Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Enrico Letta: “Se l’estrema destra vince in Italia, si diffonderà in Europa” | Internazionale

La campagna elettorale italiana a questo punto ha pochi misteri. E questo è appena iniziato. La Lega, coalizione di destra formata da Fratelli d’Italia e Forza Italia, Il successo è garantito in pratica. Solo il Partito Democratico (PD) e la piccola coalizione che formava e guidava erano improbabili. Ex Presidente del Consiglio Enrico Letta (Pisa, 56) È riuscito ad aggiungere più voti e ha messo in difficoltà il presidente Sergio Mattarella quando gli è stato ordinato di formare un governo di destra. Da quell’idea, Letta riesce a polarizzare la battaglia: lei o Giorgia Meloni, leader dei Fratelli d’Italia.

Il segretario dei socialdemocratici è tornato un anno e mezzo fa da Parigi, dove è stato decano degli affari internazionali presso il prestigioso Beaux-Arts e presidente dell’Istituto Jacques Delors. In questo periodo riuscì a ricostruire e rivitalizzare il partito, intrecciando vecchie alleanze che – e Matteo Renzi – avevano dissolto. Ma La caduta del governo di Mario Draghi, di cui faceva parte il suo gruppo, era arrivato prima del previsto. Non c’è tempo per raggiungere accordi migliori con i suoi potenziali partner e, soprattutto, per riformare la legge elettorale, che danneggerà gravemente i partiti che non fanno parte di una grande coalizione come quella formata dalla destra. Leta ha ricevuto EL PAÍS giovedì scorso nella sede del suo partito nel centro di Roma.

ascoltare Le elezioni del 25 settembre saranno un voto tra te e Georgia Meloney?

Risposta Erano davvero una battaglia tra due diverse concezioni dell’Italia. Un’Italia europea prima di un’Europa nazionalista. L’Italia dei diritti contro chi sostiene l’idea della famiglia di Viktor Orbán in Ungheria. Oppure uno voterà contro il cambiamento climatico e l’altro contro tutte le normative europee sull’ambiente.

READ  I poveri in Italia sentono gli alti costi energetici

B. E gli autoproclamati eredi di Tragi contro coloro che l’hanno rovesciato?

R. Sì, la destra vedeva Draghi come un male necessario. Ma se ne sono sbarazzati il ​​prima possibile. Per noi questo è un riferimento fondamentale. È necessario convertire il programma avviato in questo governo di un anno e mezzo in un disegno politico.

Unisciti a EL PAÍS per seguire tutte le notizie e leggere senza limiti.

Registrati

B. Il tuo piano si basa sul piano Draghi Executive?

R. Sì, ma ampliando quello. Il suo lavoro era limitato dai confini dell’alleanza. Ad esempio, in diritto, non poteva fare niente perché la Lega lo bloccava.

B. Se ottenessi più voti di Maloney, ti considereresti qualificato per assumere il compito di formare un governo con il Presidente?

R. Dipende dalla decisione. Ma se la nostra alleanza va bene e siamo avanti, allora sì. L’atto elettorale dà forza e potere alla coalizione. E hanno formato una coalizione che li precede, ma è una coalizione tra partiti molto diversi. Non credo che la tua società funzionerà dopo le elezioni.

B. Ma hai scelto di non allearti con il Movimento 5 Stelle, che sicuramente ti punirà con questa legge elettorale. Come mai?

R. I motivi sono due. Hanno rovesciato il governo Draghi. Inoltre, c’è una grande divisione nella politica internazionale sulla questione della Russia e dell’Ucraina. È diventato impossibile vedere l’altro lato.

B. Possiamo guardare dall’altra parte dopo le elezioni se dobbiamo essere d’accordo?

R. Vediamo cosa succede dopo le elezioni. Ora dobbiamo affrontare le elezioni. Ma questa legge elettorale è molto estrema e dà un risultato binario: loro o vinciamo noi. I terzi poteri non contano, ma ne parleremo il giorno dopo il voto.

