Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Fondi europei, obiettivo della strategia aziendale

L’obiettivo degli European Recovery Funds, che rappresentano il più grande pacchetto di stimolo economico finanziato dall’Unione Europea fino ad oggi, è contrastare l’impatto della pandemia accelerando le strategie aziendali per la sostenibilità e la digitalizzazione. Il piano europeo previsto dall’accordo Next Generation dell’UE si unisce ad altri strumenti di finanziamento europei, come il quadro finanziario pluriennale 2021-2027, che sarà gradualmente implementato nelle varie regioni dell’UE nei prossimi mesi e anni.

Per analizzare l’opportunità rappresentata da queste sovvenzioni dall’Europa e valutare se sono veramente alla portata della maggior parte delle aziende, KPMG dialoga in futuro con avanguardia Questa settimana ha organizzato la sessione “I fondi europei come motore per rivitalizzare il tessuto imprenditoriale”, a cui hanno partecipato il vicepresidente e CEO di SocialCar di Foment del Treball, Mar Alarcon; Capo de La Farga, Oriol Guixà; il CEO di Europastry, Jordi Morral; il capo di Cotet, Javier Cotet; CEO di Gebro Pharma, Sergey Olinas; Il direttore delle relazioni internazionali di Pimec, Jacint Soler e partner di KPMG e responsabile delle attività familiari in Catalogna, Manel Blanco, hanno co-organizzato l’incontro con il vicedirettore generale di Godó Strategies, Pablo de Borciolis.

La chiave per accedere ai fondi europei, secondo il partner di KPMG, Manel Blanco, è trovare “allineamento” con alcuni “elementi strategici dell’azienda”. Spiega che se qualcuno dei temi centrali, come sostenibilità, trasformazione digitale, competitività internazionale e creazione di posti di lavoro, è già nel piano strategico, “l’assistenza può fungere da acceleratore”.

Obiettivo: accelerare le strategie di sostenibilità e digitalizzazione

Da KPMG, che attualmente conta un team multidisciplinare di oltre un centinaio di esperti europei di money management e uno strumento tecnologico per identificare i progetti ammissibili a richiedere il contributo, raccomandano anche che “le aziende raggiungano accordi per presentarsi congiuntamente” per bandi come progetti strategici per ripresa e trasformazione economica (Perte), per la collaborazione pubblico-privato tra dipartimenti, aziende e centri di ricerca, spiega Blanco.

READ  Le criptovalute non sono la causa degli attacchi degli hacker, ma possono essere la cura

Il primo Bertie, approvato dal governo lo scorso luglio, è stato il veicolo elettrico (VEC), il cui obiettivo principale è quello di far avanzare il passaggio dell’industria automobilistica verso la mobilità sostenibile. Altri progetti per distribuire fondi europei nell’ambito di questa nuova figura, che combina investimenti pubblici e privati, si concentreranno su settori come l’aerospazio, l’agroalimentare o la salute.

Il vicepresidente di Foment del Tribal, Mar Alarcon, ha sottolineato che sebbene la Spagna sia stata “uno dei primi paesi a rispondere”, non si può ignorare che il tessuto della sua attività è costituito principalmente da piccole e medie imprese, con “limitate risorse economiche e umane risorse” che causa loro ‘difficoltà ad accedere alle informazioni per sapersi preparare’ per beneficiare dell’assistenza. Delle associazioni imprenditoriali, ricorda Alarcón, oltre a fornire loro supporto e informazioni, Foment del Treball, in qualità di hub dipartimentale, chiede “un processo chiaro per capire quali requisiti e programma sono necessari”.

Il settore sanitario sarà uno dei settori più favoriti dai soldi di Bruxelles

“Le PMI non possono sempre essere a conoscenza della Banca d’Inghilterra o farla interagire entro nove giorni per poter offrire Bertie”, afferma.

