Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Gli oceani sono la settima più grande economia globale, sebbene siano minacciati dalla mancanza di regolamentazione

Gli oceani sono la settima più grande economia globale, sebbene siano minacciati dalla mancanza di regolamentazione

Questo contenuto è stato pubblicato il 07/giu/2023 – 08:31


Javier Romualdo

Roma, 7 giugno (EFE). – Estrazione di minerali, pesca indiscriminata, depositi di rifiuti… Gli oceani concentrano un prodotto interno lordo di 2,5 trilioni di dollari, che ne farebbe, se un paese, la settima economia più grande del mondo, Francesca Santoro, responsabile dell’educazione oceanica presso gli Stati Uniti Nazioni, anche se “la sua eccessiva liberalizzazione dei controlli”.

Santoro, membro della Commissione oceanografica intergovernativa dell’UNESCO, afferma in un’intervista a EFE dagli uffici dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’educazione, la scienza e la cultura a Venezia (nord Italia).

La funzione del vasto specchio d’acqua che occupa il 71% della Terra è essenziale per il clima e il benessere umano, ma è anche una parte sempre più importante dell’attività produttiva.

La “blue economy” fornisce milioni di posti di lavoro, tra i quali il solo settore alimentare dà lavoro a 237 milioni di persone. Tuttavia, molte delle attività economiche che si svolgono nell’acqua non sono visibili.

Lo afferma Santoro in occasione della Giornata mondiale degli oceani, che l’UNESCO celebra questo giovedì per sensibilizzare sull’importanza dei mari, ma anche sulle loro minacce.

L’estrazione mineraria in acque profonde, un nuovo processo di estrazione mineraria, è uno dei rischi più urgenti e allo stesso tempo sconosciuti, che illustra perfettamente la crescente importanza dei mari nella produzione globale.

“Metalli come il cobalto, il nichel e il manganese sono molto essenziali per produrre tecnologia e hanno iniziato ad essere estratti dal mare, dove ce ne sono grandi quantità, ma sappiamo molto poco dei loro effetti”, dice.

READ  Quattro ristoranti a Madrid che forse non conosci ancora e che meritano una visita

Questa tecnologia non è stata ancora regolamentata, sebbene sia molto apprezzata dalle grandi industrie, che possono sfuggire alla sovranità dei paesi in acque internazionali, una sorta di “Far West” nel fondo dell’oceano che gli umani non raggiungono.

Per l’esperto dell’UNESCO, il fatto che paesi come Francia, Spagna, Canada e Cile abbiano chiesto una moratoria sull’estrazione mineraria sottomarina, che richiederebbe l’arresto di ogni sfruttamento fino a quando le indagini non procedono, dimostra che anche gli oceani stanno ricevendo un’attenzione crescente. organizzatori.

Un interesse nato grazie alla campagna contro i rifiuti di plastica e grazie al quale, secondo Santoro, Care of the Seas sta cominciando a prendere più spazio nella conversazione pubblica.

“Vedere come la plastica colpisce animali come tartarughe, balene e uccelli marini… sono state le immagini che hanno davvero colpito la coscienza dei cittadini e cambiato la percezione dal basso”, analizza.

A seguito di questo movimento, l’Unione Europea (UE) ha approvato una direttiva contro la plastica monouso, una linea guida rivoluzionaria che è servita da precursore del movimento più ambizioso mai realizzato: il Trattato globale sugli oceani, approvato quest’anno dalle Nazioni Unite dopo quasi due decenni di discussioni.

Questo documento propone di rendere il 30% dei mari un’area protetta per proteggere la natura marina e, soprattutto, per tenerla lontana dalle operazioni minerarie.

È un primo passo importante per regolamentare le aree marine al di fuori delle giurisdizioni nazionali che rappresentano il 60% degli oceani del mondo, spiega Santoro, ma non è definitivo.

“Il trattato è approvato, ma poi devono ratificarlo almeno 60 Paesi perché entri in vigore – ricorda – quindi c’è ancora molta strada da fare”.

READ  L'arrivo di immigrati russi stimola l'economia della Georgia da EFE

È qui che entrano in gioco i limiti delle organizzazioni multilaterali. L’Unione Europea ha uno dei regolamenti più restrittivi che obbliga i suoi paesi a sviluppare piani per la gestione e la sostenibilità dello spazio marittimo.

Altri paesi, invece, non hanno standard come quelli europei, come la Cina, dove la pesca indiscriminata sfrutta appieno le risorse delle aree transfrontaliere e strangola le flotte provenienti dall’Asia meridionale e dall’America latina.

La pesca illegale in alto mare è un affare oceanico opaco e multimiliardario che non ha giurisdizione per monitorare le condizioni dei lavoratori clandestini.

La gestione “settoriale”, che non integra la regolamentazione della pesca, del turismo e dell’energia, e l’assenza di un’organizzazione che possa multare i responsabili di determinate attività, sono i principali ostacoli che gli ambientalisti devono affrontare per affrontare queste sfide.

Sebbene aumentino gli investimenti economici, aumenta la consapevolezza.

“Le cose sembrano cambiare. È stato un anno importante per gli oceani, molte decisioni vengono prese a livello internazionale e vedo più interesse”, festeggia Santoro. EFE

Romo/Signor/Pss

(immagine) (infografica)

© EFE 2023. La ridistribuzione e la ridistribuzione di tutto o parte dei contenuti dei Servizi Efe è espressamente vietata, senza il previo ed espresso consenso di Agencia EFE SA