Fiera Regionale del Tartufo Nero Estivo di Acqualagna – domenica 29 luglio

Quando:
29 luglio 2018 giorno intero
2018-07-29T00:00:00+02:00
2018-07-30T00:00:00+02:00
Costo:
Gratuito
Contatto:
Uffico Turistico
0721 796741

Domenica 29 luglio torna l’immancabile l’appuntamento della “Fiera Regionale del Tartufo Nero Estivo” di Acqualagna organizzata in sinergia tra l’amministrazione e l’Associazione Proloco Passo del Furlo.

La manifestazione, giunta alla 34esima edizione, punta ad offrire un’intera giornata per assaporare uno dei tesori della Capitale del Tartufo in un viaggio emozionale tra natura, arte, storia, cultura, artigianato, cucina e musica.

L’evento prenderà luogo presso il suggestivo parco della Golena del Furlo e il programma della giornata saprà centrare il suo obiettivo e soddisfare tutti: famiglie desiderose di vivere la natura, nonni amanti delle escursioni, giovani sportivi per arrampicate, bambini desiderosi di provare l’emozione di una scalata tra gli alberi nel vicino Parco Avventura e visitatori appassionati di sapori autentici.

Ed è proprio il protagonista che dominerà la scena: il tartufo nero. Chiamato volgarmente “scorzone” tra i conoscitori del settore, è riuscito ancora una volta a far prevalere i propri sapori in ogni stand e ricetta distribuita durante la fiera. Grande spazio alle visite guidate, iniziative che con pochi euro danno la possibilità di percorrere un viaggio di duecento milioni di anni di storia geologica mostrando un patrimonio di bio-diversità vegetale e faunistica di grande valore e un complesso di resti archeologici preziosi costituitosi attraverso i secoli lungo l’antica consolare Flaminia.

Come da tradizione, la giornata si concluderà con il tradizionale concerto di chiusura del Festival Fano Jazz by the Sea che per il gran finale ha ingaggiato Ba Cissoko, una delle nuove star della musica africana e di tutta la world music, e la sua band rinomata.

Acqualagna, quindi, si dimostra ancora una volta leader del settore che non cenna a fermarsi. Un exploit che prosegue di anno in anno capace di far conoscere a tutto il mondo questo piccolo paese dell’entroterra pesarese dalla quale cresce un alimento tanto affascinante e prelibato avvolto da tanti misteri.