Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Gli Stati Uniti hanno imposto severe sanzioni su un prodotto in cui l’Argentina ha una posizione di leadership

Mendoza – un duro colpo a produzione di vino L’Argentina nel suo rapporto con il mondo: stato unito Fornito di sanzioni all’industria nazionale dopo una denuncia per presunti “dumping e sovvenzioni” nel marketing Concentrato di succo d’uva noto come mosto. Per questo motivo, questo Paese ha inizialmente deciso di adeguare al rialzo le tariffe, che erano dell’8%, così che ora le aziende argentine del settore dovranno pagare dal 12% al 30% per entrare in questo mercato.

Questo è uno shock per un importante prodotto di esportazione argentino, utilizzato come dolcificante naturale, che ha ricevuto importanti allarmi dalla fine dello scorso anno. È un prodotto in cui l’Argentina è prima in termini di volume e seconda in valore con picchi che raggiungono i 200 milioni di dollari..

Secondo le informazioni ottenute Nazione, Il Dipartimento del Commercio degli Stati Uniti, nell’ambito dell’indagine nei confronti delle due principali società da esso denunciate, Fecovita e Cepas Argentinas, ha emesso la scorsa settimana un nuovo documento con valori aggiornati, suscitando grande preoccupazione nel settore produttivo per non perdere un posto nella sua mercato principale, che rappresenta il 38% delle vendite argentine.

Per la prima società, sulla base delle proprie difese e argomentazioni, che in linea di principio non hanno convinto le autorità statunitensi, è stata applicata la tariffa più alta: 30,3%, mentre la seconda ha imposto un importo del 12,2%. Tra i due si crea una media che reggerà tutte le altre aziende del settore, per la quale pagheranno il 21%.

Tutto è iniziato con l’offerta fatta da una società americana all’agenzia commerciale di quel paese alla fine del 2021, che ha iniziato a indagare sulle accuse di “dumping e sussidi” contro l’industria concentrata argentina di presunte esportazioni a basso prezzo vendute in quel mercato locale, oltre a farlo con benefici e aiuti diversi governi.

Pertanto, questa indagine si concentra su questi due capitoli: dumping e sovvenzioni. In questo senso, il processo indica che i due maggiori esportatori dall’Argentina verso gli Stati Uniti sono tenuti a fornire informazioni affinché il Paese possa analizzare e giudicare se esistono pratiche e manovre contrarie alla legge statunitense. Allo stesso modo, vale la pena chiarire che l’intero onere dell’indagine grava sull’intero settore argentino della due diligence.

READ  Il misterioso caso di Lucy Letby: Baby Nurse accusata di aver ucciso otto bambini | Cronaca

Questo processo si compone di due fasi: la prima e l’ultima. Da qui la preoccupazione argentina: Il Ministero del Commercio ha appena concluso il primo passo, decidendo, in termini di sovvenzioni, i suoi programmi di recupero delle esportazioni, il processo di importazione temporanea dei fattori produttivi, e la commercializzazione di una cooperativa che beneficia dell’esenzione dagli utili, nel caso di Vicovita, L’Argentina dovrebbe andare incontro a sanzioni, perché c’è una presunzione di errore.

Il succo d’uva ha molteplici usi e destinazioni di esportazionegentilezza

Per questo nel mese di settembre è stato attuato un adeguamento tariffario, tanto che ora è in media del 5,5%, per l’emissione di sussidi, mentre il tasso è stato fissato al 15,5% per effetto del dumping. Di conseguenza, le aziende del settore, che hanno già pagato una tariffa più bassa, inizieranno a pagare il 21% nei prossimi giorni, quando la decisione americana diventerà definitiva, anche se il processo prosegue verso la fase finale, che saprò solo a fine marzo l’anno prossimo.

In questo modo, a seguito delle disposizioni per le tariffe agevolate di settembre, si sono aggiunti i nuovi valori per il dumping. Nel dettaglio, nel caso di Cepas Argentinas, l’8,5% del dumping si è aggiunto al 3,71% delle sovvenzioni a settembre, per un totale di oggi del 12,21%.

Dal canto suo, Fecovita ha ottenuto il 7,16% di sostegno e il 23,7% di dumping, che equivale al 30,33%. Il resto delle società argentine ha applicato una tariffa del 5,5% per il sussidio a settembre, ma ora devono affrontare il 15,88% in più di dumping, per un totale del 21,42%.

