Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Gabriel García Márquez: Una “autopsia” letteraria di García Márquez rivela la sua passione per la medicina

Apprendiamo dallo stesso García Márquez che la sua farmacia d’infanzia ad Aracataca odorava di valeriana, un odore comune all’epoca sugli scaffali pieni di flaconi e contenitori farmaceutici. I materiali balsamici comunemente usati emanavano profumi di iodoformio, creosoto, incenso, erbe e altri prodotti medicinali. “I romanzi di Gabriel García Márquez sono ben imbevuti del profumo balsamico degli antichi rimedi farmaceutici”, scriveva il medico e antropologo forense Juan Valentín Fernández de la Gala (1961), che riconosceva questi profumi nel tracciare dettagli e personaggi. Medici nell’opera dello scrittore colombiano. In questo libro Medici di Macondoche la Fondazione Gabo lancerà a luglio in occasione dell’omonimo festival, sostiene un’idea che ha dato vita a un’indagine di oltre seicento pagine: “Macondo non solo è iniziato in una farmacia – l’antica Farmacia Barbosa di Aracataca – ma è contiene al centro una grande farmacia”.

De la Gala era uno studente di medicina presso l’Università di Siviglia, frequentava le lezioni al mattino e leggeva letteratura nel tempo libero. La sua città natale, Campello de Llerena, Badajoz, è per lui una sorta di Macondo con meno di 2.000 abitanti, annidata nel profondo dell’Estremadura. È arrivato a García Márquez attraverso i racconti Il funerale di Big Mom E La triste e sorprendente storia di Candida Erendira e della sua crudele nonna. Influenzato dai suoi studi, cominciò a scoprire scene cliniche e frammenti descritti con particolare precisione nei romanzi dell’autore spazzaturache sembra anche aver ricambiato il suo interesse nell’introdurre figure mediche nelle sue pagine. “Quando ciò accadeva, da bravo studente di metodo, mettevo un piccolo segno a margine, un punto esclamativo, un punto interrogativo o una sottolineatura”, racconta l’autore, intervistato a Cartagena de Indias, dove si era recato lo scorso aprile per sono trascorsi dieci anni dalla morte del premio Nobel. Col tempo i suoi appunti si ampliarono e divennero una tesi di dottorato che mantenne per sette anni unendo conoscenze cliniche e letterarie.

READ  La scienza spiega perché la Spagna ha perso ai rigori contro l'Italia
Due pagine del libro mostrano un diagramma dell’autopsia di Santiago Nasar.Fondazione Jabo

Nelle opere di García Márquez “compaiono anche dentisti, farmacisti, infermieri, ostetriche, guaritori indigeni, sobanderos, teguas, guaritori, mirolicos, platesemini e culebraros nomadi”, si legge nella sintesi del libro preparato in collaborazione con Coosalud e Coontigo. istituzione. . L’origine dell’odore delle mandorle amare in L’amore ai tempi del colera – Il risultato del suicidio del personaggio Jeremiah de Saint-Amour per avvelenamento da cianuro – Test per il diabete in Il colonnello non ha nessuno a cui scriveresegni dell’impiccato spazzaturaAutopsia di Santiago Nasar Fatti di morte annunciataMescola e beve Ursula Iguarán in Cento anni di unitàla storia medica raccolta su Simón Bolívar in Il generale è nel suo labirintocosì come reperti forensi, procedure mediche, epidemie di colera o di insonnia, rimedi casalinghi provenienti da radici indigene o prodotti della medicina europea si distinguono in questo nuovo studio per la loro comodità e completezza.

Un’immagine del dottor Barbosa su cui García Márquez ha basato il dottore ne “La Hujarasca”.Fondazione Jabo

Il rapporto di García Márquez con la medicina – o, più in generale, con la conoscenza umana e la porosità tra campi diversi – è più evidente a molti lettori (altri autori si sono concentrati su aspetti astronomici, psicologici, geografici, ecc.). Come è noto, gli studi letterari non sono mai stati privi di analisi delle sue opere di carattere accademico o specialistico, generalmente rivolte al lettore universitario. Ciò che suggerisce de la Gala, in quanto antropologo forense le cui attività si concentrano sullo studio dei resti scheletrici di tombe antiche, è di andare alla fonte – o a una delle numerose fonti – e bussare alle porte delle persone e calpestare alcuni dei luoghi dietro di loro. Personaggi e storie di fantasia, nelle opere di storico e cronista (de la Gala fu anche professore di storia della medicina e dell’assistenza infermieristica), saggista e lettore di gialli.

