Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Gli scienziati hanno scoperto “acqua nascosta” a soli tre piedi sotto il Grand Canyon di Marte

.’s ExoMars Orbiter Agenzia spaziale europea Ha trovato prove di un enorme serbatoio d’acqua sotto il sistema Martian Valles Marineris Valley, uno dei più grandi canyon del sistema solare, circa cinque volte più profondo e dieci volte più lungo del Grand Canyon in Arizona.

Gli scienziati hanno valutato i dati registrati dallo strumento TGO (Tracking Gas Orbiter) Frend (Epithelial Precision Neutron Detector), che identifica l’idrogeno al metro più alto dalla Terra in Marte, un metodo per misurare il contenuto di acqua, per ottenere la scoperta.

Indagine, accettato per la pubblicazione nella rivista Icaro, Ha rivelato un’area nella valle, delle dimensioni dei Paesi Bassi, con una quantità insolitamente grande di idrogeno.

“Se assumiamo che l’idrogeno che vediamo sia legato alle molecole d’acqua, allora fino al 40% del materiale vicino alla superficie in questa regione sembra essere acqua”, ha affermato l’autore senior dello studio Igor Mitrofanov dell’Accademia delle scienze degli Stati Uniti. Russia a Mosca.

“Utilizzando TGO, possiamo guardare fino a un metro sotto questo strato di polvere e vedere cosa sta realmente accadendo sotto la superficie di Marte e, soprattutto, identificare “oasi” ricche di acqua non rilevabili con gli strumenti”. Ha aggiunto il dottor Mitrofanov.

Mentre studi precedenti hanno trovato prove di acque sotterranee più profonde alle medie latitudini del Pianeta Rosso, nonché prove di profonde pozze di acqua liquida al di sotto del polo sud di Marte, questi potenziali depositi si trovano a pochi chilometri sottoterra e sono meno accessibili a persone in futuro… Più esplorazione di qualsiasi altra trovata direttamente sotto la superficie.

Il nuovo studio ha rivelato le prove di un “serbatoio d’acqua grande, non molto profondo e facilmente sfruttabile” in questa regione di Marte.

READ  La nuova funzione WhatsApp che cambia l'utilizzo della chat: cos'è e a cosa serve

Gli scienziati ritengono che una porzione nel centro di Valles Marineris potrebbe essere riempita d’acqua, in modo simile alle regioni del suolo ghiacciato sulla Terra come la Siberia, dove il ghiaccio d’acqua persiste in modo permanente sotto il suolo secco a causa delle temperature costantemente basse.

Nello studio, i ricercatori hanno analizzato i dati registrati da maggio 2018 a febbraio 2021 dallo strumento Frend che ha determinato il contenuto di idrogeno nel suolo marziano rilevando neutroni.

I neutroni vengono prodotti quando particelle ad alta energia note come “raggi cosmici galattici” si scontrano con Marte. Il suolo più secco emette più neutroni del suolo umido, quindi possiamo dedurre quanta acqua c’è nel suolo osservando i neutroni che emette”, ha spiegato il coautore dello studio Alexei Malakhov dell’Accademia delle scienze russa.

ha aggiunto il dott. Malakhov: “L’esclusiva tecnologia di osservazione di Fred fornisce un grado di risoluzione spaziale molto più elevato rispetto alle precedenti misurazioni di questo tipo, permettendoci ora di vedere caratteristiche che non abbiamo mai visto prima”.

I ricercatori ritengono che i depositi d’acqua osservati potrebbero essere sotto forma di ghiaccio o acqua legata chimicamente ad altri minerali nel suolo.

Ma sulla base di altri studi, dicono che i minerali visti su questa parte di Marte generalmente contengono solo una piccola percentuale di acqua, “molto meno di quanto mostrano queste nuove osservazioni”.

ha detto il dottor. Malakhov: “In generale, pensiamo che quest’acqua sia più probabile che esista sotto forma di ghiaccio”.

Tuttavia, i ricercatori hanno aggiunto che sono necessari ulteriori studi in questa parte della valle per confermare il tipo di acqua contenuta in questi sedimenti.

READ  Stray, il gioco del gatto cyberpunk, uscirà il 19 luglio dal vivo su PS Plus

Mentre il ghiaccio d’acqua generalmente evapora in questa regione di Marte a causa delle condizioni di temperatura e pressione vicino all’equatore, gli scienziati affermano che deve esistere la corretta combinazione di temperatura, pressione e acqua per prevenire la perdita di acqua dal pianeta.

Dicono che probabilmente a Valles Marineris esiste una “serie speciale di condizioni non ancora chiare” per conservare l’acqua.

Altrimenti, i ricercatori ipotizzano che l’acqua venga in qualche modo reintegrata attraverso un processo ancora sconosciuto.

Il coautore dello studio Håkan Svedhem aggiunto da ESTEC Dall’ESA nei Paesi Bassi.

Indipendentemente dal risultato, la scoperta dimostra le capacità ineguagliabili degli strumenti TGO Per permetterci di “vedere” cosa c’è sotto la superficie di Marte”, ha aggiunto il dott. Svidim.