Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Gelato: un’azienda di famiglia nata oggi per hobby e che punta sull’export

Nel 2011 padre e figli decollano nel mondo del gelato. Forse non pensavano che dopo 11 anni avrebbero analizzato il loro sbarco in Europa. Daniel Otero, 69 anni, figli Christian, 43, e Franco, 23, hanno aperto per hobby una gelateria a Lucciano. Dopo il successo, si sono espansi all’estero e hanno appena aperto la loro nuova sede a Roma, la capitale mondiale del gelato. La fase successiva è Barcellona e Malaga in Spagna.

Oggi l’azienda di Mar del Plata, che fue è stato creato dopo aver investito 300.000 USDDispone di 65 negozi, di cui 40 in franchising. Si dedica alla produzione di gelato artigianale che unisce materie prime di origine italiana, unite al cioccolato belga. La nocciola piemontese e il cioccolato gianduia sono inclusi nella lista degli ingredienti del famoso gelato.

“Dal momento in cui abbiamo lanciato Lucciano’s, abbiamo deciso di produrre il miglior gelato del mondo. Non siamo limitati a Mar del Plata, Buenos Aires o Argentina. Stiamo cercando la tecnologia più recente sviluppata in macchine per prepariamo il prodotto e il miglior produttore di ghiaccio Karim, e abbiamo fatto lo sforzo e l’investimento per portare le materie prime che promettevano i migliori risultati”, afferma Daniel Otero.

I primi anni erano interamente un hobby. Avevamo cinque negozi a Mar del Plata e abbiamo preso sul serio questo progetto solo quando abbiamo aperto il nostro primo negozio a Buenos Aires, più precisamente a Martinez. Questo sito è stato un enorme successo e ha confermato il potenziale che vedevamo per il business. Abbiamo aperto immediatamente nove negozi a Buenos Aires, in cinque mesi”, condivide.

Due anni dopo il suo lancio sul mercato, hanno introdotto Ice pops, che è diventata una delle business unit del marchio. La decorazione dei loro edifici era importante, ma ancora più importante era l’esposizione dei dipinti. Per questo hanno importato vetrine dall’Europa. “Presentare il gelato in questo modo comporta un enorme sviluppo tecnico in quanto è difficile tenerlo in vetrina per un certo periodo.”, sottolinea il suo ideatore, e con questa idea ha fatto la differenza che oggi è un marchio registrato.

READ  L'Italia impone restrizioni a chi non è stato vaccinato

Il padre ei figli stavano imparando molto mentre continuavano a progettare il proprio modello di business. “Demistificare molte cose che si diceva o si credeva nel mondo del gelato. Uno di questi era che ci hanno detto che sarebbe stato impossibile mescolare il gelato come facciamo noi. Gli esperti ci hanno detto che arriverà male e perderà la sua qualità. Sapevamo come dimostrare che si sbagliavano”, conferma.

Nel bel mezzo della pandemia, ha iniziato la sua espansione internazionale e ha già due negozi in Uruguay (Montevideo e Punta del Este); Due negli USA (Orlando e New Jersey) e una nuova sede in Italia (Roma).

Appena sbarcata a Roma, in Via delle Muratte, a pochi metri dalla mitica Fontana di Trevi, la catena si prepara a gareggiare nientemeno che in Italia, paese che nel 2020 è diventato il campione della Coppa de Mondo della Gelateria (Gelateria Mondo).

“Sappiamo di avere un prodotto di alta qualità, e la nostra conoscenza del mercato del gelato in Italia, riteniamo che il gelato Lucciano sia almeno il 95% superiore a quello delle gelaterie. Soprattutto Siamo sicuri che uniremo l’esperienza con l’organizzazione di luoghi diversi da quello che c’è in Europa oggi. Per il consumatore, venire da Lucciano sarà un’esperienza completa”, aggiunge Otero.

Negli Stati Uniti continuiamo ad espanderci. Apriremo cinque nuovi negozi nel primo semestre: due a Miami (Sawgrass Mills Mall e Weston Plaza), un secondo negozio a Orlando e due in Spagna (Barcellona e Malaga). Inizieremo anche a fare alfajores e cioccolatini. L’idea è di continuare a crescere sia nei mercati che nei prodotti”, ci dice.

Infine, Otero sottolinea: “Penso che la cosa bella di avviare un’azienda internazionale sia che tutte le persone che lavorano con noi vedono che possono affrontare nuove sfide e continuare a crescere”.

READ  Il Ministero dell'Economia ha presentato il “Percorso di Natale dell'Imprenditoria” alla prima mostra in Plaza Italia

Sottolineano che il nome non rende omaggio a nessuna persona in particolare ma piuttosto rappresenta la tradizione italiana del gelato. La famiglia Otero ha notato la qualità e l’estetica dei loro edifici per attirare l’attenzione.