Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Gli astronomi di Harvard hanno rivelato la vera forma dell’alone di stelle nella Via Lattea

Immagine della forma reale dell’alone della Via Lattea realizzata dagli scienziati che l’hanno scoperta (Melissa Weiss/Center for Astrophysics | Harvard & Smithsonian)

il via Lattea È caratterizzato da una nuvola diffusa di stelle che circonda la galassia nota come la alone astrale Gli astronomi hanno sempre pensato che avesse un modo palla rotonda Ma di recente, gli scienziati di Università di Harvard Hanno scoperto che ha un’altra forma che ricorda una palla da rugby rispetto a una palla. Pertanto, hanno affermato, libri di testo in cui le immagini tipiche della galassia circondata da un cerchio di stelle dovrebbero essere modificate.

All’inizio possono sembrare dati banali, ma non lo sono, perché permetteranno di progredire negli studi che forniranno informazioni su vari argomenti astrofisici, tra cui la storia e l’evoluzione della nostra galassia e indizi nella ricerca della materia oscura. I risultati degli esperti Centro di astrofisica di Harvard-Smithsonian Lei era Pubblicato sull’Astronomical Journal.

“La forma di un alone stellare è un parametro molto basilare che abbiamo appena misurato con maggiore precisione di quanto fosse possibile prima”, ha affermato l’autore principale dello studio. Jeon “Jessie” HanStudente di dottorato presso l’Harvard-Smithsonian Center for Astrophysics. Ha detto: “Ci sono molte indicazioni importanti nel fatto che l’alone stellare non è sferico, ma ha la forma di un pallone da football (americano), un pallone da rugby o un pallone”. Tecnicamente si chiama fig Ellisse triassiale.

I ricercatori hanno affermato che la scoperta consentirà loro di iniziare a rispondere a come appare la galassia e come appare l'alone stellare (Samuel de Roman/Getty Images)
I ricercatori hanno affermato che la scoperta consentirà loro di iniziare a rispondere a come appare la galassia e come appare l’alone stellare (Samuel de Roman/Getty Images)

“Per decenni, l’ipotesi generale è stata che l’alone stellare fosse più o meno sferico e omogeneo, o che fosse lo stesso in tutte le direzioni”, ha aggiunto il coautore dello studio. Charlie ConroyHahn Adviser e professore di astronomia all’Università di Harvard e al Center for Astrophysics. “Ora sappiamo che l’immagine da manuale della nostra galassia incorporata in un volume sferico di stelle deve essere scartata”.

Secondo la spiegazione degli esperti, l’alone stellare della Via Lattea lo è parte visibile È ampiamente noto come l’alone galattico. Questo alone galattico è dominato dalla materia oscura invisibile, la cui esistenza può essere misurata solo dalla gravità che esercita. Ogni galassia ha il suo alone di materia oscura. Questi aloni agiscono come una sorta di impalcatura a cui è attaccata la materia ordinaria e visiva. A sua volta, questa materia visibile forma stelle e altre strutture galattiche osservabili. Gli aloni stellari sono oggetti di studio inestimabili per gli astrofisici perché consentono loro di comprendere meglio come si formano e interagiscono le galassie, nonché la natura fondamentale della materia oscura.

READ  Tre app nascoste nel Play Store che rubano i dati ed è meglio eliminarli

“L’alone stellare è un tracker dinamico dell’alone galattico”, ha aggiunto Han. Per saperne di più sugli aloni galattici in generale, e in particolare sull’alone galattico e La storia della nostra galassial’aura astrale è un ottimo punto di partenza.

Uno dei set di dati utilizzati dagli astronomi di Harvard è stato preso dal telescopio dell'Osservatorio MMT americano (Osservatorio MMT)
Uno dei set di dati utilizzati dagli astronomi di Harvard è stato preso dal telescopio dell’Osservatorio MMT americano (Osservatorio MMT)

Gli scienziati riconoscono la difficoltà di indagare l’alone galattico, spiegando che ciò è dovuto al fatto che la Terra è “incorporata” in quell’alone, estendendosi per centinaia di migliaia di anni luce sopra e sotto il sistema solare. “A differenza delle galassie esterne, dove le guardiamo e misuriamo i loro aloni”, ha spiegato Han,Ci manca lo stesso tipo di prospettiva atmosferica dall’alone della nostra galassia.

Inoltre, un’altra difficoltà con lo studio dell’alone stellare è che è diffuso e contiene solo 1% della massa di tutte le stelle dalla galassia. Tuttavia, nel corso degli anni, gli astronomi sono stati in grado di identificare migliaia di stelle che abitano questo alone, che si distinguono dalle altre stelle della Via Lattea per la loro peculiare composizione chimica, che può essere misurata attraverso lo studio della luce delle loro stelle, così come attraverso le loro distanze e movimenti attraverso il cielo.