READ  Covid-19, una malattia preesistente per le aziende farmaceutiche prepagate?

le notizie

Analisi degli eventi attuali e le migliori storie dalla Colombia, ogni settimana nella tua casella di posta

Ricezione

Il risultato è, in una prosa più chiara che clinica, un testo che comprende diversi ritratti di medici veri, come il già citato Barbosa – sostenitore dei medici. spazzatura-, l’amato batterista dietro Octavio Geraldo, da Il colonnello non ha nessuno a cui scrivere, O i medici incaricati di prendersi cura della salute e della sofferenza di Bolivar. Ci sono parti inaspettate come l’Antique, i Nativi e l’American Biomedical Dictionary, e un capitolo – di quattordici nel libro – dedicato agli aforismi medici legati alla fisiologia, alla malattia, all’amore, all’attività medica, all’escatologia, all’invecchiamento e alla morte, estratti da i romanzi.

Se Vladimir Nabokov ha disegnato le forme di insetti in cui si è trasformato Gregor Samsa, o ha prestato attenzione all’aspetto architettonico della stazione ferroviaria di San Pietroburgo creata da Tolstoj per vedere in profondità ciò che dicevano i suoi autori, allora de la Gala realizza la “rivolta” di Santiago Nasar. Perché il corpo possa apprezzare per la seconda volta le ferite delle coltellate e le ferite delle ferite mortali. Il libro include illustrazioni con una prospettiva ventrale e dorsale del corpo, lesioni viscerali e una mappa virtuale dei villi insieme a descrizioni e racconti medici e illustrazioni delle armi del delitto riprodotte da Jesús Zurita di Cordoba.

Il libro “Medici di Macondo” (Edizione Fondazione Gabo, 2024).Fondazione Jabo

“Nella storia della letteratura non esiste alcun rapporto autoptico”, come in Fatti di morte annunciatadice de la Gala, che ha lavorato per tre anni come esaminatore forense nelle montagne settentrionali della provincia di Huelva. “Ciò che colpisce di questo libro è che l’ordine in cui le informazioni sono presentate è l’ordine legale in un’autopsia”, aggiunge, pochi giorni dopo aver tenuto una conferenza inaugurale a una conferenza medica internazionale a Barranquilla. Durante l’evento, ha regalato a un pubblico pieno di reumatologi le foto dell’autopsia di Nassar e la storia medica di García Márquez – incluse nell’indice del libro – mentre gli chiedevano se provava disagio o dolore. Lo scrittore malato risponde: “Il disagio sì, il dolore verrà dopo”.

READ  Pelle, gioielli e bellezza a Tripol

Nelle immagini recentemente rilasciate dell’adattamento Netflix di Cento anni di unità, si osserva una sequenza in uno spazio con scaffali pieni di flaconi di medicinali, e in primo piano c’è un Hermes in ottone a cui si aggiungono il Granatarius, il Giuramento di Ippocrate e altri elementi della Farmacopea García-Marciana. Il lettore di questo libro potrà percorrere la stessa strada in un’edizione deluxe accompagnata da numerosi disegni, fotografie d’archivio inedite e fotografie esclusive del fotografo Danilo Perdomo, scattate nell’antica Farmacia Nueva Arturo Cerón F., costruita in stile repubblicano all’inizio del 20° secolo a Honda, Tolima.

“In definitiva, celebriamo il rigore giornalistico di Gabo, perché sapeva, da buon giornalista, rivolgersi alla documentazione o ai professionisti per consigliarlo su questo tipo di questioni”, afferma de la Gala. I sospetti degli studenti che dietro i testi di García Márquez ci fossero domande di un corrispondente immaginario erano fondati: ginecologi, pediatri, coroner o medici di base potevano ricevere chiamate dallo scrittore in qualsiasi momento per risolvere o indirizzare le sue argomentazioni. L’intuizione del dottore? Potrebbe essere. Ebbene, fu il dottor Barbosa della farmacia all’angolo di Aracataca, di fronte all’attuale Casa Museo Gabriel García Márquez, a dire alla famiglia dello scrittore, arrabbiata per le sue invenzioni di narratore di storie per bambini: “Le bugie dei bambini sono segni di grande talento”. .

Iscriviti qui Alla newsletter di EL PAÍS sulla Colombia e Qui sul canale su WhatsAppE ottieni tutte le chiavi per accedere alle informazioni sugli eventi attuali nel paese.