Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Giroud: Beniam Jermay, il primo ciclista nero africano a vincere una tappa di un Grand Tour | Gli sport

Vince e festeggia sul podio il tanto atteso Biniam Girmay, agitando una bottiglia Prosecco Il rosa e la presa escono rapidamente, meglio, appassiscono, brillano, così com’è, corridore Un ciclista africano di Asmara, sull’ultimo rettilineo, ha mantenuto una velocità colossale di 400 metri che sorprende Matthew van der Poel, divino, incapace di colmare il divario, un tappo di sughero unto, comunque, come lui, un proiettile indisciplinato lo ha colpito nel Suo occhio sinistro era accecato.

Un’ora e mezza dopo è tornato in albergo con una benda sull’occhio danneggiata. Non ci sono più informazioni. Il team rileva che fino a mercoledì mattina non riferirà sulle condizioni del cavaliere, l’eccezionale doppio protagonista nella fase giroscopica, e sulla sua capacità di proseguire nel giroscopio. Fonti vicine alla squadra hanno affermato che le possibilità di continuare erano scarse. Con la vista in un solo occhio, un ciclista non può guidare in uno zaino.

Celebrare un evento storico – perché è storico, non solo per il Giro d’Italia o per il ciclismo o per lo sport, ma per un intero continente, che un ciclista dell’Africa Nera vinca una tappa del Grand Tour di uno sport, profondamente radicato la cultura dell’antica Europa – e diventa così, in meno del tempo che gli occorre per narrare, un dramma che si avvicina alla tragedia. 17 maggio 2022, martedì, una giornata indimenticabile. Colpendolo, prima di tagliare il traguardo, van der Poel dà il suo assenso al vincitore alzando il pollice destro, beh, barbaro; La sala stampa di Jiro, giornalisti in cerca di storie che riprendono la storia di Race Without Borders, eppure, dal loro sonno, iniziano ad applaudire all’impazzata; Juanpi, che veste sempre di rosa dopo uno sforzo che sembra esagerato come tutti quelli che ci giocano, lo abbraccia appena taglia il traguardo, e anche Van der Poel. L’eroe, Jeremy, è nato nell’anno 2000 e ha guidato una bicicletta progettata con qualcuno che si sentiva scelto per una missione.

READ  Giroud ha lasciato l'Italia dopo due anni condizionati dall'epidemia

Tutto è straordinario per un secondo sotto il solito sole di Jesse, a marzo, l’ex Stato Pontificio, mentre un leopardo, romantico, poeta, pensatore alzava la testa al di sopra della mediocrità in una terra dove preti e proprietari permettevano a tutti di mangiare bene, che nessun uno ha fame, purché accetti umilmente l’ordine naturale delle cose, e che non siano né troppo cattive né troppo buone, né più né meno. E attraverso le sponde dell’Adriatico, ogni respiro, la geometria ripetuta della simmetrica chaise longue distrugge le linee della natura sulla costa adriatica, sotto il monte Conero, cavo, entra a Recanati, la biblioteca da cui Leopardi demolì in breve tutte le idee conservatrici trionfo, presto seppellito, ancora una volta, nel profumo degli incensi delle chiese e della grigia polvere di Macerata, Loreto. Recanati, la città del pensatore, in cima alla collina, è un muro di asfalto verso la montagna. Un tormentato van der Poel saluta il poeta romantico quando ha rotto la sua bicicletta sulla sua bicicletta.

Tempo di spettacolo, esibizione di classe che lascia senza parole gli ex ciclisti, Saligari, Petacci, che commentano Ray, stupiti dalla quiete con cui cambia bici, dalla pulizia con cui torna a Peloton, lui stesso, senza il beneficio di leva quando il suo manager gli offre una ciotola di neve, senza prendere il volante dell’auto, tenendo l’aereo a una velocità di 70 all’ora, con l’abilità del mago, un sacco di neve dalla mano di un assistente in macchina . E mettiglielo al collo, di nuovo Dallh. Petacci gli urla contro, ma asino, approfittane, mettiti al volante, dai, la fatica la paghi, non fare l’idiota, ma, amico mio, che classe, oh mio.

READ  Il Barcellona si è qualificato per gli ottavi di finale di Lega Europea dopo aver battuto il Napoli 4-2 in Italia | Sport totali

Leopardi e Van der Poel. Tutte le trasgressioni saranno punite, come promesso dai medium, il che accelera la volontà e la voglia di toccare il naso dell’olandese, da sempre protagonista. E al volante, Girmay, che vuole essere come lui, imparare e prendere in fretta, non è la borsa di ghiaccio che lo raffredda nella sua prima giornata davvero calda in Italia, ma ogni dettaglio degli eroi che non imita ma migliorare.

I coloni italiani, il nuovo impero romano di Mussolini, crearono Asmara, Little Rome, e portarono le loro biciclette e il loro amore per il ciclismo nel Levante africano. Quando se ne andarono, sconfitti nel 1941, lasciarono le biciclette e l’amore per il ciclismo, che Jeremy e molti altri avevano ereditato e reso fruttuoso. Mentre l’Italia piange perché i bravi ciclisti sono vecchi, Pozzovivo, che lavora per Girmay, Nibali, che sta solo attaccando, arriva in bicicletta per riconquistare il mondo in nome di un continente, l’Africa. Ironia storica, riscrittura.

Talento unico, ciclista veloce e resistente, capace di attraversare in un certo modo una montagna, van der Poel, senza il suo gusto per le spese inutili, eccessive, Jermay è stato premiato con una borsa di studio dall’UCI, che ha ospitato un centro di allenamento a Svizzera. In seguito fu ingaggiato da una squadra francese e finì, dopo tante prove ea soli 22 anni, da figlia, all’Intermarché belga. Ha stupito chi non lo ha mai visto finendo secondo ai Mondiali U-23 di Leuven. A marzo ha vinto il classico premio Gent-Wevelgem acciottolato e ha detto: “Lo sto facendo in nome dell’Africa”.

Vive a San Marino. Sbaglia una curva dell’ultima discesa e sembra già salutarsi, ma ricompare al volante di Van der Poel, e Bozofevo inizia a scattare in volata, leggermente in alto. Van der Poel, con gli occhi fissi sull’italiano, immerso, si rende conto troppo tardi che, come un coperchio di champagne, appassito e dolorante, Jeremy inizia alla sua destra. sorprenderlo. Lo sconfigge. Seduto in sella a Van der Poel, che ha sconfitto Jermay in un singolare nella prima giornata in Ungheria, e in quella giornata l’olandese apre sempre le storie, Van der Poel ha già colpito l’occhio con il festoso tappo di bottiglia, ma un poco più. Testa in giù. “Una giornata straordinaria. Jeremy dice, prima che il tamper lo accechi. ” “Ho vinto la mia prima tappa alla mia prima grande festa. Questa è una storia meravigliosa per me e per tutti gli africani. Sappiamo già che tutto è possibile.” E il mondo, con la bocca aperta, annuì e lo rispettava, e diceva: Devi essere un vero fenomeno per far sedere van der Poel in una tale venuta. Il teatro, un crinale, continuo alti e bassi, è stato così difficile che solo 30 corridori sono arrivati ​​​​al traguardo nel primo gruppo, ed è stato vinto da un ciclista dell’Africa nera.

READ  ◉ Boca oggi: a che ora si gioca contro Newell's, Battaglia 11 e le ultime novità

Puoi seguire EL PAÍS Sports su Facebook S Twitteroppure registrati qui per ricevere Bollettino settimanale.