Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Gli studenti di Guanajuato viaggiano verso l’Himalaya attraverso la tecnologia – Dipendenze Politen

  • 192 studenti provenienti da 12 comuni hanno partecipato al programma “Sulla superficie del mondo, ricerca ad alta quota”.

Guanajuato, Gto. 11 ottobre 2021. – Nell’ambito del progetto “Sulla superficie del mondo, ricerca ad alta quota”, 192 studenti dell’istruzione di base provenienti da 12 comuni sono collegati in diretta trasmissione con i ricercatori dell’osservatorio Pyramid Laboratory, situato ai piedi del versante nepalese dell’Everest.

La trasmissione in diretta è stata possibile derivata dal coordinamento tra l’Istituto per l’Innovazione, la Scienza e l’Imprenditorialità per lo Stato della Competitività di Guanajuato (IDEAGTO) e l’Ambasciata d’Italia in Messico, in collaborazione con Città della Scienza in Italia e Universum, per gli studenti del Messico e dell’Italia .

Eliane Guadalupe Villasenor Tarin, studentessa del secondo anno di Technic 60, di Irapuato, ha contattato i ricercatori e ha commentato: “Per me è molto importante interagire con ricercatori a migliaia di chilometri di distanza il cui lavoro è essenziale per preservare il pianeta”.

L’Osservatorio Laboratorio Piramide si trova ad un’altitudine di 5050 metri sul livello del mare sul versante nepalese del Monte Everest; Un luogo riconosciuto e apprezzato per la ricerca e lo studio delle scienze della terra e dell’ambiente, medicina, fisiologia, antropologia, tecnologie ecocompatibili e sistemi di gestione ambientale.

L’obiettivo di questa attività è stato quello di sensibilizzare e promuovere la comunità educativa al processo di partecipazione sempre più attiva, in particolare dei bambini e dei giovani, per quanto riguarda il tema del clima, oltre che nelle questioni STEM.

È stata Emilia Giorgetti, scienziata dell’Ambasciata d’Italia in Messico, ad accogliere gli studenti delle scuole primarie e secondarie di Guanajuato e Chiapas, stati che hanno partecipato dal Messico.

READ  L'Unione Europea ha iniziato ad agire dopo due decenni per fermare il crollo degli alveari

Collegandosi tramite Zoom, gli studenti hanno interagito direttamente con María Teresa Melis e Francesco Dessi, ricercatori che vi lavorano, attraverso domande e approfondimenti sul lavoro che svolgono e sul suo impatto sul pianeta.

Tra le domande poste dagli studenti, hanno evidenziato qual è la ricerca più importante condotta in laboratorio? Qual è la qualità della vita in Himalaya? Quanto tempo ci vuole per arrivare al laboratorio? mangiare nella piramide? Come interagiscono con le loro famiglie? Come gestiscono i rifiuti prodotti? In che modo la ricerca giova al pianeta? Tra l’altro.

“Come i miei compagni di classe, mi è piaciuto il viaggio, ho imparato molto sulla piramide, quello che mi è piaciuto di più è stato chiedere agli scienziati perché hanno deciso di installare il centro di ricerca in quel luogo e la risposta è che essere lì, in un posto che è privo di inquinamento, consente loro di analizzare meglio i dati”.

Autoridades educativas y escolares coincidieron en que este tipo de actividades propician el fortalecimiento de la innovación, ciencia y tecnología que se trabaja en las escuelas, y de forma paralela, la general conciencia pl Cambiamento climatico.