Pertanto, gli astronomi si sono resi conto che le stelle nell’alone non sono distribuite uniformemente. Da allora, l’obiettivo è stato quello di studiare modelli di iperdensità di stelle, che appaiono spazialmente come ammassi e tavole, per determinare le origini finali dell’alone stellare.

L'alone stellare della Via Lattea è la parte visibile di quello che è ampiamente conosciuto come l'alone galattico.
L’alone stellare della Via Lattea è la parte visibile di quello che è ampiamente conosciuto come l’alone galattico.

Il nuovo studio, condotto dai ricercatori di Harvard, si basa su Due serie principali di dati raccolti negli ultimi anni che hanno sondato l’aura astrale come mai prima d’ora. Il primo gruppo è Jayaun veicolo spaziale rivoluzionario lanciato da Agenzia spaziale europea nel 2013. Gaia ha continuato a raccogliere le misurazioni più accurate delle posizioni, dei movimenti e delle distanze di milioni di stelle nella Via Lattea, comprese alcune stelle vicine nell’alone stellare.

READ  Si diffonde uno stratagemma per catturare Articuno, Zapdos e Moltres de Galar

Il secondo set di dati è H3 (Hectochelle in the Halo at High Resolution), un rilievo effettuato con un telescopio MMT, situato presso l’Osservatorio Fred Lawrence Whipple in Arizona, una collaborazione tra l’Harvard-Smithsonian Center for Astrophysics e l’Università dell’Arizona. H3 ha raccolto osservazioni dettagliate di decine di migliaia di stelle nell’alone stellare che sono troppo distanti per essere valutate da Gaia.

L’incorporazione di questi dati in un modello flessibile che ha permesso alla forma dell’alone stellare di emergere da tutte le osservazioni ha portato alla determinazione che l’alone Certamente non sfericoLa forma del pallone da rugby lo definisce bene e corrisponde ad altre scoperte fino ad oggi.

Han, investigatore principale (Osservatorio MMT, USA), ha dichiarato:
“Per saperne di più sugli aloni galattici in generale, e in particolare sull’alone galattico e sulla storia della nostra galassia, l’alone stellare è un ottimo punto di partenza”, ha affermato Han, ricercatore principale (MMT Observatory, USA).

forma, per esempio, partite indipendentemente e saldamente con una teoria guida sulla formazione dell’alone stellare della Via Lattea. Secondo questo quadro, l’alone stellare formatosi quando A Una galassia nana solitaria Si è scontrato da 7 a 10 miliardi di anni fa con la nostra galassia molto più grande. La galassia nana che si è rotta è nota come Gaia-Sausage-Enceladus (GSE), con “Gaia” che si riferisce alla suddetta astronave, “salsiccia” per lo schema che appare quando si tracciano i dati di Gaia, ed “Encelado” per il gigante mitologico greco sepolto sotto il Monte, dove GSE è sepolto nella Via Lattea. Come risultato di questo evento di collisione galattica, La galassia nana è stata fatta a pezzi E le sue stelle costituenti sono sparse in un alone sparso. Questa storia di origine spiega la differenza intrinseca tra stelle con alone stellare e stelle nate e cresciute nella Via Lattea.

READ  Hanno scoperto due buchi neri supermassicci che si alimentano insieme. E non smettono di crescere

“L’inclinazione e la distribuzione delle stelle nell’alone stellare forniscono un’entusiasmante conferma che la nostra galassia si è scontrata con un’altra galassia più piccola da 7 a 10 miliardi di anni fa”, afferma Conroy. In particolare, è passato così tanto tempo dalla collisione GSE-Via Lattea che ci si sarebbe aspettati che le stelle nell’alone stellare si assestassero dinamicamente nella classica forma sferica a lungo assunta. Il fatto che probabilmente non mi hanno parlato l’alone galattico più ampio disse la squadra. È probabile che questa struttura dominata dalla materia oscura sia storta e, attraverso la sua gravità, mantiene in posizione anche l’alone stellare.

“L’alone stellare è fortemente inclinato, indicando che anche l’alone di materia oscura sottostante è inclinato”, ha detto Conroy. “L’inclinazione nell’alone di materia oscura potrebbe avere importanti conseguenze per la nostra capacità di rilevare particelle di materia oscura nei laboratori sulla Terra”.

Gli scienziati sono consapevoli della difficoltà nell'indagare l'alone galattico e spiegano che ciò è dovuto al fatto che la Terra
Gli scienziati sono consapevoli della difficoltà di indagare sull’alone della galassia e spiegano che ciò è dovuto al fatto che la Terra è “incastrata” in quell’alone (Gettyimages)

Capire la composizione più plausibile dell’alone stellare potrebbe far avanzare molte ricerche astrofisiche in quanto fornisce dettagli chiave sul nostro posto nell’universo. Queste sono domande intuitivamente interessanti da porre sulla nostra galassia: che aspetto ha la galassia? e “Che aspetto ha un alone stellare?”, ha spiegato Han. “Con questa particolare linea di ricerca e studio, finalmente Rispondiamo a queste domande“.

Continuare a leggere