Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Gli Stati Uniti denunciano l’opacità del piano vaccinale della dittatura di Maduro in Venezuela: “Non bisogna fare affidamento sul Carnet de la Patria”

James Storey, ambasciatore degli Stati Uniti in Venezuela

La storia di James scorri questo giovedì Il piano di vaccinazione contro il Corona virus che promuove la dittatura di Nicolás MaduroE il Sulla base del fatto che “non dovrebbe dipendere dalla carta nazionale”.

Dovresti avere un sistema di consegna del vaccino trasparente. Non devi fare affidamento sulla tessera nazionale, essere amico di un conduttore o se lavori con il sistema. Non dovrebbe dipendere dalla tua posizione politica, ma dalle necessità di ciascunoLo ha detto l’ambasciatore degli Stati Uniti in Venezuela in una trasmissione in diretta sui social media.

Il funzionario ha detto che gran parte della popolazione “rotto“Per mancanza di rapporti con il regime”.I vaccini sono di tutti‘, ha confermato.

inoltre, Spiega perché il Venezuela non è incluso nell’elenco dei paesi che Riceverai i vaccini donati dal governo di Joe BidenCiò non significa che non otterremo mai o non otterremo mai vaccini per il Venezuela. Solo in questo primo round il Venezuela non ha inserito questa lista perché manca di trasparenza nel fornire vaccini alle persone che ne hanno bisogno”.

Presidente Biden Questo giovedì ha annunciato che il suo paese Donerai immediatamente sei milioni di dosi di vaccini all’America Latina e ai Caraibi. Ha confermato attraverso una dichiarazione che gli Stati Uniti parteciperanno ai vaccini.Per salvare vite e portare il mondo a porre fine all’epidemiaCon la forza del nostro esempio e dei nostri valori”.

I manifestanti prendono parte a una protesta degli operatori sanitari per chiedere i vaccini contro il COVID-19 oggi, a Caracas (Venezuela).  EFE / Rainer Peña
I manifestanti prendono parte a una protesta degli operatori sanitari per chiedere i vaccini contro il COVID-19 oggi, a Caracas (Venezuela). EFE / Rainer Peña

Le dichiarazioni della storia si verificano lo stesso giorno in cui 40 organizzazioni mediche e accademiche denunciano la discriminazione nella vaccinazione contro il COVID-19 Con lettera all’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani, Michelle Bachelet.

READ  Lo YouTuber Alex Dragomir è morto all'età di 17 anni dopo aver subito un intervento al cuore احية

“Come organizzazioni della società civile venezuelana, vogliamo trasmettervi la nostra preoccupazione per le recenti violazioni dei diritti umani che si sono verificate nel paese.In particolare, inizia il messaggio il diritto alla vita, alla salute, alla non discriminazione e alla parità di accesso ai servizi, nel contesto del COVID-19.

Lo hanno confermato il 12 maggio”È stato denunciato, con testimonianze e documenti fotografici, che il giorno della vaccinazione contro il COVID-19, sarà effettuata presso il centro vaccinale, situato nella città dell’Ospedale Dr. Enrique Tejera.Nella città di Valencia, nello stato di Carabobo, medici e anziani non sono vaccinati perché non registrati nel sistema Patria”.

“Dopo aver aspettato diverse ore, il personale responsabile di questa giornata ha messo un avviso fuori dalle strutture, Laddove la suddetta iscrizione fosse richiesta come condizione per la vaccinazione. Ai fini dell’attuazione di tale disposizione, il personale di polizia è stato separato in loco.“Ha aggiunto.

Nella lettera, le 40 organizzazioni hanno indicato di aver firmato congiuntamente un وجود Sfondo simile Quando avrebbe dovuto chiedere il documento chiamato “Carnet de la PatriaIn altre campagne di vaccinazione.

Smart Card: il presidente venezuelano Nicolas Maduro ha affermato che è necessaria una carta nazionale "qualunque cosa" I cittadini sono invitati a registrarsi.  Reuters / Pubblicazione / Presidenza del Venezuela
Smart Card: il presidente venezuelano Nicolas Maduro ha affermato che la carta nazionale è necessaria per “tutto” e ha invitato i cittadini a registrarsi. Reuters / Pubblicazione / Presidenza del Venezuela

Il Venezuela ha continuato martedì in una speciale corsa contro il tempo per raggiungere l’obiettivo di vaccinare il 70% della popolazione, un processo che sembra aver acquisito una relativa forza durante il fine settimana. Il sistema dei “privilegi” separati attraverso il Carnet de la Patria promosso dal chavismo.

READ  Israele ha lanciato un intenso raid aereo contro Hamas nella Striscia di Gaza e ha distrutto il sistema dei tunnel

Sei mesi dopo il primo annuncio dell’acquisizione di vaccini – per un totale di dieci milioni di dosi – da parte del regime di Nicolas Maduro dalla Russia, Il Venezuela è riuscito a realizzare “poco più di un milione”, senza essere interamente russo, ma anche la Cina ha contribuito in parte, il cui numero esatto non è noto.

Per mantenere la promessa, ha affermato il ministro della Salute, Carlos Alvarado, occorre applicare circa 3 milioni di vaccini al mese su una popolazione di quasi 30 milioni, e per questo motivo il sistema prevede di moltiplicare i 27 centri che hanno permesso di il fine settimana entro le dieci.

La vaccinazione sembra progredire, ma con un sistema messo in discussione da diversi settori, che, come sottolinea lo stesso ministero della Salute, è amministrato attraverso il sistema Patria, al quale non tutti i venezuelani sono collegati perché è una piattaforma di abbonamento volontario.

Domenica scorsa, il portafoglio di Tamm ha scritto: “Il Ministero delle forze armate popolari per la salute informa che il processo di selezione per ricevere la vaccinazione COVID-19 è casuale e progressivo e verrà notificato via SMS al numero di telefono registrato nel sistema Patria”. su Twitter.

File foto di una persona che mostra il Carnet de la Patria a Caracas (Venezuela).  EFE / Christian Hernandez
File foto di una persona che mostra il Carnet de la Patria a Caracas (Venezuela). EFE / Christian Hernandez

L’immunizzazione continuerà secondo questo schema, che consiste in un censimento parallelo utilizzato dal regime per fornire assistenza sociale, ma l’opposizione lo definisce un sistema con cui la popolazione è ricattata di fronte ai processi elettorali.

Inoltre, sia l’opposizione che la Federazione Sanitaria lo considerano Questo sistema viene utilizzato per adattare il sistema a immunizzare prima i suoi parenti, motivo per cui deplorano che la vaccinazione sia politicizzata e faziosa.

READ  Polemica in Bolivia per la vaccinazione prematura della figlia di Evo Morales contro il Corona virus

Il Venezuela è in fondo ai paesi dell’America Latina con le persone immunizzatesecondo le organizzazioni nazionali e internazionali. Nel paese, non tutti gli operatori sanitari sono stati immunizzati e in stati come Carabobo, i medici dovevano avere una “tessera nazionale” per essere immunizzati.

Secondo l’ONG Doctors United, solo il 42% dei medici ha ricevuto almeno una dose di vaccino antivirale. Il sistema di vaccinazione degli operatori sanitari funziona diversamente a Caracas, dove gli operatori sanitari sono stati richiamati attraverso elenchi forniti da cliniche e ospedali.

Il vicepresidente del regime chavista, Delcy Rodriguez, ha annunciato martedì che il Venezuela ha già aggiunto 235.567 casi di COVID-19 e 2.661 morti dall’inizio della pandemia nel paese.

Con informazioni da EFE

Continuare a leggere: