Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Gli italiani affrontano l’appuntamento con le urne nel bel mezzo di un clima elettorale molto sottile

Se qualcuno camminasse da un binario all’altro della Stazione Centrale di Bologna, probabilmente lo sarebbe Sugli schermi pubblicitari incontra il volto di Carlo Calinda, Giorgia Meloni o Giuseppe Conte. Se un gruppo di amici camminasse verso Andrea Palladio a Verona, un autobus con una foto di Salvini o Berlusconi potrebbe passarli da una parte, ma la loro presenza sarebbe molto minore. Ma se arriva qualcuno Non troverete volti per i candidati a Piazza Garibaldi a Parma domenica alle elezioni italiane. Non un poster. L’Italia è un Paese che va alle urne, ma lo fa con un misto di indifferenza, indifferenza e smobilitazione.

Anche per strada È molto raro sentire parlare di conversazioni politiche a meno che l’argomento non venga sollevato volontariamente. Soprattutto tra i giovani: sono il gruppo meno mobilitato e questo è chiaro. La sensazione in Italia, mentre la campagna elettorale andava avanti, era che bisognava essere membri di un partito per interessarsi alla via delle urne, e infatti i leader fuggivano dai grandi eventi per essere sostituiti da incontri più intimi. Oppure girovagando per le diverse città, come nel caso di Enrico Letta. L’Italia è stanca della politica? molto probabilmente. Il numero che unisce la volontà dei cittadini, che è Sergio MattarellaI suoi giorni sono contati, e non solo per 81: dopo le elezioni, l’attuale Presidente della Repubblica se ne andrà. E cosa resta dopo, si chiedono tra Spritz Aperol e alcuni birra Il giovane Moretti lavorava in ambienti multiculturali.



Nelle ultime elezioni del 2018, Meno del 55% dei minori di 35 anni si è recato alle urne. Ora quella rottura potrebbe essere ripetuta. Storico dell’Università Autonoma di Barcellona Stefano Forte spiegare a 20 minuti Che ci sia stata “una notevole stanchezza nella popolazione che si è trovata costretta a votare in anticipo con la caduta di Draghi, poiché la campagna si è svolta in gran parte in estate, il che non serve neanche”. D’altra parte, questo è tutto Un Paese che “fa fatica a trovare governi stabili”.

“Questa fatica non è una novità, ma è più evidente in queste elezioni”, aggiunge lo storico, e afferma che secondo diversi sondaggi, “il numero di astensioni supererà qualsiasi record in un’elezione nazionale”. In questo scenario assume particolare rilievo il voto dei giovani, che restano a casa. «Sono dinamiche che vanno oltre il caso italiano. Il tasso di astensione tra i 18-24enni è molto alto in tutti i paesi“Si usa Forti. Ma l’analisi qui è speciale.” Non so se è giusto parlare di indifferenza tra i giovani O se è solo una parte mentre è pienamente consapevole dell’altra”.

Pertanto, le sfumature sono rilevanti. “Forse dovresti Parlano invece di sfiducia nei confronti dei partiti e dei sistemi politiciO il modo in cui funziona la democrazia oggi”, continua, ma presume, “Questo non significa che stiano scommettendo su scenari autoritari. Chiedono più democrazia, ma non vedono che il metodo si limiterà a votare. È vero che c’è un alto tasso di astensione tra i giovani, ma non so se posso parlare di indifferenza”.

A meno che il legame politico non sia molto forte, quasi nessuno cita Georgia Meloni e si parla poco di Salvini che non molto tempo fa era una grande star mediatica e politica. Il Nord Italia è il complotto elettorale che Fratelli e Lega si contendono, in alcune tasche, sì, con Forza Italia che sferra i colpi di grazia. A Parma, per esempio, uno dei locali delle feste accanto a una pizzeria ed è incredibile camminarci accanto all’ora di cena e vedere un gruppo di persone che si affolla alla porta. In un primo momento si capisce che stanno aspettando un tavolo al ristorante, ma quando viene chiesto si scopre che non lo sono, e che in realtà sono ancora tifoso Da Cavaliereanche se il suo entusiasmo è sempre meno. Passano gli anni anche di Silvio Berlusconi.


