Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Gli economisti sollecitano la soppressione del patrimonio e l’armonizzazione del califfato | Economia

“Non sembra ragionevole che il nostro Paese insista nel preservare l’attuale forma della tassa come eredità, rendendo difficile l’attrazione e la conservazione di talenti e risparmi e creando eccessive distorsioni della giustizia all’interno delle nostre terre”, ha affermato il presidente dell’associazione. Consiglio degli economisti mercoledì, Valentine Beach. Le sue dichiarazioni, durante una conferenza sulla riforma fiscale per l’Albo degli economisti dei consulenti finanziari (REAF), hanno coinciso con la conclusione dei principali oratori, che hanno difeso la soppressione del patrimonio, perché la Spagna è l’unico paese dell’Unione Europea che la attua, e coordinare la raccolta di eredità e donazioni tra le comunità autonome.

Questo è stato difeso durante la discussione da Juan José Rubio, professore di finanza pubblica e sistema di tassazione delle società presso l’Università di Castilla-La Mancha (UCLM), direttore dell’Istituto di Economia di Barcellona (IEB) e professore all’Università di Barcellona, ​​José María Duran. Quest’ultimo ha osservato che la ricchezza in Spagna è tassata attraverso un insieme di imposte che include l’imposta sugli immobili (IBI), “presente in tutti i sistemi fiscali di riferimento” e che costituisce la principale fonte di reddito per i comuni; quelli di trasmissione e atti giuridici che si verificano anche nella stragrande maggioranza dei paesi; Numero di successioni e donazioni, un numero classico per la redistribuzione comunitaria (sebbene abolito in Svezia, Norvegia, Portogallo, Austria e Repubblica Ceca); e Heritage, che viene riscosso nell’UE “solo in Spagna”, sebbene si trovi in ​​Norvegia e Svizzera. “In Francia c’è una tassa sul patrimonio immobiliare, e in Italia sugli immobili e sulle attività finanziarie di proprietà di residenti fuori dal Paese”, ha aggiunto Rubio.

In Spagna, infatti, l’eredità è stata spazzata via dal governo di José Luis Rodríguez Zapatero nel 2008, anche se la cifra è stata temporaneamente recuperata dopo la crisi finanziaria e prorogata annualmente dai successivi dirigenti fino a quando l’alleanza PSOE e United We Can la ripristinano strutturalmente. . Tuttavia, comunità come Madrid offrono loro uno sconto del 100%, il che limita notevolmente la loro già scarsa capacità di raccolta.

READ  I prezzi sono aumentati 13 volte di più rispetto al resto del mondo

Il governo ha espresso l’intenzione di allineare questa tassa con l’imposta di successione nella riforma fiscale che disegnerà l’anno prossimo, dopo aver ricevuto il parere della commissione di esperti a febbraio, per attivarla nel 2023. Doran ha sottolineato che le imposte in discussione contribuiscono a malapena 15 % di acquisizione di ricchezza (10% successione e 5% patrimonio netto), poiché la maggior parte è generata da IBI (50%) e rimesse (35%).

Da lì, i due esperti hanno chiesto di abolire il patrimonio e concentrarsi sul coordinamento della successione per porre fine alle forti differenze territoriali e alla concorrenza fiscale che genera tra le regioni autonome. Tuttavia, Rubio ha ipotizzato che il clima che porta alle elezioni del prossimo anno renderebbe difficile promuovere una riforma fiscale di vasta portata.