Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

“Gli ucraini muoiono per i valori europei”

A quattro mesi dall’inizio delle ostilità al confine russo-ucraino, la situazione è ancora lontana dalla calma. La Russia ha la capacità di sopravvivere a lungo, perché ha vie di rifornimento dirette anche se le sanzioni che gli abbiamo imposto diventano sempre più difficili. Il conflitto può durare per alcuni anni.Lo ha detto Peter Stano, portavoce del rappresentante dell’Unione europea per gli affari esteri e la politica di sicurezza, Josep Borrell, in un incontro con i media argentini a Bruxelles.

In questo scenario, la Commissione Europea – l’organo esecutivo dell’Ue, guidato da Ursula von der Leyen – ha riportato venerdì la decisione di concedere all’Ucraina lo status di “paese candidato” ad entrare nel blocco.. Tuttavia, questo è solo il primo passo di un lungo processo. E’ il “parere” della Commissione, che deve essere avallato dai 27 Stati membri rappresentati al Consiglio europeo, che si riunirà la prossima settimana a Bruxelles, prima che inizino i lunghi negoziati di adesione.

Per candidarsi all’ingresso nel blocco, un Paese deve soddisfare una serie di criteri politici ed economici e deve attenersi alle regole del diritto europeo. “Incorporare un paese nell’UE significa condividere budget, regolamentazione, libera circolazione nello spazio e valuta; sobrio. Non è una procedura simbolica, ma una decisione di legatura molto intensa”.ha spiegato un funzionario dell’UE con riserva.

READ  Il contributo dell'economia sociale si evidenzia in Italia - Prensa Latina

questo venerdì La Commissione europea ha anche raccomandato di concedere lo status di candidato alla Moldovama non così per la Georgia, il paese che si proponeva di intraprendere un maggior numero di riforme “da una prospettiva europea” prima di chiedere un simile passo.

In una conversazione con i media argentini, Stano ha spiegato che l’incorporazione dell’Ucraina come paese candidato non significherebbe in realtà un cambiamento immediato del suo status. Sebbene questo status significhi l’accesso all’assistenza finanziaria, l’Ucraina sta già ricevendo un sostegno senza precedenti per la guerra; Riceve miliardi di euro che gli altri paesi candidati non ottengono». Per l’alto funzionario, più proceduralmente o finanziariamente, la decisione va letta in termini politici.Manda davvero un segnale da record per il sacrificio degli ucraini. Vediamo che stanno davvero morendo per i valori e i principi europei. Le nostre decisioni cercano il riconoscimento del coraggio e del sacrificio di fronte all’invasione russa, e questo prestigio è la logica conseguenza di questa percezione.

Finora nell’Unione Europea sono stati accolti più di 5 milioni di rifugiati, quindi se la guerra continua “per qualche anno”, questo flusso dovrebbe continuare ad aumentare. “Siamo pronti ad accoglierli”, ha detto Stan, aggiungendo: “Lo dirò forse in modo un po’ brutale, ma il mercato del lavoro in Europa ha bisogno di forza lavoro”.

L’esecutivo dell’UE ha impiegato poco tempo per annunciare formalmente la sua candidatura all’integrazionevisto che la richiesta ufficiale è stata avanzata dall’Ucraina alla fine dello scorso febbraio, poco dopo l’inizio dell’invasione.

Lo ha detto giovedì il presidente francese Emmanuel Macron durante una visita a Kaif con i capi di governo tedesco e italiano, Olaf Scholz e Mario Draghi. D’altra parte, il presidente Volodymyr Zelensky ha sottolineato che l’Ucraina è “determinata ad agire” per diventare un membro a pieno titolo del blocco.

SD