Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Ex calciatore colombiano arrestato per traffico di droga

L’attaccante del caffè ha saputo sfondare in América de Cali e Union de Santa Fe, ha giocato due Mondiali con la Colombia ed è ora arrestato a Napoli per traffico di droga.

Le due facce della stessa medaglia. Anthony de Avila È un vero riflesso di quella frase. L’attaccante colombiano era ricercato da 2004L’anno in cui è stato arrestato per qualche motivo contrabbando di drogaOggi è stato arrestato Napoli Dalla polizia locale, durante l’operazione.

È stato arrestato in piazza Enrico de Nicola, a Porta Capuana, dove è stato portato in questura. agente di mercato Quindi viene messo dietro le sbarre. Come annunciato dai media italiani, le piantagioni di caffè Sconterà una pena detentiva di 12 anni.

L’ex calciatore 58enne era stato emesso con un mandato di cattura emesso dalla magistratura italiana, a causa di Commercio e produzione di drogae già da allora 17 anniS. Le relative indagini a seguito della commissione dei reati sono state avviate nel 2001, in particolare a Napoli e Genova. Inoltre, si scopre che l’attaccante che rappresenta Colombia nella Coppa del mondo Stati Uniti 1994 e Francia 1998, Aveva uno stretto rapporto familiare Bonerba camorra.

De Avila era soprannominato Puffo Sapeva essere una star dell’attacco America da Calidifendere i colori unione Nel calcio argentino, oltre a gonfiare le reti in metrostra MLS, per concludere la sua carriera sportiva a Barcellona, ​​​​Ecuador.

Fu però nel 1997 che tutte le luci della polemica furono rivolte per la prima volta su di lui: dedicò un gol ai due fratelli Rodriguez Orijuela, che a quel tempo erano in prigione per i loro crimini con celebrità Cartello di Cali, di Pablo Escobar.

READ  Calendario delle Olimpiadi, giorno 14: Le Leonesse cercano la loro prima medaglia d'oro e i Destribat iniziano la loro battaglia
da Avila

Va notato che nel 1995 hanno fatto irruzione negli uffici di Guillermo Alejandro Pallomari González, un contabile di un gruppo di trafficanti di droga, e hanno trovato vari documenti che collegano diverse stelle del bel gioco: uno di loro era Anthony de Avila, che Ha ricevuto 3 milioni di pesos sull’assegno.

Né si è fermato qui. Due anni dopo, in una partita di qualificazione contro l’Ecuador, l’attaccante ha gridato per la nazionale colombiana, e dopo la partita ha fatto la famosa dedica: “La verità è che mi sento felice. Voglio dedicare questa vittoria ad alcune persone private della loro libertà. Penso che non ci sia bisogno di fare nomi, ma con tanto amore e umiltà li dedico a loro, ovvero Gilberto e Miguel. ”

A quel tempo, i Puffi facevano parte di tutti gli Stati Uniti, in quanto non gli consentivano di trasmettere la sua relazione ai suddetti fratelli: Non ho paura di cosa potrebbero pensare gli Stati Uniti di questa dedica. Se sbaglio, Dio mi giudicherà e accetterò la punizione. Li ho ricordati da alcuni consigli che mi hanno dato quando avevo 19 anni, e volevo condividere la gioia del mio cuore con le persone che ora stanno attraversando momenti difficili”È stato rilasciato dai media.

Tuttavia, l’ex tatuatore non si è mai pentito di tale devozione all’obiettivo: “Non attacco nessuno e non voglio vantaggi personali”. Ad ogni modo, i capitani della squadra nordamericana gli hanno fatto pressione per scusarsi pubblicamente e il colombiano ha offerto il suo braccio per pervertire: “Prima di tutto vorrei dire che mi dispiace se i commenti che ho fatto dopo la partita con la Nazionale potrebbero offendere qualcuno. Non nego di aver fatto tali commenti, ma penso che siano stati presi fuori contesto e frainteso».

READ  Il Perù era un po' più alto del Venezuela ed è uscito dal fondo

Potrebbe interessarti