Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Gli insegnanti di medicina dell’UNSa sono in allerta e condannano gli illeciti

26 luglio 2022-22: 48
La Facoltà insiste sul raggiungimento dell’Assemblea per l’istituzione della Facoltà di Medicina. Cercano l’indipendenza e smettono di fare affidamento sul College of Health Sciences.

I docenti di medicina dell’UNSa hanno sospeso la continuità della dettatura accademica a causa di varie irregolarità che interessano il corpo docenti.
Per questo hanno chiesto ancora una volta l’istituzione della scuola di medicina “che ne consente il governo amministrativo, di bilancio e accademico”, hanno spiegato in un comunicato.

“Ci vuole un’assemblea generale che è già stata tenuta dal rettore, ma per arrivarci ci sono ancora tanti passi da fare. Per questo annunciamo l’intenzione dei professori della professione”, ha detto il medico e il professor Edgardo Leon de la Fuente in un’intervista a El Trebono.

La professoressa si è lamentata della burocrazia dell’università e ha spiegato che la richiesta non era contro infermieri e nutrizionisti.

“Voglio chiarire che non abbiamo nulla contro di loro, ma il preside del College of Health Sciences è un’infermiera. Ha aggiunto che è come il preside del College of Economics è un medico”.

A sua volta, ha affermato che il signor Carlos Portal, che è proprio la massima autorità del college in cui ha sede la professione medica, li sostiene. “Abbiamo rispetto reciproco”, ha detto.

Leon de la Fuente si è lamentato di aver lavorato come professore presso la House of Graduate Studies per sei anni, ma è ancora indicato come temporaneo. “Non siamo regolamentati dall’UNSa. Secondo lo statuto, gli incarichi temporanei non durano più di un anno. Tutti gli insegnanti sono nella stessa posizione”, ha spiegato.

READ  Monitoraggio sanitario oggi 71 nuovi casi a La Pampa - infopico.com

Per quanto riguarda la gestione del budget, il dottore ha detto: “So che la nazione ha stanziato soldi per allestire i laboratori e le infrastrutture per la gara e non l’abbiamo ancora visto. Inoltre, all’UNSa vogliono entrate illimitate e non ci danno materiali per il numero di studenti che vogliono ottenere”.

Per arrivare all’istituzione della Facoltà di Medicina, l’argomento sarà prima analizzato nella riunione del Consiglio Supremo prevista per giovedì 28 luglio.

Da più di 30 anni all’UNSa non si tiene nessun incontro, perché ci sono sempre i dettagli. Quello che cerchiamo, studenti ed educatori allo stesso modo, è sostenere questa iniziativa per creare la nostra facoltà. “Vorremmo che la stampa fosse presente”, ha detto Leon de la Fuente.

Nel frattempo, nel comunicato stampa del collegio, sono stati denunciati l’acquisto di materiali e beni che avrebbero dovuto essere utilizzati per il corso e avevano una destinazione straniera, nonché la mancanza di spazi designati e l’uso dell’edificio costruito per il corso. Naturalmente, una professione, non ha nulla a che fare con essa.

Di fronte a questa situazione, dopo la pausa invernale, gli insegnanti sono in allerta e si sono mobilitati.

La professione medica è insegnata a Salta dal 2015 e dipende dall’Università Nazionale di Tucumán. Da quest’anno è entrata nell’orbita dell’Università Nazionale di Salta.