La “mancanza di chiarezza e programmazione” preoccupa anche Bemic. Uno degli aiuti più attesi per le piccole e medie imprese, soprattutto in questi tempi di crisi dovuta alla pandemia, sono gli aumenti dei prezzi delle materie prime e dell’energia elettrica, quelli per l’autoconsumo, lo stoccaggio e gli impianti di condizionamento con energie rinnovabili, che servirà a molte aziende che installano pannelli solari. Secondo il direttore delle relazioni internazionali di Pimec, Jacint Soler, il governo spagnolo “avrebbe potuto esplorare altre strade come quelle scelte da altri Paesi come l’Italia, in cui gli investimenti in progetti di installazione di pannelli solari possono essere detratti dall’imposta sulle società”. Soler ha anche affermato che le PMI hanno una “priorità” nella distribuzione di fondi per stimolare la ripresa e creare posti di lavoro e ricchezza. Evidenzia il ruolo delle loro organizzazioni e associazioni nella gestione dei fondi attraverso applicazioni in pool, inizialmente previste nella regolamentazione dei fondi NGEU.

READ  SEGRETARIO MELERO E RITIRATO IV: Spero che il Senato possa ritrattare quanto approvato dalla Camera.

Il presidente di La Farga, Oriol Guixà, riconosce che i fondi europei sono “in teoria” un “successo completo” perché il loro obiettivo è “sviluppare il mondo delle imprese con progetti innovativi e strategici del futuro”. Tuttavia, l’imprenditore dubita “di come utilizzare queste risorse in Spagna, in modo che raggiungano l’intera area regionale e commerciale”. Guixà teme di cadere “nella tentazione” di applicare questi aiuti a progetti sospesi dall’amministrazione, statale, provinciale o locale. Avverte che “se usiamo l’aiuto per risolvere i problemi dipartimentali, faremo un servizio scadente all’intero Paese”.

I fondi europei sono la più grande spinta economica nella storia dell’Unione Europea

Il CEO di Europastry Jordi Moral descrive i fondi europei come “una grande iniziativa e una buona opportunità per riparare i danni del coronavirus e modernizzare l’economia”, anche se insiste anche sul fatto che “il canale per accedervi non è facile o rapido”. Moral concorda sul fatto che questa difficoltà sia ancora più acuta per le piccole e medie imprese. La sua principale pretesa è quella di “ridurre il processo burocratico”.

Avverte che “il tempo è vitale nell’economia, perché se gli aiuti arrivano in ritardo, le PMI non ci saranno”. A suo avviso, “l’aiuto raggiungerà indirettamente le piccole e medie imprese attraverso denaro che le grandi aziende raccolgono più di quanto possano scegliere da sole”.

Secondo il presidente di Cotet, Javier Cotet, “Nessun aiuto è arrivato dall’Europa per le piccole e medie imprese, che hanno ricevuto solo aiuti locali e regionali molto limitati” che non aiutano a “salvare il conto di esercizio”. “L’unico aiuto efficace è stato quello del team ERTE”, afferma. L’imprenditore dell’ottica, che è anche vicepresidente di Barcelona Oberta e co-fondatore di Comertia, “chiede” e chiede che si tenga conto della comunità imprenditoriale, comprese le PMI e settori come il commercio, l’ospitalità e il turismo.

READ  Vaccini e focus sul clima Vertice G7, primo di persona dalla pandemia

Le aziende chiedono maggiore chiarezza e programmazione per l’accesso agli aiuti

D’altra parte, il settore sanitario comprende che gli aiuti europei lo favoriscono. Il direttore generale di Gebro Pharma, Sergey Olinas, attribuisce il rafforzamento dell’assistenza in campo sanitario al fatto che il Corona virus ha messo in chiaro che “senza salute non c’è economia né benessere”. Tra le lezioni apprese dalla pandemia, il direttore di questa azienda farmaceutica sottolinea “l’importanza della cooperazione pubblico-privato” nonché “i problemi legati alla dipendenza dell’Asia dalle materie prime e dalle forniture mediche, nonché la mancanza di una produzione strategica di farmaci in Europa”, temi che intende sanare con il piano di rilancio, nel suo settore, con un forte investimento in ricerca e innovazione.

Per tutto questo, Sergey Olinas “sostiene la filosofia dei fondi”. Anche la sua esperienza pratica, fino ad oggi, nella realizzazione di progetti attraverso la prossima generazione con Hospital Clínic e IQS (Ramon Llull University), è stata “positiva”.

per concludere l’incontro,
Il partner di KPMG Manel Blanco conclude la discussione con un messaggio di ottimismo. “I fondi europei sono una grande opportunità. C’è ancora molto lavoro da fare per aiutare le PMI ad accedervi. Prepariamoci e consigliamoci a vicenda per trovare la migliore strategia possibile”, conclude.