in ogni partita fino a salvarlo dalla retrocessione.
Josemir Lujambio giocava all’Instituto ma all’arrivo ha avuto l’idea di dire che era di Belgrano: lo insultavano in ogni partita fino a salvarlo dalla retrocessione.

“Non sapevo nemmeno da dove mi fossi preso. Non avevo idea di cosa fosse il calcio. Ero un giocatore dilettante e all’improvviso sono andato in Uruguay dove abbiamo finito per giocare Sud America in Venezuela e poi siamo andati ai Mondiali in PortogalloGossimir sottolinea, senza capire i colpi di scena che lo hanno messo in un luogo che tanti giovani desiderano, per un motivo o per l’altro, vengono lasciati fuori da un’unica partita in cui il margine di errore è zero.

Dopo essere tornato dall’Europa nel 1992, ha ricevuto un’offerta da Difensore sportivo Firmare un contratto da giocatore professionista. Accettandolo, comprò un appartamento, gettò le basi della sua nascente carriera ed entrò, quasi inconsapevolmente, in un mondo dove Mi sentivo come un cane verde.

READ  Giro d'Italia: Nairo Quintana: "Il Giro d'Italia è stato uno spettacolo colombiano" | Gli sport

Nel 1996, Josemir Lujambio c’era di Newellil suo secondo club del Paese, che ha adottato, nel tempo, come sua seconda nazionalità per l’ospitalità che riceveva ad ogni passo che faceva.

Durante il campionato nazionale di Federcalcio argentina (AFA)Ha iniziato a conoscere l’Uruguay con i suoi obiettivi, al punto da trovarsi in orbita Boca Juniors. a quel tempo, Carlos Salvador Bilar Era l’allenatore di Xeneize e cercava un attaccante con un gol.

Lujambio era sinonimo di gol: qui, con Instituto, sfonda la rete

Essere un uomo con molte storie ed eventi, dettagliare tutto ciò che è accaduto intorno a lui, Bilardo ha chiesto alla moglie Gloria quale attaccante avrebbe portato in squadra e la risposta è stata forte: “Porta il Lugambio”..

“È stato bello quando l’ho scoperto. Non potevo crederci. Un giorno sono venuti e mi hanno raccontato questa storia, che poi mi hanno confermato a Boca. Bilardo aveva bisogno di un attaccante che potesse segnare gol, me lo ha chiesto sua moglie. Sono quelle cose che non capisco del calcio‘, dice, tra una risata e l’altra.

In testa a un cavallo, Lujambio si sente un uomo felice. multiforme. La stessa persona che ha dovuto lasciare l’area quando la palla non ha raggiunto la sua area. Proprietario di una fattoria, alleva pecore merino australiane, vaccina, partecipa a fiere di campagna e impara costantemente. “Sul campo sei più vario che sul calcio. Dico sempre che non sono 1, ma sono bravo 2”, particolari.

Con i suoi capelli platino, Lujambio ha trovato il suo posto nel mondo durante il suo soggiorno a Tacuarimbo
Con i suoi capelli platino, Lujambio ha trovato il suo posto nel mondo durante il suo soggiorno a Tacuarimbo

Cammello San Valentinoè nato in Uruguay, e ManueleNato a Rosario quando era un giocatore di Newell, ricorda ogni momento e non rinnega il suo passato. Quando si tratta di nominare l’Argentina, il suo record vocale cambia. “L’Argentina è scomparsa. In effetti, mi sento metà uruguaiano e metà argentino. Sono grato per tutto quello che mi hanno dato, quello che ho vissuto, le uscite con gli amici, le cose che abbiamo vissuto insieme, ma bisogna anche rendersi conto che le cose cambiano”, conclude, mentre la conversazione finisce con questo mezzo e i suoi obiettivi, lo farò sicuramente essere di nuovo presenti nella testa degli appassionati di calcio che li rispettano, Ma non li capirai mai.