Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Ha chiesto una zuppa, che è quasi bruciata, e ha deciso di lanciarla al manager | Cronaca

Generalmente quando si richiede qualcosa in un file Ristorante E non gli piace o ha un vino diverso, nella sua testa confonde tre opzioni: si ritira silenziosamente dal locale (sconsigliato), chiede educatamente al cameriere di cambiarlo o lo fa direttamente Amanda Nicole Martinez, una ragazza di 31 anni che ha avuto un’uscita un po’ inaspettata da una situazione come questa.

Si scopre che questa donna è venuta domenica scorsa a Sole di JaliscoOrdinò una zuppa piccante, ma qualcosa sembrò deluderla. Come si è scoperto, questa “zuppa” era così calda, così calda che “tappo plastica fusa”.

Amanda Nicole Martinez È stata accusata di aggressione fisica.

Di fronte a questa situazione, questo cliente non aveva idea migliore che andare alla cassa, Affronta la manager, Janelle Bruland, gettale l’intero contenuto del contenitore in faccia e lascia il posto arrabbiato. Questo ha lasciato tutti i clienti, i camerieri e il personale completamente sbalorditi.

Secondo la testimonianza di Broland, quando ha ricevuto la denuncia, si è scusato con la cliente e le ha offerto due opzioni: un rimborso completo o scambiare la zuppa con un altro piatto a sua scelta, il che sembrava perfettamente logico. Non è stato così per Martinez, che ha deciso di ricorrere alla violenza e di intimidire questo manager.

“Il mio primo pensiero è stato, ‘Cosa è appena successo?'” Perché, perché succede questo? E ho capito che non potevo aprire gli occhi e mi sono asciugato e ho capito che ero tipo “Wow, me l’hai davvero buttato in faccia”ha affermato Broland, che ha anche condiviso questa esperienza piccante con i suoi follower tic toc. Lì è stato detto che sebbene la zuppa non fosse molto calda, aveva un fastidioso prurito agli occhi a causa delle spezie utilizzate.

READ  Crisi in Perù: il partito del presidente lascia il governo di Pedro Castillo | Peru Libre si è trasformato nell'opposizione

“Ricordo di aver sentito il calore della zuppa, ma i miei occhi bruciavano così tanto. Il mio naso bruciava. Ho sussultato per un secondo perché l’ustione mi ha lasciato in stato di shock”., ha sottolineato.

Secondo le autorità, la situazione del nostro aggressore non è molto semplice, in quanto È stata accusata di un reato penale e arrestata mercoledì scorso. La Fondazione ha anche deciso di vietargli a vita l’ingresso nel luogo.

“Non tolleriamo questo tipo di comportamento e teniamo i nostri cittadini al livello più alto”., mostrato Allen TestoVice Capo della Polizia Locale. “Se un cittadino pensa di aver ricevuto un cattivo servizio, gli consigliamo di rimanere civile fino a quando il problema non sarà risolto”., confermato.

“La famiglia Marques non tollera questo tipo di comportamento e vogliamo semplicemente che il nostro stabilimento sia un luogo in cui le persone possano rilassarsi e godersi musica dal vivo, delizioso cibo messicano e le migliori bevande locali, come abbiamo costantemente menzionato sui nostri account sui social media .”Sol de Jalisco ha scritto in un comunicato sul suo conto Sito di social network Facebook.