Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Facundo Campazzo, nessuna partita NBA a causa dell’epidemia di coronavirus: partita Denver Nuggets-Brooklyn Nets sospesa

Denver Nuggets playmaker Facundo Campazzo (7) durante una partita contro gli Atlanta Hawks alla State Farm Arena (Credit: Brett Davis-USA TODAY Sports)

incontralo Denver Nuggets (15-14) Da Facundo Campazzo Deve esultare stasera Siete Brooklyn Nets (21-9) per un nuovo round del girone regolare di basket NBA A causa dell’emergere di nuovi casi di corona virus Tra i giocatori della franchigia newyorkese. Gli organizzatori della competizione hanno deciso di posticipare la realizzazione del match che avrebbe dovuto iniziare domenica alle 21:30 al Barclays Center. Dalla necessità di mettere in rete “squadra e personale” per entrare in “protocolli di salute e sicurezza” in caso di nuovi contagi.

Lo stesso è accaduto con gli incontri in programma oggi tra Atlanta Hawks – Cleveland Cavaliers e Philadelphia Sixers – New Orleans Pelicans. Inoltre, i Toronto Raptors-Orlando Magic (in programma lunedì) e i Brooklyn Nets-Washington Wizards (in programma martedì) sono stati sospesi. La prossima partita dei Campazzo Nuggets sarà al Paycom Center questo mercoledì, dove la squadra di casa degli Oklahoma City Thunder, che include Gabriel Dick di Santiago, affronterà il DT Michael Malone.

I rinvii sono arrivati ​​lo stesso giorno in cui gli Hawks hanno messo la loro stella Trae Young sui protocolli e i Los Angeles Lakers hanno riferito che l’allenatore Frank Vogel era stato aggiunto alla lista. Nella serata di domenica sono stati squalificati almeno 75 giocatori di 20 squadre. – o in caso di partite rinviate avrebbe potuto essere squalificato – con protocolli. Il numero è aumentato negli ultimi giorni. La NBA, come molte leghe sportive del mondo, sta affrontando una situazione in peggioramento.

READ  Jose Luis Terreros: "Elimineremo la cannabis dall'elenco delle sostanze dopanti"

L’ingresso della variante Omicron ha scatenato una nuova ondata di contagi da COVID-19 negli Stati Uniti, tanto che sabato scorso sono stati registrati 77.730 nuovi casi e 454 decessi, a causa dell’epidemia.

“Questo non finirà oggi, né domani, né dopodomani”, ha detto domenica l’allenatore di Dallas Jason Kidd. “Questo sarà qui per un po’.”

Trae Young (11), un personaggio degli Atlanta Hawks, è entrato nel protocollo anti-COVID-19 (Credit: Brett Davis-USA TODAY Sports)
Trae Young (11), un personaggio degli Atlanta Hawks, è entrato nel protocollo anti-COVID-19 (Credit: Brett Davis-USA TODAY Sports)

Le autorità statunitensi prevedono un’ondata di contagi tra la popolazione vaccinata a causa dell’aumento dei viaggiatori nel periodo natalizio e dei ricongiungimenti familiari che dovrebbero iniziare nei prossimi giorni. La National Basketball Association (NBA) riferisce che il 97% dei suoi giocatori è stato completamente vaccinato e quasi il 60% ha ricevuto una vaccinazione di richiamo a partire dalla scorsa settimana. Non è noto quanti casi positivi attuali includano coloro che non si sono qualificati per una dose di richiamo o che hanno scelto di non riceverla.

Kidd ha spiegato che i Mavericks hanno discusso delle preoccupazioni sui problemi di COVID-19 prima della partita contro i Lakers – una squadra multiplayer sui protocolli – la scorsa settimana.

I Cavaliers includevano cinque giocatori nei protocolli di domenica. Tutti e cinque i giocatori – Garrett Allen, gli attaccanti Lamar Stevens e Dylan Wendler e i portieri Denzel Valentine e RJ Nymbard – sono risultati positivi al test per il COVID-19, la persona che ha chiesto l’anonimato perché la squadra non ha specificato i nomi. Le persone colpite si uniscono a Isaac Okoro ed Evan Mobley, che in precedenza erano entrati nei protocolli.

Vogel non sarà in panchina durante la visita dei Lakers a Chicago. I Lakers hanno riferito che domenica sarà in carica David Wiesdal al posto di Vogel.

READ  Boca contro formazione Atletico Tucuman, per la Lega Pro

I Bulls torneranno in azione dopo che due partite sono state rinviate la scorsa settimana. Alla fine di sabato, quelle erano le uniche partite che la NBA ha dovuto rinviare durante l’epidemia.

“Ecco cos’è. Devi prenderti cura di te stesso, è l’unica cosa che puoi fare ” La guardia dei Lakers Russell Westbrook ha parlato dell’aumento dei casi NBA. Westbrook è stato brevemente nei protocolli la scorsa settimana, ma è stato in grado di tornare dopo essere stato negativo in tre test consecutivi e alla fine non ha perso una partita.

La lega e il sindacato dei giocatori stanno esplorando un piano che consentirebbe alle squadre che hanno un disperato bisogno di giocatori di firmare rinforzi attraverso contratti di 10 giorni che non influirebbero sul tetto salariale e sulle spese eccessive. Non è stato ancora raggiunto un accordo, anche se le trattative sono ancora in corso.

Con 10 giocatori, Brooklyn è la squadra con più chip nei protocolli. Il gruppo comprende Kevin Durant, James Harden e – sebbene non sia ancora autorizzato a giocare – Kyrie Irving, che è stato assente per tutta la stagione per non aver rispettato i requisiti di vaccinazione di New York City. Venerdì, i Nets hanno cambiato i loro criteri e hanno accettato che Irving sarebbe stato il benvenuto “ai giochi e ai corsi a cui può partecipare”, cioè impegni all’estero, tranne a San Francisco, dove è obbligatorio anche un vaccino.

Continuare a leggere:

con le informazioni delle agenzie.

READ  La vendita del Boca Argentinos è iniziata