Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Gli astronomi hanno catturato una sorprendente collisione tra due stelle e grandi lampi di raggi gamma

Stelle in collisione catturate dai raggi gamma

L’universo è troppo vasto e incredibile per fotografarne le meraviglie ei grandi eventi che accadono non solo con i telescopi spaziali. Un esempio di questo è stato Un’incredibile lotta tra due stelle in cui è stata fotografata Uno scontro epico.

Le immagini sono state scattate dagli scienziati dell’Atacama Large Millimeter/Submillimeter Telescope. matrice di matrice (spirito). per la prima volta Un team di ricerca ha rilevato la luce con lunghezze d’onda millimetriche proveniente da una potente esplosione causata dalla fusione di una stella di neutroni con un’altra stella.

Il team ha confermato che si tratta di Wamda raggi gamma Il più energico e di breve durata di tutti, lasciando dietro di sé anche una delle aurore più luminose di sempre. Risultati di questa ricerca Pubblicare nella rivista Lettere del diario astrofisico. I dati potrebbero aiutare gli scienziati a saperne di più su questi eventi estremi e sul loro impatto sullo spazio che li circonda.

Per la prima volta, un gruppo di ricerca ha rilevato la luce con lunghezze d’onda millimetriche causata da una potente esplosione causata dalla fusione di una stella di neutroni con un’altra.

Questa breve esplosione di raggi gamma è stata la prima volta che abbiamo tentato di osservare un evento del genere utilizzando ALMA.ha detto il fisico Wen Fei Fong della Northwestern University. “Il bagliore residuo di brevi lampi è molto difficile da trovare, quindi è stato sorprendente catturare questo evento molto luminoso. Dopo molti anni di osservazione di queste eruzioni, questa sorprendente scoperta apre un nuovo campo di studio, poiché ci motiva a osservare molti dei utilizzando ALMA e altri array di telescopi in futuro”, ha aggiunto.

I lampi di raggi gamma sono i più potenti conosciuti nell’universo. In soli 10 secondi, un lampo di raggi gamma può emettere più energia di una stella come il Sole in 10 miliardi di anni..

La stella immagine GRB 211106A appartiene a una sottoclasse di bagliori noti come bagliori di raggi gamma di breve durata. Queste esplosioni, a cui la comunità scientifica attribuisce la creazione degli elementi più pesanti dell’universo come platino e oro, sono il risultato di una violenta fusione di sistemi stellari binari contenenti una stella di neutroni. Queste fusioni si verificano a causa dell’effetto della radiazione dell’onda gravitazionale che rimuove energia dall’orbita delle stelle binarie. In questo modo le stelle si avvicinano e finiscono per scontrarsi. A sua volta, l’esplosione risultante emette getti a velocità prossime a quella della luce. Quando uno di questi getti viene emesso in direzione della Terra, osserviamo un breve impulso di raggi gamma”.spiega Tanmoy Laskar, assistente professore di fisica e astronomia all’Università dello Utah.

La stella catturata GRB 211106A appartiene a una sottoclasse di lampi noti come lampi di raggi gamma di breve durata (REUTERS/Rodrigo Gutierrez/File Photo)
La stella catturata GRB 211106A appartiene a una sottoclasse di lampi noti come lampi di raggi gamma di breve durata (REUTERS/Rodrigo Gutierrez/File Photo)

Questi flash di solito durano pochi decimi di secondo. Il team scientifico ha quindi cercato segni di bagliore residuo, un fenomeno causato dall’interazione dei getti con il gas circostante. I lampi di raggi gamma a corto raggio sono difficili da rilevare, Finora solo una mezza dozzina di loro sono state osservate in lunghezza onde radioNessuno di loro è stato rilevato a lunghezze d’onda millimetriche. Laskar, che ha condotto la ricerca mentre era Distinguished Fellow presso la Radboud University nei Paesi Bassi, spiega che La difficoltà sta nella grande distanza che ci separa dai lampi di raggi gamma e dall’abilità tecnologica dei telescopi. “Sebbene i lampi di raggi gamma di breve durata siano molto luminosi e vibranti, questi lampi si verificano in galassie molto distanti, quindi la luce che emettono può essere piuttosto debole per i telescopi terrestri. Prima di ALMA, i telescopi millimetrici non erano abbastanza sensibili da rilevare Dopo Twilight.”

