Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Fisher Investments ritiene che l’economia possa riprendersi senza stimoli

Nell’esperienza di Fisher Investments Spain, gli stimoli finanziari assumono significati diversi a seconda di chi li analizza. Noi ci crediamo Ora è il momento di esplorare i tipi di spesa pubblica che effettivamente forniscono stimoli fiscali e perché le economie e i mercati non ne hanno davvero bisogno per riprendersi dagli shock.

Come di solito, I catalizzatori economici sono fondi pubblici che vengono iniettati nell’economia con l’idea di creare nuova domanda. I progetti di costruzione e infrastruttura sono formule di stimolo comuni. Quando i governi, ad esempio, stanziano denaro per costruire nuove strade e ponti o per migliorare la rete elettrica, genera attività economica. Queste pratiche possono essere utili quando la domanda di beni e servizi è bassa e l’economia è in contrazione. Allo stesso modo, favorisce il verificarsi dell'”effetto moltiplicatore” (ovvero l’effetto economico finale è diverse volte superiore all’importo inizialmente prelevato). Molti dei commentatori finanziari di cui ci occupiamo si riferiscono a questo fenomeno come iniezioni di liquidità.

Prendiamo l’esempio di un progetto di costruzione. I governi di solito affidano il lavoro a un’azienda privata, ma il flusso di denaro non si ferma qui. Le aziende assumono lavoratori, che spendono parte del loro reddito in altre aziende, che a loro volta pagano i loro dipendenti e ancora una volta questi dipendenti spendono parte dei loro soldi in altre aziende. Quindi più e più volte. Questo processo richiede tempo, poiché l’approvazione e la pianificazione del progetto non avvengono dall’oggi al domani e questo progetto iniziale potrebbe non essere considerato particolarmente utile. Ma, a nostro avviso, una volta che questo denaro entra nel settore privato, il suo flusso diventa più efficiente. Anche i tagli alle tasse possono essere una sorta di stimolo. I lavoratori sono in grado di trattenere una parte maggiore del loro reddito e gran parte di esso ritorna all’economia (se viene speso).

Per tutto l’anno passato, Alla Fisher Investments Spain abbiamo notato che un gran numero di analisti finanziari ha confuso i pacchetti di aiuti lanciati dalla crisi sanitaria con veri e propri catalizzatori., amplificando così il potenziale impatto che potrebbe avere sulla crescita economica. Gran parte della spesa pubblica è arrivata sotto forma di sussidi di disoccupazione e di salvataggio, per sostituire il reddito perso, mentre le imprese sono rimaste chiuse e non si è creata nuova domanda.

Per esempio, Gran parte dei 672,5 miliardi di euro del meccanismo di recupero e resilienza dell’Unione europea è stata destinata al rafforzamento dei conti pubblici degli Stati membri attraverso sovvenzioni e prestiti. Gran parte di questo importo finanzia i programmi di assistenza economica adottati da ciascun paese del blocco. Inoltre, il meccanismo di rimborso distribuisce questa fonte di finanziamento su tre anni, limitando l’impatto che può avere nel breve termine. A nostro avviso, cercare di indovinare se l’economia continuerà a mostrare una domanda inferiore nel 2023 e oltre sarebbe un’ipotesi. L’anno scorso, il Regno Unito ha speso quasi 140 miliardi di sterline per sostenere i lavoratori e le imprese colpite dai blocchi. Questi programmi sono stati una scialuppa di salvataggio per tenere a galla la società e le imprese e, a nostro avviso, sono stati una misura importante e importante. Tuttavia, questi non sono catalizzatori che promuovono la ripresa economica.

READ  Laboratori della Cantabria, Crescita sui tetti | Attività commerciale

La buona notizia è che mentre gli esperti finanziari e politici discutono i dettagli di questi piani di spesa, riteniamo che le economie ei mercati non abbiano bisogno di stimoli per riprendersi. Pensa alla crisi del debito della zona euro un decennio fa, quando molti paesi tagliarono le spese e aumentarono le tasse, l’opposto dello stimolo. La spesa pubblica nella zona euro è scesa del -0,3% nel 2012. I tagli in alcuni paesi sono stati molto più severi: la Spagna ha tagliato la spesa pubblica del -4,2% nel 2012 e di un altro -2,1% nel 2013. L’Italia l’ha alleggerita del -1,1% e -1,8 % in questi due anni consecutivi. Nonostante tutto ciò, la recessione dell’intera zona euro si è conclusa nel secondo trimestre del 2013. L’economia italiana è stata rivitalizzata nello stesso periodo, mentre la crescita spagnola è ripresa a partire dal quarto trimestre del 2013. In termini di mercati, i titoli dei regione è aumentato L’euro nel suo complesso nel giugno 2012, con titoli italiani e spagnoli in calo nel luglio dello stesso anno (questi numeri sono stati espressi in euro per evitare l’impatto delle fluttuazioni valutarie).

