Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Google sviluppa uno strumento di intelligenza artificiale per ripristinare testi antichi – Scienza – Vita

Per comprendere la storia delle antiche civiltà, gli storici studiano le iscrizioni scritte dai nostri antenati su materiali come pietra, ceramica o metallo sopravvissuti fino ad oggi.

Tuttavia, molte di queste iscrizioni sono state danneggiate nel corso dei secoli. Le sue parole sono illeggibili e la data della loro scrittura è incerta. Specialisti in questo campo, epigrafi, possono ricostruire testi perduti, ma i metodi tradizionali sono molto complessi e richiedono tempo.

(Potrebbe interessarti: Hanno trovato la nave Shackleton, uno dei più grandi naufragi della storia)

Itaca, usato da solo, raggiunge un’accuratezza del 62% nel ripristino di testi greci danneggiati, ma se utilizzato da uno storico raggiunge un’accuratezza del 72%.

Ora un nuovo strumento di intelligenza artificiale può semplificare il compito, aiutando a recuperare e ad attribuire iscrizioni appena scoperte o discutibili in modo più rapido e accurato, un passo verso una migliore comprensione della storia antica.

Per superare i limiti degli attuali metodi scritti, il ricercatore Yannis Asel di DeepMind di Google (che ha anche creato AlphaFold per la previsione della struttura delle proteine) e Thea Somerschild dell’Università di Venezia (Italia), insieme ad altri colleghi europei, Hanno sviluppato una rete neurale profonda chiamata Itaca. È un tipo di intelligenza artificiale che è stata addestrata per recuperare, datare e geolocalizzare antiche iscrizioni greche. I risultati sono pubblicati sulla rivista natura.

Assael spiega a SINC: “Itaca è stata addestrata sul più grande dataset numerico di iscrizioni greche dal Packard Institute for the Humanities (USA), spiegando: ‘Tipicamente i modelli NLP sono addestrati usando parole, perché l’ordine in cui appaiono è nella disponibilità di frasi e relazioni Incluso contesto e significato aggiuntivo. Ad esempio, “c’era una volta” ha più significato di ogni singola lettera o parola.

READ  Perché l'intestino è responsabile della salute interna?

(Anche: Storie dall’Universo: L’eredità indelebile di Ipazia)

Aggiunge: “Tuttavia, molte delle iscrizioni che gli storici sono interessati ad analizzare utilizzando questo programma, sono spesso parti del testo corrotte e mancanti. Per assicurarci che il nostro modello funzioni ancora in questi casi, lo alleniamo con esso”. ingresso o voci di singole parole e caratteri. Il meccanismo di “cura di sé” considera i due in parallelo, consentendo al programma di valutare il numero di dichiaranti secondo necessità.

Intelligenza artificiale più conoscenza di esperti

I risultati hanno mostrato che la rete neurale profonda Itaca, usato da solo, raggiunge un’accuratezza del 62% nel ripristino di testi greci danneggiati, ma se utilizzato da uno storico raggiunge un’accuratezza del 72%..

“Una delle priorità del nostro team multidisciplinare è stata quella di rendere i risultati di Itaca interpretabili dagli storici”, osserva Aseel, “invece di presentare un unico risultato, presentiamo diverse ipotesi predittive e visualizziamo un modello di certezza nella distribuzione. Allo stesso tempo , presentiamo le parole che hanno contribuito maggiormente a una determinata previsione. Queste visualizzazioni consentono agli esperti di utilizzare le loro intuizioni contestuali per fare una scelta Produrre o un esito più favorevole, e quindi la capacità di far luce su conoscenze storiche sconosciute”.

Oltre a indovinare le parole antiche mancanti, Itaca può anche aiutare a determinare dove e quando sono state scritte. Durante i test, questo strumento ha attribuito le iscrizioni alla loro posizione originale con una precisione del 71% e le ha datate entro 30 anni dalle scale temporali suggerite dagli storici.

(Anche: colombiano tra i 120 scienziati glorificati allo Smithsonian Institution)

Riguardo all’applicabilità di questa rete neurale alle scritture non greche e ad altre lingue antiche, Asel afferma: “L’architettura di Itaca lo rende facilmente applicabile a qualsiasi lingua antica, dal latino al maya, e su qualsiasi supporto scritto, dai papiri ai manoscritti. Siamo molto entusiasti di vedere le nuove direzioni che prenderà e, per questo motivo, è open source e disponibile online”.

READ  Ambito delle proposte della Commissione sui sistemi della conoscenza, le culture, la scienza, la tecnologia, le arti e il patrimonio

Gli autori sottolineano che le loro scoperte aprono il potenziale per la collaborazione tra l’IA e gli storici, con un nuovo strumento per migliorare la nostra comprensione della storia umana.

Agenzia di sincronizzazione

Aimee Noether, la matematica che ha rivoluzionato l’algebra

Adriana Ocampo, vincitrice del premio alla carriera per l’America Latina