Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Giro d’Italia 2022 | Santiago Buitrago si è svegliato nella rottura per vincere la fase 17

È un dato di fatto, Santiago Buitrago (il vincitore del Bahrain) è il ciclista colombiano in ottima forma per la 105a edizione del Giro d’Italia. Il nativo di Bogotá, arrivato come membro sociale da Mikel Landa e Belo Bilbao, viveva da solo Rosa corso Prestazioni eccezionali quando si tratta di staccare e affrontare i passi di montagna più complessi.

Questo mercoledì, sulla 17a tappa dei 168 chilometri tra Ponte de Legno e Lavarone, Buitrago è stata l’innesco della divisione tra il gruppo e la divisione. Pochi secondi dopo aver pedalato per i primi 1.000 m della tappa, Ha sparato dal centro del lotto seguito da diversi altri corridori, che avevano già recuperato le sue condizioni in montagna.

Grazie a questo attacco colombiano si è unito un gruppo di 25 ciclisti, tra cui nomi come Matteo van der Poel (Alpsin-Phoenix), Guillaume Martin (Cofidis), Hugh Carthy (EF Easy Post) e Julio Ciccone (Trek-Segafredo), tra gli altri.

Buitrago ha già dimostrato che il suo obiettivo è vincere una tappa in questo Giro e, nonostante non abbia avuto successo domenica scorsa, è ancora vivo con l’illusione di ottenere la sua prima vittoria in carriera in un torneo importante a soli 22 anni. Nella tappa 15, è arrivato secondo dietro a Ciccone, Qual è il risultato che ha finito per strappare qualche lacrima di frustrazione perché era così vicino a realizzare il suo sogno.

Questo martedì, all’inizio della terza settimana di gare, il colombiano ha fatto un lavoro fantastico come capitano Mikel Landa, che ha raggiunto il traguardo con Richard Carapaz (Inios Grenadiers) e Guy Hendley (Bora Hansgrohe), capitano e secondo. Disposizione generale. Quei buoni sentimenti in Bahrain hanno cambiato le lacrime delle risate e gli hanno dato una seconda spinta per continuare l’attacco in questa fase 17.

READ  Fattore zero di calcio: fammi vedere la pasta! | Gli sport

Delusione colombiana

Buitrago è stato l’unico della sua squadra nella rottura, ma non è stato l’unico colombiano. Anche Diego Camargo (EF Easy-Post) si è attenuto a questa collezione rivoluzionaria, Il che potrebbe avere effetto se i candidati annullassero la battaglia per la vittoria e si concentrassero esclusivamente sulla lotta per il titolo in singolo.

La Colombia mette ancora una volta due dei suoi Maggiolini in una corsa alla ricerca della vittoria che è stata finora sfuggente, sia nelle tappe di alta montagna con alpinisti puri, sia nelle tappe di imballaggio con Fernando Gaviria.

L’ultima volta che il Paese ha concluso il Giro senza vittorie è stato nel 2020, l’edizione svoltasi a ottobre a causa dell’interruzione dello sport a causa della pandemia di COVID-19.

Santiago Buitrago, Cavaliere del Bahrain vincitore al Giro d’Italia 2022 – Foto: una settimana

Qualunque sia il risultato, questa presentazione di Buitrago in Rosa corso Conserverà un posto speciale nella sua memoria dei momenti vissuti come volto del ciclismo nazionale nella classifica generale a soli 22 anni.

spettacoli in giro Ci hanno permesso di monitorare la qualità del nativo di Bogotá, che ha iniziato la sua carriera di ciclista a soli undici anni nel mondo della mountain bike. Le sue abilità su due ruote e le persone che ha avuto l’opportunità di attraversare le piste gli hanno permesso di saltare dove si trova, una delle migliori squadre del World Tour.

Una di queste persone era Jiro Chavez, il padre di Esteban Chavez e responsabile della gestione dell’istituto che porta lo stesso nome di suo figlio. Date le sue capacità, non ha esitato a essere chiamato nel team FUN, Che mira a formare nuovi ciclisti, ma soprattutto a promuovere valori attraverso lo sport.

READ  Una generazione di italiani senza il Mondiale | Gli sport

Con l’opportunità di competere alla Vuelta al Porvenir nel 2017 e la sua prestazione impressionante, Buitrago è riuscito ad attirare l’attenzione di diverse squadre. È stato prima ingaggiato dalla squadra dell’AV Villas, poi è passato in Europa alla squadra italiana di Cinelli, a È finito in Bahrain, dove ha avuto l’opportunità di continuare ad imparare dai migliori.