READ  Google Pay: salva, paga e gestisci

Questo ha un impatto enorme: perdita di competitività. Ovviamente, in questo contesto, purtroppo il volume diminuirà. Non è l’unico mercato che l’Argentina deve servire, ma le vendite negli Stati Uniti rappresentano quasi il 40%. Per questo questa determinazione iniziale ci colpisce, anche se dipende da molti fattori”. Commentato su Nazione Fernando Morales, Presidente della Camera dei Produttori ed Esportatori Argentina (Cavim).

In questo senso, l’imprenditore ha fatto riferimento, ad esempio, alla concorrenza dell’Europa, in particolare della Spagna, che ha un raccolto di uva inferiore rispetto allo scorso anno, quindi non ha abbastanza materiale a disposizione. In futuro, se la Spagna produrrà in grandi quantità, sostituirà sicuramente l’Argentina a causa di questa tariffa che ci aggiungono. Il processo prosegue fino alla determinazione finale; Lì confermeranno se le tariffe saranno adeguate o meno. In generale, se ci sono cambiamenti, di solito è al ribasso, poiché ora abbiamo la possibilità di presentare difese, prove e documenti per provarli”. Morales ha aggiunto.

Il mercato statunitense assorbe quasi il 40% delle esportazioni argentine

Questo giornale ha cercato più volte di comunicare con le autorità di Vikovita e di altre aziende del settore, ma la risposta è stata subordinata alle spiegazioni fornite da Kavim. Nel frattempo, hanno indicato dal Coviar che analizzeranno il provvedimento per intervenire. “Ci auguriamo di conoscere le ragioni della sentenza, di poter fare una presentazione formale e impugnare tale decisione”, Riferito a Nazione.

Questa complicata situazione è un altro caso di controversie commerciali tra Argentina e Stati Uniti, tra cui biodiesel, ma anche la produzione di limonata, tubi d’acciaio e miele, tra gli altri prodotti. E ilIl governo ha sollevato la domanda in tutti i casi ea tutti i livelli dell’amministrazione statunitense, ma è una salita, perché le offerte sono difficili.

Tra le spiegazioni che hanno cercato nel settore di provare l’assenza di “dumping” emerge il ritardo dell’inflazione. Il problema è chiaramente che l’inflazione genera uno sviluppo dei costi che non è accompagnato dal prezzo di vendita. Ciò è dovuto all’adeguamento del prezzo di vendita dovuto all’andamento del tasso di cambio e ai costi dovuti all’inflazione dell’indice dei prezzi al consumo. È chiaro che il tasso di cambio si è sviluppato meno dell’IPC e porta ad uno squilibrio per spiegare che con certi costi la vendita è stata fatta a un prezzo”, Spiegato dal settore.

Produzione di vino in generale in allerta per le sanzioni statunitensi sui mosti
Produzione di vino in generale in allerta per le sanzioni statunitensi sui mostifile, archivio

Cercano anche di capire la posizione del nord. La ferrea posizione degli Stati Uniti riguarda una metodologia di business costruita su economie più stabili; Non come l’Argentina, che ha parametri macroeconomici, in particolare l’inflazione e il tasso di cambio, che si stanno sviluppando a tassi a tre cifre, che non stanno facendo altrettanto. Il tasso di cambio si sviluppa meno dell’inflazione dei costi e dell’offerta, e ciò genera uno squilibrio nel conto economico. Questo è ciò che rilevano, hanno aggiunto, che ci sarà un’ipotesi di dumping.

READ  Perdita dell'udito e ronzio: lo studio trova i possibili effetti del virus Corona sulle orecchie

La produzione argentina di concentrato o succo d’uva (JUC), con sede a San Juan e Mendoza, è diventata negli ultimi anni una superpotenza mondiale, triplicando la sua produzione e rendendo il paese il più grande distributore per volume e il secondo per vendite, con un picco di $ 200 milioni Nell’anno, dietro la Spagna.

È un dolcificante versatile e, per la sua natura naturale, viene utilizzato in vari settori come quello alimentare, succhi di frutta, vino, confetteria, marmellate e pasticceria. In questo senso, la domanda dei consumatori in tutto il mondo di cibi e bevande salutari è ciò che guida la JUC argentina nelle sue prospettive di crescita futura.

L’Argentina dovrebbe raggiungere, tra gli altri paesi, anche Giappone, Canada, Arabia Saudita, Sud Africa e Cina. Tuttavia, la domanda che sta prendendo piede negli Stati Uniti sta iniziando a suonare allarmi.

In collaborazione con Rafael Matos Ruiz

Vieni a conoscere The Trust Project