Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

film sui mariti | diario d’ascolto

NSOgni persona ha uno stile, un’essenza e un’aura unici. Essere creativi significa un modo diverso di vedere le cose, le opinioni, le situazioni e i modi di trattarci. Tutto questo ci rende speciali e in un certo senso speciali. Per questo motivo, quando notiamo qualcosa a cui non siamo abituati, è probabile che sorga il desiderio di indagare e saperne di più.

Natalia Cabral è una produttrice cinematografica, regista e sceneggiatrice dominicana. Lei e suo marito Oriol Estrada, che è anche un regista, sono responsabili di film come “Tú yo”, “El Sitio de los Sitio”, “Miriam Lies” e il suo film più recente “A Film About Couples”.

La particolarità di Natalia e Oriol come coppia sposata e il modo in cui hanno creato ogni fase della loro creatività ci ha spinto a incontrare Natalya per conoscere la realizzazione di ciascuno dei loro film, nonché le loro esperienze e progetti.

Da dove nasce l’idea per questo film?
Un film sulle coppie è nato da più luoghi, come penso che accada spesso con molti film. D’altra parte, ci piacciono molto i film che trattano di coppie che sono colleghi nel cinema e nell’arte, ‘Donde Yace Tu Sonrisa Escondida’ del regista portoghese Pedro Costa è un riferimento, un documentario su una coppia sposata dei registi Danielle Hillette e Jean- Marie Straub. Ma amiamo anche molto il trattamento del sarcasmo e della commedia nel lavoro di registi come Woody Allen, Elia Suleiman e Nani Moretti. Tutti creano un lavoro altamente autoreferenziale in cui lo scienziato si prende in giro con umorismo ed empatia. D’altra parte, scherzavamo sempre sull’idea di fare un film per i nostri amici che conosciamo dal mondo del cinema, e scherzavamo sempre sul fare un film per noi stessi, finché non abbiamo avuto l’opportunità di realizzare questa idea una realtà e ne abbiamo approfittato”.

Perché la questione dei mariti?
“Era quello che sentivamo di dover esplorare all’epoca, e come produttori lo sentiamo anche noi. Era un piccolo progetto in termini di produzione in cui potevamo improvvisare molto e il cui materiale era la nostra vita, quindi ovviamente è stato accesso completo, o doveva esserlo se proprio lo volevamo, ottenendo la simpatia degli spettatori.

READ  La toccante rivelazione di Nicholas Capri su Rovina, la figlia che ha con China Suarez

La strutturazione è stata un processo difficile?
“Abbiamo scritto una sinossi e con essa abbiamo girato il film. In questo senso non è stato difficile da strutturare. Ma dopo le riprese, durante il montaggio del film, è stato difficile mantenere una distanza dal materiale e allo stesso tempo, non smettere di avere uno standard personale sulla nostra performance e sulla nostra immagine. Gli editori erano, Sono anche una coppia, la spagnola Aina Calleja (che ha anche lavorato con noi su “Miriam Miente”) e Javier García Lerín, che sono stati fondamentali nel mettere insieme il testo, hanno realizzato da soli la prima versione del montaggio e ci è piaciuto tantissimo, abbiamo dato loro abbastanza spazio per trovare la struttura anche come coautori”.

Quanto tempo è durato il film?
“L’idea vive in noi da anni, ma una volta che abbiamo avuto l’opportunità di realizzare un piccolo progetto in termini di produzione, ci sono voluti circa due mesi per scrivere il riassunto e la pre-produzione del film. Poi il montaggio è durato circa un anno e il resto in post-produzione circa due mesi”.

Con che budget hanno lavorato?
“Il progetto è stato finanziato dagli incentivi fiscali della legge sul cinema con un budget relativamente piccolo per essere un film fantasy, ma il mix di realtà significava che il budget non era troppo alto, e dato che anche noi siamo gli attori, abbiamo una casa, la nostra macchina, le nostre vite e le persone che hanno collaborato con noi perché hanno amato quello che stiamo facendo, il film può essere finito”.

Qual è il significato degli sposi e cosa vogliono riflettere sull’argomento?
“Quando eravamo a Biarritz, in Francia, la prima domanda che abbiamo ricevuto dal pubblico è stata che cos’è una coppia. All’inizio sono inciampato un po’ perché le domande più semplici di solito sono le più complesse a cui rispondere. Ho ancora balbettato a pensarci. Cosa è una coppia… potrebbe essere Entrambi hanno molti significati allo stesso tempo e quei significati possono cambiare a seconda della fase della vita, o anche dell’umore in cui ti trovavi in ​​quel momento. Suppongo di rispondere in modo semplice A proposito, direi che una coppia è una compagna di viaggio con cui si impara la vita e si conosce se stessi.

