Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Garantiscono posti di lavoro a 50 studenti che stanno per laurearsi in medicina

il mio capo Scuola Superiore di Medicina Hanno assicurato posti vacanti nei centri di salute pubblica a Mar del Plata in modo che gli studenti che stanno per laurearsi possano svolgere i loro tirocini obbligatori finali in città.

Dell’istituto che fa affidamento sull’Università Nazionale di Mar del Plata (UNMdP), hanno stimato che circa 50 studenti sarebbero in grado di completare quest’ultima sezione del corso al General Pueyrredon. In totale si stima che ci saranno circa 180 posti vacanti, tenendo conto anche dei posti offerti da altre località del territorio.

“Delle prime 51 offerte di lavoro che abbiamo già abilitato, le abbiamo abilitate Circa 30 ragazzi hanno firmato il premio nei centri di Mar del Plata I restanti 21 sono dislocati in altri comuni della regione. Tutto era volontario”, ha confermato Adrian Alacino, preside della scuola, prima di consultarsi 0223.

Sebbene abbia chiarito che il numero definitivo dei posti disponibili sarà noto una volta finalizzati alcuni dettagli di ciascuna convenzione, l’istituto universitario di riferimento ha certificato che nei vari centri pubblici di Mar del Plata la formazione può essere distribuita a cinquanta studenti.

Gli accordi ci sono ma non tutti sono pronti perché il processo è complicato. Ogni posto vacante deve avere un insegnante. Questo consiste in una pratica supervisionata e se c’è un posto vacante ma non c’è supervisione, non lo consideriamo vacante”, ha spiegato il medico e l’insegnante.

Alacino ha sottolineato che avere posti vacanti per lo sviluppo della pratica finale obbligatoria “non era affatto un problema” per la sua scuola, contrariamente a una denuncia sollevata settimane prima del centro studentesco. I rappresentanti dell’organizzazione studentesca avevano accusato la mancanza di classi e denunciato il “costretto” degli studenti a lasciare la città.

READ  Nuovi musical, opere raffinate e un flusso di arte contemporanea a Madrid

Gli accordi sono stati elaborati in anticipo e tutte le firme sono lì. Ci sono quote negli ospedali della città ma non per tutti gli studenti ed è per questo che hanno lavorato anche in parallelo con altri comuni limitrofi”.

Inoltre, il direttore ha affermato che la politica di garantire accordi con altri comuni risponde non solo a un gran numero di studenti ma “perché l’università sta cercando di essere un contributo per l’intero sud-est di Buenos Aires”. “La gara ha un profilo che sostiene la prevenzione, studia gli ambienti e la società, l’idea non è che tutto sia centrato a Mar del Plata”, ha detto, e ha ribadito: “E’ chiaro che tutto è sempre garantito previo accordo degli studenti .”

Il funzionario universitario ha indicato che quest’anno ci saranno 107 studenti in grado di svolgere questi corsi di formazione che consentiranno loro di terminare gli studi e diventare i primi laureati della scuola che ha aperto i battenti all’UNMdP nel 2017.