Al momento, lo stesso stimolo potrebbe essere utile se attuato, ma, a nostro avviso, non è necessario per la ripresa economica. Riteniamo, soprattutto, che una piena ripresa dipenda dalla piena riapertura delle economie una volta che il COVID-19 sarà ampiamente affrontato. Abbiamo l’ultimo esempio quando le economie hanno revocato le restrizioni la scorsa estate, dove la crescita è salita alle stelle. Il PIL dell’Eurozona è rimbalzato del 12,4% nel terzo trimestre. La crescita del Regno Unito è stata migliore al 16,0%. Ma quando sono state imposte nuove restrizioni alla fine del 2020, la crescita è rallentata. Il PIL dell’Eurozona si è contratto del -0,7% nel quarto trimestre. Nel Regno Unito, la crescita nel quarto trimestre è rallentata all’1,0%. Ma poi, a dicembre (quando le restrizioni alle vacanze sono state allentate), il PIL è aumentato dell’1,2%, invertendo il calo del -2,3% di novembre grazie alla forte crescita del settore dei servizi. Riteniamo che questo aumento sia indicativo della velocità con cui può avanzare la ripresa economica, quando le autorità rimuoveranno le ultime restrizioni.

READ  Guzmán sta cercando il sostegno giapponese per l'accordo con il Paris Club

Quando si tratta di investitori, crediamo che tutto ciò significhi che non devi preoccuparti delle specifiche dei programmi di spesa in diversi paesi. A nostro avviso, la ripresa sarà evidente con le vaccinazioni e la riapertura delle economie. Una volta che ciò accadrà, gli sforzi di spesa di alcuni governi potrebbero accelerare l’economia, ma non pensiamo che possa portare da solo a una ripresa.

Fischer investimenti spagnoli È il nome commerciale utilizzato dalla filiale spagnola di Fisher Investments Ireland Limited (“Fisher Investments Spain”). Fisher Investments España è registrata con sede legale in calle Junta de Castilla y León, 8, 28660 Boadilla del Monte (Madrid) con NIF W0074497I, iscritta al Registro delle Imprese di Madrid, volume 39501, foglio 110, voce 1, pagina M- 701327, e nel registro dell’Autorità nazionale per il mercato dei valori mobiliari delle società di servizi di investimento nello Spazio economico europeo con una filiale in Spagna, n. 126.

Questo documento contiene l’opinione generale di Fisher Investments Spain e Fisher Investments Europe e non deve essere considerato un servizio di consulenza ad hoc in materia di investimenti o questioni fiscali e non riflette la redditività dei suoi clienti. Non vi è alcuna garanzia che Fisher Investments Spain o Fisher Investments Europe continueranno a mantenere queste opinioni, che possono cambiare in qualsiasi momento in base a nuovi dati, analisi o considerazioni. Le informazioni qui contenute non intendono essere una raccomandazione o una previsione delle condizioni di mercato. Piuttosto, ha lo scopo di chiarire le questioni discusse. I mercati attuali e futuri possono differire in modo significativo da quelli descritti in questo documento. L’accuratezza di una qualsiasi delle ipotesi utilizzate negli esempi forniti in questo documento non è garantita. Investire nei mercati finanziari comporta il rischio di perdite e non vi è alcuna garanzia che tutto o parte del capitale investito venga rimborsato. La performance passata non garantisce né indica in modo affidabile i risultati futuri. Il valore degli investimenti e il reddito da essi derivante sono soggetti alle fluttuazioni dei mercati finanziari globali e dei tassi di cambio internazionali.

READ  Le altre volte Cristiano ha scosso le aziende in Borsa

[i] Fonte: Consiglio europeo dell’11 febbraio 2021.

Scopri come investire nel breve, medio e lungo termine

Investment Strategies ha formato più di 5.000 investitori in vari corsi e seminari negli ultimi anni. Ti offriamo tutta la nostra formazione, dal corso più avanzato alla nostra formazione gratuita.

[ii] “Coronavirus: quanto costerà al Regno Unito e come lo pagheremo?” , Ben King, BBC News, 25/11/2020.

[iii] Fonte: FactSet, al 2/11/2021. Crescita della spesa pubblica nell’area dell’euro, 2011-2012.

[iv] Fonte: FactSet, al 2/11/2021. Crescita della spesa pubblica pubblica in Spagna, 2011-2012 e 2012-2013.

[v] Fonte: FactSet, al 2/11/2021. Crescita annuale della spesa pubblica in Italia dal 31 dicembre 2011 al 31 dicembre 2013.

[vi] Fonte: Centro per la ricerca sulla politica economica, 11/2/2021.

[vii] Fonte: FactSet, al 2/11/2021. Crescita trimestrale del PIL reale per Italia e Spagna dal 31 dicembre 2012 al 31 dicembre 2013.

[viii] Fonte: FactSet, al 16/02/2021. Dichiarazione basata sui rendimenti degli indici MSCI EMU, FTSE MIB e IBEX 35 con reinvestimento dell’utile netto, valori espressi in euro, dal 12/2011 al 31/12/2013. Introduzione in Euro per evitare l’impatto delle fluttuazioni tra valute. Le fluttuazioni tra il dollaro e l’euro possono influenzare al rialzo o al ribasso la performance degli investimenti.

[ix] Fonte: FactSet, al 2/11/2021. Crescita del PIL reale nell’Eurozona dal 30/6/2020 al 30/9/2020.

[x] Fonte: FactSet, al 2/11/2021. Crescita del PIL reale del Regno Unito, dal 30/06/2020 al 30/09/2020.

[xi] Fonte: FactSet, al 2/11/2021. Crescita del PIL reale nell’Eurozona dal 30/09/2020 al 31/12/2020.

[xii] Fonte: FactSet, al 2/11/2021. Crescita del PIL reale del Regno Unito, dal 30/09/2020 al 31/12/2020.

[xii] Fonte: UK Office for National Statistics, 16 febbraio 2021. Stime mensili del PIL per i mesi di novembre e dicembre 2020.