Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Figli di atleti che superano i loro genitori

In ESPN ti presentiamo quei casi in cui i bambini hanno avuto carriere sportive più straordinarie dei loro genitori

Questa domenica è festa del papà Nella maggior parte dei paesi del mondo, il Messico non fa eccezione. Nel mondo dello sport gli esempi sono tanti figli maschi colui il quale Hanno superato i loro genitori nella sua carriera sportiva.

Ecco perché in ESPN ti presentiamo quei casi in cui i bambini hanno avuto carriere sportive più straordinarie delle loro vite genitori.

“Money” è il figlio del collega pugile Floyd Mayweather Sr. , che ha combattuto tra il 1974 e il 1990 e ha avuto un conteggio di 35 combattimenti, in cui ha vinto per 28 e 18 per KO e ha perso sei sconfitte, oltre a un pareggio.

Tuttavia, è stato di gran lunga superato da suo figlio Floyd Jr., poiché è stato campione del mondo in cinque diverse classi: peso piuma, leggero, ultraleggero, superleggero e ultraleggero, considerato uno dei migliori pugili della storia.

fratelli di equipaggio

Peyton ed Eli Manning sono alcuni dei migliori centrocampisti degli ultimi decenni, inoltre Peyton è uno dei migliori giocatori della storia, secondo gli esperti. Entrambi sono figli di Elisha Archibald Manning, meglio conosciuto come Archie Manning.

Il padre di due quarterback ha avuto una buona carriera universitaria ed eccelleva nella NFL, anche se non come i suoi figli. Nella sua fase universitaria, ha giocato per Ole miss Rebels dell’Università del Mississippi ed è riuscito a infiltrarsi nella College Football Hall of Fame. Mentre era nella NFL, ha giocato per i New Orleans Saints, così come per gli Houston Oilers e i Minnesota Vikings.

Nonostante la sua buona carriera, suo figlio Peyton, il maggiore, è salito alla ribalta con gli Indianapolis Colts, squadra con cui ha giocato dal 1998 al 2011 e ha vinto con lui il Super Bowl nel 2006, mentre ha ottenuto il suo secondo anello nel 2015, anno di il suo ritiro, quando era con i Denver Broncos. Detiene il record per il maggior numero di yard in una stagione e il maggior numero di touchdown in una stagione con 5.000.477 e 55, rispettivamente.

Dal canto suo, il più giovane Eli ha vinto due volte i Super Bowls con i New York Giants, uno nel 2007 e l’altro nel 2011, entrambi contro i New England Patriots. È tra i primi 10 quarterback con non meno di 45.000 yard, 300 touchdown e quattro Pro Bowl.

La base dei Golden State Warriors è il figlio di Del Curry, che ha avuto anche una buona mossa in NBA, ma non ha potuto brillare come fa suo figlio maggiore, perché nonostante abbia 16 stagioni nel miglior basket del mondo, ha potrebbe non ottenere un punteggio.

Invece, “Chef Curry” ha appena vinto il suo quarto titolo con Larry O’Brien con Bay e non solo, ma è stato due volte MVP nella stagione regolare e una volta MVP delle finali. Allo stesso modo ha giocato due volte i Mondiali di Basket con gli Stati Uniti ed è il leader storico dei suoi alti.

Paolo Maldini

Figlio del mitico Cesare Maldini, che fu calciatore e direttore tecnico. Il suo passaggio principale è stato per il Milan, personalità indiscussa, che lo ha portato in Italia a disputare il Mondiale in Cile 62. Inoltre, ha vinto quattro scudetti da giocatore, mentre vinceva come timone. Coppa delle Coppe e Coppa Italia.

Nel frattempo Paolo, meglio conosciuto come Il Bello, è stato uno storico difensore e capitano del Milan. È considerato uno dei migliori difensori della storia del calcio e uno dei migliori difensori del club rossonero. Ha giocato in quattro Mondiali e tre Europei. Ha vinto sette titoli di Serie A, una Coppa Italia, cinque Supertitoli Italiani, cinque titoli di Champions League, una Coppa Intercontinentale e una Coppa del Mondo per club FIFA.

Il figlio di Javier “Chiro” Hernandez, ex calciatore e allenatore messicano. Nel suo periodo da giocatore è stato a Los Ticos, Puebla, Atlas e Morelia, oltre ad essere stato selezionato per l’86a Coppa del Mondo in Messico.

Tuttavia, suo figlio “Chicharito” lo ha superato di gran lunga, perché dall’inizio, l’attaccante, che attualmente gioca per LA Galaxy, è il capocannoniere di tutti i tempi del Messico con 52 gol. Allo stesso modo, ha avuto una carriera impressionante con il Manchester United, una squadra in cui ha trascorso quattro anni e ha giocato con Real Madrid, Bayer Leverkusen, West Ham e Siviglia.

Tra i suoi record impressionanti, ha vinto la Gold Cup e la CONCACAF Cup con il Messico, mentre a livello di club ha la Liga MX, due titoli di Premier League e tre Community Shields con lo United. Allo stesso modo, il Mondiale per club con il Real Madrid e la Lega Europea con il Siviglia.

Il figlio di Jos Verstappen, pilota di Formula 1, ha partecipato al Gran Premio 107, oltre ad aver conquistato due podi in carriera, entrambi terzi e vinti nel 1994 con il team Mild Seven Benetton Ford al Gran Premio d’Ungheria Premio e GP del Belgio.

Dal canto suo, Max è il pilota di punta della Red Bull ed è già stato campione del mondo nel 2021, questo dopo una complicata battaglia con Lewis Hamilton della Mercedes. Dal 2014, partecipando alla Formula 1, ha ottenuto 20 posti su 59 podi.

Ken Griffey Jr.

Figlio del collega giocatore di baseball George Kenneth Griffey, meglio conosciuto come “Ken Griffey Sr.”, che ha giocato come difensore tra il 1973 e il 1991. Le sue mosse migliori sono state con i Cincinnati Reds dove ha vinto tre titoli di divisione e due titoli di campionato del mondo. nel 1973 e nel 1976. Ha giocato con una squadra di New York Yankees, Atlanta Braves e Seattle Mariners.

Tuttavia, Griffey Jr. È uno dei compagni più importanti della storia, con il suo soprannome che riflette com’era da giocatore, soprannominato “The Natural”. Ha giocato 21 stagioni nelle major league, fa parte della classe Hall of Fame 2016 e tra i suoi record, ha ottenuto un MVP nel 1997, tre campionati Home Run Derby, sette Silver Bats, 10 Gold Gloves e 13 All-Star times .

Allo stesso modo, è stato il leader dei fuoricampo nel 1994, 1997, 1998 e 1999 nella MLS, oltre a possedere 630 volte nella sua storia.

READ  Un grido misero per Angel Di Maria dopo il gol dell'addio del Paris Saint-Germain