Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Gli studenti hanno vinto di nuovo e sono diventati più forti

Studio studio…” E poi.. e come possono non cantare quell’inno storico che commuove la gente di campagna e gli stranieri?! Come non esplodere di estasi se tornano da dentro la squadra le loro ragioni?! Lione i fan erano e hanno tuttora il pieno diritto al ruggito mentre ruggiscono a casa.

Alla fine hanno sofferto inutilmente perché Pincha non poteva eliminarlo prima come meritava e ha lasciato in vita Lanos, che era un imitatore. Ma lei non è scappata da loro. Altro gol di Mauro Boselli, capocannoniere del torneo, superbo gol di Leandro Diaz, con momenti di grande potenza e aggressività del centrocampista, la squadra di Zielinski ha battuto bene Garnett. All’avversario che praticamente non tirava in porta, che era quasi sempre a disagio e veniva superato più del misero risultato che si rifletteva.

Il punteggio perfetto ha Pincha. Tre contese, tre vittorie, tre grida di Boselli… Gli studenti hanno lanciato una festa nella loro piazza. Una festa che ha avuto momenti drammatici dopo il gol della visita, che ha paralizzato per un po’ le gole con il rimpianto di non aver chiuso il duello prima, come quel tiro che Zabiola non è riuscito a mettere, proprio sotto la porta.

El Pincha è sempre stato migliore di Lanús. Intensivo, premendo in mezzo, è decollato ed è andato all’attacco deciso, con diverse persone e una ricerca che è iniziata sulla destra. In questo settore, Castro, il personaggio del gioco, stava sperimentando profondità, cambio di velocità e inondazioni. Jorge Rodriguez ha scelto bene, Zuke è stato legato a gironi e Del Prete ha costretto e Boselli a preoccuparsi della sua sola presenza. El Pincha ha preso la palla e ha saputo usarla. In termini di merito, dopo aver segnato il primo gol, lontano dal ritardo, è stato il secondo gol che ha trovato. Era il premio della sua ambizione.

READ  L'intimità del compleanno di Lisandro Lopez, con Marcelo Tinelli tra gli invitati

In una serie di tre e cinque in difesa, Garnet è stato raramente in grado di accumulare una serie di passaggi vincenti. Sand, l’instancabile combattente, non era ben equipaggiato. Ha cercato di andarsene con Malcora, ma ha fatto poco o niente. E a La Plata si è tenuta una festa.