READ  Se stai cercando un gioco di tennis realistico, Matchpoint: Tennis Championships è un gioco da tenere d'occhio

Gamma-ray flash 211106A, ha rilevato circa 20 miliardi anni luce Da terra, la stessa sfida pone. La luce emessa dalla luce è così debole che, sebbene l’osservatorio Neil Gehrells Swift della NASA abbia rilevato l’esplosione nei raggi X, è stato impossibile rilevare la galassia ospite a questa lunghezza d’onda e la comunità scientifica non è stata in grado di determinarne la fonte esatta. è venuto. “La luminosità residua è necessaria per determinare da quale galassia provenga il lampo e per comprendere meglio il fenomeno stesso. All’inizio, quando venivano effettuate solo osservazioni ai raggi X, la comunità scientifica credeva che questo lampo potesse provenire da una galassia vicina”, dice Tanmu Laskar, il quale aggiunge che la grande quantità di polvere presente nell’area rendeva anche difficile il rilevamento. L’oggetto nelle osservazioni ottiche effettuate con il telescopio spaziale Hubble.

“Queste esplosioni si verificano in galassie lontane, il che significa che la loro luce potrebbe essere piuttosto debole per i nostri telescopi sulla Terra”. Laskar ha spiegatoPrima di ALMA, i telescopi millimetrici non erano abbastanza sensibili per rilevare queste aurore.“, Ha aggiunto.

Il team scientifico ha quindi cercato segni di bagliore residuo, un fenomeno causato dall'interazione dei getti con il gas circostante.  I lampi di raggi gamma di breve durata sono difficili da rilevare (Reuters)
Il team scientifico ha quindi cercato segni di bagliore residuo, un fenomeno causato dall’interazione dei getti con il gas circostante. I lampi di raggi gamma di breve durata sono difficili da rilevare (Reuters)

Poiché questo particolare evento, chiamato GRB 211106A, era così lontano, non poteva essere rilevato dagli attuali strumenti di astronomia delle onde gravitazionali. “L’impareggiabile sensibilità di ALMA ci ha permesso di localizzare un GRB in questo campo con maggiore precisione, e si è rivelato essere in un’altra debole galassia, ben oltre.. Questo, a sua volta, significa che questo lampo di raggi gamma di breve durata è più potente di quanto pensassimo inizialmente, rendendolo uno dei lampi di raggi gamma più energici ed energici di sempre”.

READ  L'ultimo volo di SpaceX è quasi entrato in collisione con un UFO ...

Quando le stelle di neutroni si scontrano, il risultato è sorprendente: un’esplosione accompagnata da getti di materiale che esplodono verso l’esterno a una grande frazione della velocità della luce.. Se siamo fortunati, questi getti sono orientati in modo tale che uno si stia dirigendo più o meno verso di noi, quindi vediamo l’eruzione come un lampo di raggi gamma.

Le osservazioni millimetriche della lunghezza d’onda hanno permesso ai ricercatori di misurare alcune proprietà chiave di GRB 211106A; È l’angolo di apertura dell’aereo, che può essere utilizzato per dedurre i tassi SGRB nell’universo e una misurazione più accurata dell’energia GRB. “Le lunghezze d’onda millimetriche possono dirci la densità dell’ambiente attorno al GRB”, ha detto l’astronomo Genevieve Schroeder della Northwestern University.

Quando le stelle di neutroni si scontrano, il risultato è sorprendente: un'esplosione accompagnata da getti di materiale che esplodono verso l'esterno a una grande frazione della velocità della luce.
Quando le stelle di neutroni si scontrano, il risultato è sorprendente: un’esplosione accompagnata da getti di materiale che esplodono verso l’esterno a una grande frazione della velocità della luce.

E se combinati con i raggi X, possono dirci la vera energia dell’esplosione. Poiché l’emissione può essere rilevata a lunghezze d’onda millimetriche più lunghe dei raggi X, l’emissione millimetrica può essere utilizzata anche per determinare la larghezza di un getto GRB”.

I ricercatori hanno scoperto che GRB 211106A ha alcune proprietà insolite, sia nella sua galassia ospite che nel suo profilo energetico. In definitiva, ciò suggerisce che vi è una maggiore diversità nelle caratteristiche degli SGRB rispetto a quanto si vede attualmente, il che implica che il monitoraggio e la classificazione continui di questi eventi sono garantiti. Quindi, sebbene questo possa essere il primo trampolino di lancio di queste incredibili eruzioni, è improbabile che sia l’ultimo.

READ  Scarica questi 19 videogiochi per Nintendo Switch gratuitamente

ALMA rompe il campo di gioco in termini di capacità a lunghezze d’onda millimetriche e ci ha permesso di vedere per la prima volta l’universo debole e dinamico in questo tipo di luce. Dopo un decennio di breve osservazione dei GRB, è davvero sorprendente assistere al potere dell’utilizzo di queste nuove tecnologie per scoprire doni sorprendenti dall’universo”.

Continuare a leggere: