Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Gli occhi della stampa mondiale in Cile

30 esperti cileni – tra economisti e analisti politici -, nove manifestanti e più di 216 pagine di testi erano la base informativa prelevata dal Cile da inglesi e britannici. Corrispondente dall’America Latina per The Economist, Anna Lake, che ha trascorso tre settimane a ottobre vivendo in via Santiago Porras, a un isolato da Plaza Italia, imparando in loco come è cambiato il Paese dal 2019 e poi scrivendolo in un lungo rapporto sul processo costituzionale cileno.

Questi dati sono stati utilizzati in un editoriale intitolato “Il Cile, che un tempo considerava la Finlandia la Finlandia dell’America Latina, è in difficoltà” – pubblicato dai media britannici alla fine del mese scorso.

La nota non è passata inosservata e ha alzato il livello di allerta: Come vede il Cile la stampa internazionale? Questo fine settimana, con le elezioni presidenziali, la questione diventa rilevante perché gli occhi dei giornalisti di tutto il mondo sono leggermente più alti di questo Paese e parte dell’agenda dei candidati include interviste con i media internazionali.

È successo con il candidato repubblicano Jose Antonio Caste, che ha partecipato a una conferenza stampa con l’Associazione dei corrispondenti esteri venerdì 12 novembre, nella quale ha fatto riferimento alle recenti elezioni in Nicaragua e le ha confrontate con le elezioni presidenziali svoltesi in Cile nel dicembre 1989, in cui il Partito Democratico Cristiano partecipato. Viene eletto Patricio Aylwin (1990-1994).

Anche questo venerdì L’Economist ha scritto del Cile. Il promemoria – intitolato “Gli elettori del Cile stanno per sbagliare” – È interessante notare che “due candidati di siti web estremisti sono in testa alle elezioni presidenziali di questa settimana”.

Conclude dicendo che “i cileni farebbero bene a votare per i candidati ‘moderati’, Jasna Provost e Sebastien Sechelle”, soprattutto per fornire a Borek e Caste l’incentivo a spostarsi al centro se raggiungono il secondo turno.

Una tazza di latte e una schiuma

“Il paese era visto come paese senza paura, con un forte quadro istituzionale”, sottolinea Paula Bustamante, capo ufficio dell’Agence France-Presse (AFP).

Ma l’esplosione sociale e la crisi economica hanno cambiato il panorama. E ora il fenomeno dei due poli opposti in competizione per la presidenza. incertezza economica e politica; Lo sviluppo della prima conferenza costituzionale congiunta al mondo è una delle questioni più importanti per il mondo, secondo Bustamante, giornalista arrivato da Parigi a Santiago nell’agosto 2019.

Qui Gli dissero che il Cile “era un bicchiere di latte”, Persino i suoi colleghi hanno scherzato sul fatto che solo i terremoti hanno rotto quella calma.

Il cambiamento nell’agenda delle notizie la prepara a coprire la 25a sessione della Conferenza delle parti e della cooperazione economica dell’Asia-Pacifico. Il 18 ottobre si trovava in Bolivia e quando è stata informata che il tempo era teso per le strade della capitale cilena, si è recata per seguire quanto stava accadendo. Da allora, disse, L’agenzia per cui lavora copre ampiamente quello che sta succedendo qui Ha i suoi clienti che chiedono più feedback sul Cile.

“Prima di tutto questo era difficile suggerire linee guida per questo Paese, la consideravano una grande idea” John Bartley, un giornalista freelance per il Guardian (Regno Unito), che è venuto qui come stagista alle Nazioni Unite e si è innamorato della nazione è d’accordo. Oggi viene pubblicato almeno due volte a settimana su questo giornale.

Lo straniero sapeva che “Il miracolo cileno aveva una doppia faccia. “Uno è pieno di progresso e stabilità, e l’altro è pieno di disuguaglianza”, afferma Bartley. “Pinochet sta ancora vendendo in Inghilterra”, aggiunge. Gli inglesi stanno ancora pensando al suo personaggio, da qui l’interesse per i commenti di Caste la scorsa settimana e, come dice, “Gli editori stanno cercando titoli che colleghino Pinochet come la causa di tutto ciò che sta accadendo oggi”.

READ  Martín Guzmán incontrerà Kristalina Georgieva a Roma

Dal 2019 Paola Bustamante è Direttore dell’Agence France-Presse a Santiago.

Interesse per gli argomenti Mapuche

“Siete gli occhi del centro in Cile”, dice. Jose Maria del Pino, corrispondente dal Cile per Clarin e Todo Noticias, entrambi argentini, che sono entrati nel mondo dei corrispondenti nell’ottobre 2019. È diventato un volto familiare, e ci sono settimane in cui appare anche tre volte, con alcune persone attraverso le Ande che scattano persino foto con lui.

