Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Gli spagnoli iniziano a programmare e sviluppare software durante la pandemia

In un mondo sempre più digitale, la cui trasformazione tecnologica è stata accelerata dalla crisi del Covid-19, acquisire competenze ICT specifiche può fare la differenza quando si tratta di accedere al mercato del lavoro. Ed è così che gli europei che hanno preso parte a uno studio commissionato dalla società tecnologica Red Hat YouGov e Kantar Sifo hanno compreso le nuove competenze che avevano acquisito dall’inizio della pandemia in paesi come Spagna, Italia, Francia e Svezia. Germania e Regno Unito, che li hanno spinti ad allenarsi lì.

Secondo questo studio, in media Il 5% degli europei ha dichiarato di aver scelto la programmazione per computer o lo sviluppo di software Come nuova competenza dall’epidemia di Covid-19 nel 2020, la Spagna è stato il paese con il più alto tasso di programmatori o nuovi programmatori con il 10% di formazione in questa conoscenza delle TIC, seguita da Italia (8%), Francia (6%) e Svezia (6%) Germania (5%) e Regno Unito (4%).

L’interesse era significativamente più alto tra gli intervistati della Generazione Z. In media, il 12% dei giovani di età compresa tra i 18 ei 24 anni ha deciso di iniziare a programmare computer in Europa. I partecipanti alla Generazione Z in Italia e Spagna erano tra i più alti codificatori con il 18% e il 14%, rispettivamente.

Migliori prospettive di carriera

Uno dei principali driver per l’acquisizione di nuove competenze è stato il miglioramento delle prospettive di carriera. Il 43% degli intervistati ha studiato negli ultimi 10 mesi per avere maggiori opportunità di lavoro, mentre il 62% lo ha fatto per migliorare la propria salute mentale o fisica e il 53% per hobby o passione.

READ  LaLiga Santander | CIES presenta gli 11 migliori in Italia ... senza Cristiano!

Di tutte le competenze in cui gli europei sono stati formati, la programmazione informatica (65%) è scelta principalmente come mezzo per trovare migliori opportunità di lavoro, insieme all’animazione e alla progettazione grafica (65%). Al terzo posto si collocano i corsi di sviluppo personale (leadership e management) con il 64%, seguiti da corsi accademici (64%), realizzazione di film o montaggio video (58%) e formazione di primo soccorso (57%).

mentre quello, In Spagna, la programmazione è al sesto posto (66%). Per trovare maggiori opportunità di lavoro, la maggior parte degli spagnoli ha studiato animazione o graphic design (75%), sviluppo personale (leadership e gestione) (71%) e il 70% ha frequentato corsi accademici e di primo soccorso (70%), così come il design (68%).

Questa iniziazione alla codifica e allo sviluppo del software arriva dopo che la pandemia ha innescato un enorme impulso dalle industrie tecnologiche e digitali. Negli ultimi 10 mesi, le aziende hanno digitalizzato i propri servizi a un ritmo e un volume mai visti prima, portando a un aumento significativo dei datori di lavoro che richiedono profili di competenze digitali. secondo Informazioni su LinkedInI lavori più richiesti sono quelli relativi allo sviluppo software, all’ingegneria, alla scienza dei dati e all’intelligenza artificiale.

Nessuna formazione tecnica preventiva necessaria technical

Iniziare con la codifica e lo sviluppo del software non significa necessariamente una formazione tecnica precedente. Secondo lo studio, il 76% dei partecipanti che scelgono di dedicarsi alla codifica o allo sviluppo di software non ha una laurea STEM e il 72% non ha lavorato in precedenza nel settore tecnologico.

La metà (50%) dei nuovi programmatori proviene da una forza lavoro non tecnica, rispetto a un quinto (18%) che in precedenza ha lavorato in IT o IT, mentre il 4% non ha esperienza lavorativa.

READ  Con COVID-82%, ricovero per malattie respiratorie pediatriche

Come mostra lo studio, la programmazione di computer e lo sviluppo di software sono abilità importanti per trovare un nuovo lavoro o sviluppare una carriera nella tecnologia, ma sono considerate Una competenza che trascende le opportunità di lavoro. Lo studio ha mostrato che il 52% dei partecipanti che hanno imparato a programmare lo fa per hobby o passione e un altro 44% ha affermato di farlo per migliorare la propria salute mentale e fisica.

Notizie correlate

I programmatori di computer guidati esclusivamente dalla passione per la tecnologia non sono una novità. Le comunità open source hanno sempre prosperato grazie alla partecipazione di hobbisti o collaboratori volontari, molti dei quali non hanno necessariamente qualifiche formali o lavorano nel settore tecnologico.

Il futuro è digitale e, sebbene vi sia un divario di competenze digitali in tutta Europa, è positivo vedere che c’è un grande interesse per l’apprendimento della programmazione, soprattutto da parte di coloro che non hanno una formazione tecnica. Sono necessarie iniziative private e pubbliche affinché gli spagnoli siano preparati a soddisfare le nuove esigenze del mercato.