Meloni, Salvini e Berlusconi.

La partita più importante, come si è visto, non si gioca per strada, ma si tratta di “mi piace”, si tratta di social network. Si tratta di caricare la foto o il video giusto che gli elettori chiedono. Dovrebbe sembrare vicinoDall’altra parte dello schermo, parla del calcio o dì al negoziante che i cannoli sono i migliori. Quasi l’intera spedizione si è svolta in questa zona. Una realtà accresciuta rispetto alla realtà della strada, che i politici italiani hanno deciso di abbandonare giorno per giorno senza mutare nei sondaggi d’opinione. Ad esempio, quasi tutti i candidati contemporaneamente sono saltati a tic toc. Ne ho inviato uno, postato tutto. e concorrenza. Ha vinto Meloni PiaceRenzi ha parlato di sport e Berlusconi si è dimostrato più a suo agio nei suoi tempi televisivi che guardare il cellulare.

“Ci sono due o tre Italia prima di domenica”

In Italia c’è Grande divario tra nord e sud. Sono due paesi diversi. “Ci sono due o tre italiani prima di domenica”, commenta Forti. La divisione tra Nord e Sud è qualcosa che il Paese si porta dietro da un secolo e mezzo. “Si tratta di forti differenze nei livelli di reddito, al di là del passato di quelle regioni. Le differenze sono principalmente socio-economiche, e lo Stato non le ha volute né saputo risolverle negli anni”, ricorda lo storico. A questo dà una delle chiavi:” Il nord Italia nella cosiddetta banana europea, con le aree più produttive. E il sud dall’altra parte”.

Queste dinamiche hanno conseguenze politiche. “Se guardi i dati nel 2018 Salvini aveva il maggior numero di seggi al centro nord, invece da Roma in giù era una macchia gialla per via del colore M5S. Ci sono diverse culture politiche e questo ha molto a che fare con le proposte economicheForte discute su una delle variabili più rilevanti da considerare prima delle elezioni.

C’è stato un lungo processo di legalizzazione e normalizzazione. Gran parte del popolo italiano non li considera più estremisti o pericolosi

E Meloni? Quel partito post-fascista piace Fratelli d’Italia Sii molto popolare nei sondaggi Già previsto con alcune cose normali. A questo proposito, lo storico ritiene che ciò «si possa spiegare guardando agli ultimi trent’anni della politica italiana». La normalizzazione di queste formazioni ha cominciato ad avvenire negli anni Novanta e poi con l’ingresso Nel governo Berlusconi sia il Movimento Sociale Italiano che la Lega Nord. Una destra che si è definita liberale ha sempre aperto le porte all’estrema destra: «A partire dal 1994, ogni volta che Berlusconi tornava al governo lo faceva con Fini e Bossi, i leader di entrambi i partiti, e a livello regionale questi i partiti hanno governato negli ultimi decenni”. C’è stato un lungo processo di legalizzazione e normalizzazione. Gran parte degli italiani non li considera più estremisti o pericolosi”, dice Forti. Gli elettori possono pensare a una cosa: “Non hanno instaurato una dittatura, non sono fascisti”.

Un altro fattore, dice, è la “banalità del fascismo”, che ricorre soprattutto, nelle parole dello storico, “dalla fine della Prima Repubblica sotto l’idea che anche Mussolini facesse cose buone”, cosa per cui Berlusconi stesso si unì in quel momento. “tutti Questo processo è simile a una sorta di declino della Malesia iniziato nel 1994 La coscienza degli italiani: ora si raccolgono i frutti», conclude.

READ  Sono quasi saltato giù dal balcone del 26° piano.