Oltre alle elezioni, Conflitto mapuche È un argomento che riceve molta attenzione nel paese vicino e nel resto dell’America Latina, afferma del Pino, che è anche il leader dell’Associazione dei corrispondenti esteri del Cile, che comprende 33 media stranieri con una presenza in Cile (che vanno dal Associated Press, l’Associated Press, al canale Venezuelan News Telesur). È una composizione “completamente eterogenea”, dice del Pino, per giornalisti e media.

Il WhatsApp

AP (USA), AFP (Francia), Xinhua (Cina), Reuters (Regno Unito), Bloomberg (USA), EFE (Spagna) Sono le agenzie di stampa con sede stabile in Cile con staff di giornalisti, fotografi e fotografi. Tutti forniscono rapidamente notizie, servizi di verifica dei fatti, rapporti, foto, trasmissioni in diretta e note audiovisive ai principali media globali.

Ha più di una dozzina di giornali Indipendenti e Stranieri Cileni I report vengono inviati con un approccio diverso da quello implementato dalle agenzie di stampa. El País (Spagna) ha un giornalista cileno Rocco Montes; Il New York Times lavora con Pascal Bonnevoy – un parente di Michelle Bachelet -; Mentre Clarin de Argentina ha José Maria del Pino. La nota che ha suscitato più clamore è stata quella scritta da Bonnevoy sulla gestione dell’epidemia in Cile durante il 2020, che ha spinto il ministro della Sanità a uscire allo scoperto per accusare i principali media statunitensi di cospirazione contro il Cile.

Altri media esistenti sono Prensa Latina (Cuba); russi Sputnik e RT; canale di notizie di Al Jazeera sul Medio Oriente; RFI e France 24 dalla Francia; E le agenzie Bloomberg, ANSA, Italia e Tellam (Argentina). Sono tutti raccolti in WhatsApp, l’associazione dei messaggeri, dove condividono informazioni e in situazioni pericolose segnalano la loro posizione.

Jose Maria del Pino, giornalista de La Nación de Argentina

Rapporto con il governo

La stampa estera non è molto assidua a partecipare a La Moneda. Tuttavia, da quando sono tornati alla democrazia almeno una volta all’anno, fanno colazione con il presidente e gli fanno alcune domande. L’ultimo incontro è stato nel novembre 2019, in cui le domande hanno indicato i responsabili dell’incendio della metropolitana.

In circa questi quattro anni, Sebastian Pinera ha rilasciato quattro interviste a questo media: BBC, El País, ABC de España e Andrés Oppenheimer lo hanno intervistato in due occasioni via telematica per la CNN.

A Palacio dicono che il rapporto è cordiale e che i materiali di supporto sono condivisi con loro tramite WhatsApp per riferire; Nel frattempo gli incontri non si tengono perché è un gruppo numeroso e ci sono folle da rispettare.

Cosa accadrà domenica? I giornalisti sottolineano che il punto è scoprire cosa accadrà a coloro che finora sono i “favoriti” nei sondaggi: l’ex leader studentesco, Gabriel Borek, e il conservatore Jose Antonio Caste, due poli opposti che occupano parte dell’internazionale. Sezione.

Per oggi, i 278 corrispondenti accreditati saranno distribuiti ai commando, a La Moneda e ai principali siti di voto a Santiago. Nel frattempo, le agenzie internazionali trasmetteranno in diretta le principali attività dei sette candidati.

I professionisti concordano sul fatto che a questo paese sono rimaste solo poche tazze di latte. Redattore multimediale olandese NRC Boris van der Sek, Lo ha riassunto così nel tweet di questa settimana: “Vivere in Cile è come essere in un costante stato di ansia. Dopo il dibattito di ieri sera e il voto al Senato sull’impeachment, ora ci stiamo preparando per la cruciale partita di calcio con l’Ecuador nel Qualificazioni ai Mondiali, poi le elezioni presidenziali e le loro conseguenze.

Atterraggio di Forbes

La rivista economica ed economica americano-americana ha annunciato il 3 novembre l’apertura di una versione cilena di Al Waseet. I media guidati da Steve Forbes hanno chiamato Porto Rico Randy Nevis Ex redattore di AFP, giornalista di EFE e redattore generale.

Il Cile è l’economia più vivace del continente, il centro di molte startup che guidano l’innovazione in tutto il continente “, ha detto Nevis a DF MAS, spiegando che il suo arrivo è stato in risposta all’espansione della rivista in tutta l’America Latina. Qui, andando avanti, parleranno di notizie nazionali, economia sostenibile e startup.

READ  Carlos Fernandez Carrido: "Ora c'è una possibilità per il mondo rurale" | Economia