Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Giganti “fiumi atmosferici” che regolano il clima del nostro pianeta

Sono i “fiumi” più lunghi e più grandi del pianeta. Possono essere larghi oltre 250 miglia e trasportare da 7 a 15 volte la portata media giornaliera del fiume Mississippi.

Tuttavia non attraversano la terraferma, non contengono acqua allo stato liquido o sfociano in mare: sono a un’altitudine di chilometri, trasmettono vapore acqueo e sono mossi da correnti d’aria: sono detti “fiumi atmosferici”.

La sua esistenza e funzione sono ben note: Regolare il clima del nostro pianeta.

Lo fanno trasportando acqua allo stato gassoso dall’equatore ai poli e, con il loro movimento, forniscono precipitazioni superiori alla media annua sulle coste del Nord America, Francia, Spagna settentrionale, Portogallo, Regno Unito e il sud-est. Sud America, Cile meridionale, parti dell’Asia e Nuova Zelanda.

Allo stesso modo, svolgono un ruolo nel mantenimento del livello del mare e causano molti eventi di precipitazioni estreme in tutto il mondo, tra cui tempeste e inondazioni.

Ma ciò che non si sapeva fino ad ora è che ci sono anche loro dietro uno Il più grande scioglimento che l’Antartide abbia mai sperimentato Negli ultimi due decenni.

Fino a poco tempo, si pensava che un buco nello strato di ozono fosse responsabile delle alte temperature registrate nella parte più meridionale del pianeta che hanno portato ad un significativo distacco dei grandi strati di ghiaccio dal “Continente Bianco”.

Tuttavia, uno studio pubblicato questa settimana su Nature Communications suggerisce che questi “fiumi atmosferici”, intensificati dall’aumento delle temperature e dai cambiamenti climatici, sono dietro queste valanghe.

Come spiega alla BBC Mundo Kyle Clem, ricercatore principale dello studio e professore di scienze del clima presso la Victoria University di Wellington, in Nuova Zelanda, le cause dovrebbero essere ricercate “Treno per eventi aerei” Che si trova a migliaia di chilometri dall’Antartide.

Giganti “fiumi atmosferici” che regolano il clima del nostro pianeta.NOAA

Secondo la loro ricerca, forti tempeste vicino alle Fiji, causate da forti fronti freddi che si sono spostati a nord dalla Nuova Zelanda, generano un fiume atmosferico di aria estiva calda e umida che scorre attraverso il Pacifico meridionale verso l’Antartide.

READ  Un test genómico mejora el tratamiento de uno de cada cinco cánceres de mama

“Trasporta aria molto calda e umida dai subtropicali e dalle medie latitudini del Pacifico meridionale alla penisola antartica sotto forma di intensi fiumi atmosferici, che provocano il riscaldamento e lo scioglimento della superficie sulla piattaforma di ghiaccio”, afferma.

Secondo l’esperto, la perdita di banchi di ghiaccio provoca l’assottigliamento dei ghiacciai che un tempo vi scorrevano, alcuni dei quali hanno migliaia di anni, e la perdita della loro massa, provocando quindi un aumento del livello globale del mare.

Fiumi di base atmosferici

Secondo Clem, i fiumi atmosferici sono un fenomeno relativamente raro: in ogni momento ce ne sono meno di cinque nel mondo intero.

però, Sono responsabili di circa il 90% della trasmissione totale dell’umidità dalle basse alle alte latitudini.

“Questa è una componente critica sia del sistema climatico globale che del ciclo idrologico”, spiega il meteorologo.

Come commenta, questi “fiumi” non solo trasportano l’umidità, ma anche l’energia dall’evaporazione alle latitudini più elevate dove c’è carenza di energia.

“I fiumi nell’atmosfera sono essenziali anche per le precipitazioni e le nevicate in tutto il mondo, e quindi in alcune regioni svolgono un ruolo importante nel mantenimento di fonti di acqua dolce come le falde acquifere, il flusso dei fiumi, i corsi d’acqua e il manto nevoso”, aggiunge.

L’esperto aggiunge che giocano anche loro ruolo essenziale nel mantenimento del livello del mare.

“Ad esempio, il 40-60% di tutto l’accumulo di neve in Antartide è costituito da eventi di accumulo ‘estremi’, che spesso si verificano sotto forma di fiumi atmosferici, dice.

A suo avviso, questo è importante perché il ruolo dell’Antartide nelle fluttuazioni del livello del mare globale è misurato dal suo bilancio di massa, ovvero quanta massa guadagna (dalla caduta della neve) rispetto a quanta massa perde (dalla nevicata). scioglimento dei ghiacci).

READ  L'Argentina chiede al G20 di promuovere la digitalizzazione per uno sviluppo equo - Diario Digital Nuestro País

“Questo equilibrio è strettamente correlato al numero e alla densità dei fiumi nell’atmosfera che raggiungono la terraferma in Antartide”, aggiunge.

il gigante "fiumi atmosferici" che regolano il clima del nostro pianeta.
Giganti “fiumi atmosferici” che regolano il clima del nostro pianeta.NOAA

Rischi del cambiamento climatico

Lo studio di Clem mostra che associa le temperature più alte registrate nella penisola antartica dal 20° secolo all’arrivo di questi fiumi atmosferici che hanno avuto origine nell’Oceano Pacifico.

Secondo il ricercatore, non è un caso che ciò sia avvenuto in un periodo in cui le temperature globali sono aumentate a causa del cambiamento climatico.

I fiumi atmosferici non hanno nulla a che fare con il cambiamento climatico. si verificano naturalmente. Tuttavia, la quantità di umidità che l’atmosfera può trattenere, e quindi la quantità di umidità che può essere trasportata dai fiumi atmosferici, aumenta con l’aumento della temperatura dell’aria”.

“Quindi, l’aumento delle temperature atmosferiche e oceaniche globali consente ai fiumi atmosferici di diventare più forti, aumentando così la probabilità di eventi di precipitazioni più gravi sotto forma di neve e pioggia”, osserva.

Secondo l’accademico, il cambiamento climatico può anche cambiare la posizione e l’intensità dei sistemi temporaleschi associati a questi “fiumi”.

“Forti tempeste hanno il potenziale per produrre fiumi più forti nell’atmosfera e cambiare la posizione dei sistemi temporaleschi può anche cambiare la posizione dei fiumi nell’atmosfera”, afferma.

Klemm mostra che un minor numero di sistemi temporaleschi a latitudini come gli Stati Uniti sudoccidentali e il Cile centrale potrebbero ridurre drasticamente il numero di fiumi nell’atmosfera e quindi portare a una diminuzione delle precipitazioni annuali totali.

“Allo stesso modo, uno spostamento verso i poli delle tracce delle tempeste a latitudini più elevate può portare a più fiumi nell’atmosfera nelle regioni artiche e antartiche”, afferma.

il gigante "fiumi atmosferici" che regolano il clima del nostro pianeta.
Giganti “fiumi atmosferici” che regolano il clima del nostro pianeta.Getty Images