Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Federer trova molto difficile tornare a Wimbledon

Roger Federer Rilassati mentre il mondo del tennis si dirige a Torino. Dal centro nevralgico di Nitto ATP Finals 2021Lo svizzero è stato intervistato a fondo da due persone che conosceva in particolare: Paolo Lorenzi, che ha annunciato il ritiro a fine stagione, e niente di più e niente di meno che il suo allenatore, Ivan Ljubicic. Entrambi fungono da commentatori per Sky Sport Italia E sono stati felici di parlare con Roger in un’intervista esclusiva, una conversazione in cui sono stati toccati molti argomenti, alcuni dei quali davvero importanti. L’elemento principale, ovviamente, fa riferimento al ritorno dello svizzero in tribunale, un ritorno che si aspetta davvero complicato, anche a fronte di Wimbledon 2022. Senza ulteriori indugi, queste sono state le parole di Basilea durante tutta la conversazione.

Come sta andando il processo di recupero?

“Ho ancora bisogno di molto tempo. È un po’ triste, deludente o addirittura frustrante, ma sapevo già che ci sarebbe voluto molto tempo per riprendermi. Il mio più grande desiderio è tornare a giocare a tennis ai massimi livelli, ma per ora Mi sto solo concentrando sulla Riabilitazione. Non voglio avere fretta: un mese in più o in meno non cambia molto le cose, quindi non devo avere fretta. Voglio tornare indietro, sono passati alcuni giorni da quando Ho camminato di nuovo e presto sarò di nuovo in grado di guidare”.

Possibilità di raggiungere Wimbledon la prossima stagione

“Guardando il calendario, penso che sarà davvero difficile riuscire ad arrivare a Wimbledon l’anno prossimo. Ma c’è ancora tanto tempo per quello, forse c’è una piccola possibilità, ma non voglio creare aspettative. Quest’anno le mie ginocchia mi hanno dato molti problemi nell’erba, e se voglio arrivarci è perché voglio divertirmi, non soffrire. Ad aprile o maggio avrò più informazioni, ma al momento è molto difficile essere in grado di prevedere qualcosa”.

READ  Perché Cristian Castro non vedrà la serie di Luis Miguel nonostante la sua inclusione

Segui le ATP Finals di Torino?

“Vorrei poter giocare a Torino in futuro, anche se so che l’anno prossimo sarà difficile perché tornerò nella seconda parte di stagione. Stiamo vedendo belle partite e il DNA italiano dà più valore al torneo in termini di organizzazione e spettacolo. Brittini non è stato molto fortunato, anche se almeno può essere sostituito da Sinner, che ha fatto del suo meglio. Speravo di essere a Torino quest’anno, vedremo l’anno prossimo. Noi’ Ho visto un ottimo tennis, sono contento che il torneo continui e ora stanno arrivando le partite più importanti”.

Cambiamenti nel tennis negli ultimi anni

“In questo momento, quasi tutti i giocatori possono colpire forte sia sul dritto che sul rovescio. In passato potresti essere stato un po’ più debole su uno di quei due lati, e ora stai colpendo forte su entrambi i lati. In questo momento, la chiave è trovare l’equilibrio perfetto nel tuo gioco, anche se dall’arrivo di così tanti giocatori a un livello eccellente nel tennis, penso che il futuro del tennis passi attraverso il gioco principale, che stiamo vedendo sempre di più. “

I successi di Djokovic

“Novak ha avuto una grande carriera, sta facendo un ottimo lavoro a Torino ed entrambi hanno fatto delle grandi partite. Sono più di dieci anni che cavalca l’onda, sarà un vero problema per Zverev da affrontare, ma è il tipo di gioco che mostra cosa sono le ATP Finals”.

Stai pensando a cosa fare dopo il tennis?

“In questo momento sono felice come padre e apprezzo il fatto che presto potrò tornare a guidare. Spero di poter continuare a giocare, e chissà se in futuro sarò associato al tennis come commentatore. Perché no, lo stesso a Sky Italia con Ljubicic, che vedo ora in TV (ride).”

READ  Il podcast è anche per l'estate (ed ecco alcuni consigli)