Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Ferroli porta dall’Italia a Burgos una nuova linea di produzione per stufe a biomassa

Dopo un anno difficile in cui, nonostante tutte le difficoltà che hanno dovuto affrontare, sono riusciti a chiudere con un aumento dei ricavi, lo stabilimento Ferroli di Burgos sta già lavorando a pieno ritmo per migliorare i propri risultati in questo 2023. Il principale elemento di supporto attorno al quale ruotano gli investimenti di un produttore di radiatori in alluminio è un nuovo prodotto che nulla ha a che vedere con quello che esce quotidianamente dalla sua fonderia.

La fabbrica ai piedi del sindaco Martin Kobos è riuscita a portare la produzione di stufe a biomassa sigillate dal paese d’origine della multinazionale, l’Italia. All’interno del dipartimento di ricerca e sviluppo all’interno delle strutture di Burgos, hanno lavorato per mesi su diversi prototipi con l’obiettivo di rilasciarli sul mercato a giugno. “Recentemente il consumo di biomassa è aumentato molto. Riteniamo che questa sia una grande opzione per il futuro di Burgos”, spiega il direttore della fabbrica, Victor Gómez.

Sebbene il marchio commercializzi già questo tipo di stufa prodotta nel paese transalpino, il suo boom in Spagna ha fatto scegliere all’azienda di spostare la produzione dalla sua sede in Spagna. “Abbiamo visto la necessità di portarli sul nostro mercato per essere più flessibili in termini di produzione e competitività”, ammette Gomez. L’obiettivo è quello di lanciare ogni anno circa 6.000 unità di questo modello sigillato, che impedisce il contatto con l’aria e la combustione in casa, con conseguente maggiore sicurezza. Inoltre, considerano anche la possibilità di esportare il lavoro da Burgos nel resto del mondo, come fanno in Italia.

In totale investiranno 1,5 milioni di euro per acquistare tutte le macchine e installare una nuova catena di montaggio. La nuova area creerà circa una dozzina di posti di lavoro a regime.

READ  La Bundesbank chiede alla BCE di prestare attenzione ai piani di salvataggio di Italia e Spagna

“Le tecnologie stanno cambiando. In precedenza tutto era diesel e gas, ma ora stiamo incorporando nuovi prodotti. Dobbiamo adattarci” ha ammesso il direttore di Ferroli sull’inserimento del pellet come nuovo combustibile. Insieme alle stufe a biomassa verrà avviata anche una linea di produzione per le caldaie in ghisa. “Sono made in Italy, ma le porteremo a Burgos .

«In questo senso il mercato nazionale è molto rilevante rispetto alla mancanza del resto del mondo», osserva Gómez, sottolineando che le abitudini acquisite dagli spagnoli negli anni utilizzando questo tipo di modello hanno portato a questa decisione del gruppo.

Questo investimento si aggiunge ai 2,6 milioni già pagati lo scorso anno nelle strutture del parco industriale di Burgos Este. Con questi soldi siamo riusciti a migliorare il sistema antincendio separando diversi punti del campus per evitare incidenti. Inoltre, sono stati lanciati due nuovi prodotti sviluppati e assemblati nella capitale castigliana: un riscaldatore per ambienti stagno e una caldaia silenziosa da 40 KW. “Il nostro obiettivo è ridurre le emissioni dirette di anidride carbonica del 25% in due o tre anni”, afferma Gomez.

2022 di alti e bassi. La lezione che ci siamo lasciati alle spalle potrebbe significare milleotto battute d’arresto per l’industria. Carenza di professionisti, aumento del costo delle materie prime, inflazione, prezzi dell’energia, tagli delle filiere… tutti questi fattori hanno colpito Feroli, che però ha chiuso l’anno con un aumento del fatturato. Lo stabilimento di Burgos ha aumentato i suoi risultati del 2% a 102 milioni di euro.

Il primo semestre è stato abbastanza buono, il secondo, una volta scoppiata la guerra in Ucraina, è stato peggio. Tuttavia, la spinta di due prodotti è stata importante per raccogliere questi primati: sia le pompe di calore che l’aerotermia sono state le stelle che hanno guidato Ferroli nel 2022. “Abbiamo triplicato le entrate di questi prodotti”, afferma Victor Gomes. Con l’avvio della produzione di queste Vickers e caldaie in ghisa e stufe a pellet sigillate, il marchio italiano spera di raggiungere a dicembre un fatturato di 108 milioni.

READ  Covit-19 | Una giovane donna riceve per errore sei dosi del vaccino Pfizer Bioentech in Italia

Nel frattempo, Ferroli mantiene aperta l’ERTE per la maggior parte della sua forza lavoro fino a quando la tempesta di energia e materie prime non si placherà. Dirigenza e sindacati si sono accordati qualche settimana fa per prolungare il congedo, che interessa una buona parte delle 175 persone, che potrebbero essere aggiunte in caso di necessità.