READ  Marcela Acuña eliminata ancora da MasterChef Celebrity: 'La Tigresa non perde, non vince e non impara'

Per quanto riguarda il film, volevamo riflettere quanto sia difficile dirigere e condividere la propria vita con qualcuno, ma anche quanto possa essere sciocco e tenero. Penso che tutti possiamo riguardare questo.

Quali sono i tuoi prossimi progetti?
“Abbiamo molti progetti in cantiere, ma abbiamo bisogno di un momento di calma per poterli sviluppare. Al momento, viaggiamo molto, ma vogliamo davvero girare in Catalogna, a cui appartiene Oriol”.

Fino a che punto immagina di lavorare fuori dal paese?
Il cinema che ci interessa è in diverse parti del mondo e questo è molto interessante. La Spagna è un paese importante perché Oriole viene da lì, quindi cerchiamo sempre di avere un piede peninsulare in qualche modo. Ma il nostro lavoro è anche ben accolto in paesi come la Colombia, dove abbiamo collaborato e abbiamo ottimi amici. Ci sono festival importanti nei paesi europei che scelgono sempre i nostri film. Negli Stati Uniti c’è un interesse per i conflitti in America Latina, in particolare i conflitti razziali e di classe, quindi anche noi scegliamo sempre il nostro lavoro, non solo per festival ma anche per attività educative e culturali di università e istituzioni. Con “Film About Husbands”, abbiamo già viaggiato in Francia e in Italia, e presto in Spagna e India”.

Com’è stata l’esperienza del Festival di Biarritz in Francia?
“Sappiamo che gli spettatori hanno amato così tanto l’azione e hanno apprezzato l’esperienza di rivedere il cinema in sala, poter ridere con le persone e poterlo commentare con gli altri quando se ne vanno. Pensiamo di essere lontani a causa della pandemia di Covid ha colpito tutti noi così tanto che tornare al cinema e vedere un nastro ti permette di ridere un po’ è così grato e ci riempie molto”.

ioCome ha reagito il pubblico al festival di Roma?
Mi piace molto. Abbiamo ricevuto ottime recensioni, con alcuni critici che l’hanno definita la più grande sorpresa del festival e ne hanno suggerito l’uscita nelle sale in Italia. Ci auguriamo dal profondo del nostro cuore che ciò accada”.

READ  Nessun premio, ma con un sogno

Come hanno affrontato la critica questo lavoro?
La critica è stata generosa ed entusiasta. Eravamo così nervosi, come con tutte le nostre produzioni, è sempre difficile fare la prima e non ci sentiamo titillati e sospettosi. Ma questa volta abbiamo sentito che la responsabilità era maggiore perché eravamo anche gli attori principali. Il film sta andando bene, genera interesse e questo ci rende totalmente calmi”.

Cosa intendi veramente fare con nastri come questi?
“Abbiamo deciso di fare un buon film, il miglior film possibile. Naturalmente, ci sono sempre molte incertezze, ti chiedi cosa avresti potuto fare di meglio se avessi avuto più tempo, più soldi, ecc. Ma vuoi sempre raggiungere il stesso, Che il prodotto gli piaccia e che possa fare un viaggio piacevole.”

Lavori, dirigi e produci con tuo marito…
“Senza dubbio la nostra relazione è la chiave per far iniziare il film, ma penso che il suo grande vantaggio sia l’aspetto e il punto di vista, non prendersi troppo sul serio e accettare la sfida di realizzare un film che sia interessante, riflessivo e interessante.”

Cosa hai scelto per gestire i sentimenti di ogni personaggio?
“Abbiamo rivelato i veri sentimenti che abbiamo avuto ad un certo punto e volevamo essere onesti ma anche sarcastici. Non volevamo prenderci troppo sul serio perché volevamo sbarazzarci del progetto, ciò che era veramente reale e ciò che era finzione. “Non siamo interessati a fare un documentario su noi stessi. Piuttosto, volevamo utilizzare quei materiali che conosciamo così tanto che avevamo dentro per realizzare un film più complesso ma allo stesso tempo più divertente”.

Il tuo cinema è immaginario, ma fa sempre parte delle tue esperienze di creatori. È un metodo praticabile per te?

“Direi che il nostro cinema è un misto dei due, ci piace molto la pianificazione delle riprese ma ci piace scoprire cosa sta succedendo al loro interno mentre lo giriamo, quindi c’è molta libertà nel quel senso per chi è davanti alla telecamera Per quanto riguarda il montaggio e il suono, li amiamo così tanto, ci siamo divertiti così tanto a pensare al film, non abbiamo smesso di scriverlo fino alla versione finale.