READ  Covit-19 in Italia: Corona virus e vaccino dal 14 gennaio
Il Segretario del PT ed ex Presidente del Consiglio Enrico Letta durante l’intervista.Antonello Nasca

B. Quanto scommetti sugli indecisi per questa vittoria?

R. Molto. Quando leggo che il 40% degli elettori o non vuole votare o non sa per cosa votare, mi dà molte speranze. Significa che c’è un posto di lavoro importante.

Ho molta fiducia negli indecisi e nei giovani che votano e vincano.

B. Molti di loro sono giovani elettori tradizionalisti di sinistra. Devono aver fatto qualcosa di sbagliato.

R. Ma siamo ancora il gioco numero uno, il preferito dai 18 ai 24 anni. Dopo un anno e mezzo di lavoro, è stata la soddisfazione più grande che ho avuto. Vi convincerò a votare e votare per noi.

B. Meloni e Matteo Salvini della Lega sono di estrema destra?

R. Sì, sono due leader politici in Europa con Orbán, in Polonia con PIS, Vox e Marine Le Pen. Sono i tuoi interlocutori. Sono uniti da tre cose. negazione del cambiamento climatico, in cui sono come Donald Trump; La loro opposizione a un’Europa unita e socialista è perché sono favorevoli al diritto di veto, che Orbán usa più di chiunque altro, e noi siamo di parere opposto: le decisioni vengono prese insieme e il diritto di veto è rimosso. E sul piano dei diritti, vedi, sono accomunati da un’idea che Salvini ha articolato chiaramente: il modello di famiglia ungherese di Orban. Quindi sì, è molto corretto.

B. Perché non c’è la sanificazione del giardino in Italia?

R. È responsabilità del partito italiano affiliato al Partito popolare europeo (PPE), che ha deciso di capitolare completamente e di porsi sotto l’ala di protezione dell’estrema destra. Il PP in Spagna ha affermato di sostenere il suo leader Santiago Abascal. Il risultato di Forza Italia è stato gravissimo. Ma far cadere Tragi, una scelta contro la sua natura.

B. Ti aspettavi che Silvio Berlusconi si comportasse così?

R. No, Pensavo che avrei avuto un po’ di dignità. Ma si è completamente arreso all’estrema destra.

B. Cosa ne pensa il leader del PPE Manfred Weber? Roma venne il giorno successivo per benedire l’alleanza Con l’estrema destra?

R. Incredibile. E questo è molto preoccupante per la Spagna. Le porte del PPE si apriranno per Vox dopo Meloni.

La legittimazione da parte di Weber dell’alleanza di Meloni e Salvini con il PPE è stata incredibile. In Italia si è posto sotto l’ala di protezione dell’estrema destra.

B. La visita di Meloni a Palazzo Sigi potrebbe essere una minaccia per la democrazia italiana?

R. La democrazia italiana è solida e non ne ho paura. Ma è pericoloso per il futuro dell’Italia e per il futuro dell’Europa.. La coalizione era unita da un’idea nazionalista ed euroscettico.

B. I Fratelli d’Italia sono spesso accusati di mancanza di leadership. Tuttavia, a cominciare da lei, quattro principali candidati di partito (Renzi, Berlusconi, Giuseppe Conte) sono già stati primi ministri. Salvini era già vicepremier del governo. Alla fine sembra che sia lei la nuova.

R. L’ultimo esecutivo di centrodestra italiano sotto Berlusconi, Meloney era il ministro della Gioventù. Durante quel governo, tra il 2008 e il 2011, la disoccupazione giovanile è salita dal 21% al 31%.

B. Sì, ma è successo durante la peggiore crisi finanziaria degli ultimi 50 anni.

R. Sì, ma si sono dimessi e hanno mandato in bancarotta il Paese. Erano già al potere. Forse noi italiani abbiamo la memoria corta.

B. Anche la sinistra è in parte responsabile di quello che sta succedendo, no?

R. Sì, non capiamo l’incertezza e la complessità del lavoro. L’ho messo al centro del nostro programma, ma cinque anni fa, in epoca renziana, era emarginato. C’erano anche divisioni interne. Inoltre, siamo stati in quasi tutti i governi nell’ultimo decennio e questo ci fa sembrare il partito dell’establishment.

B. L’Italia affronta un autunno brutale. Cosa si aspetta?

R. La cosa principale è il prezzo dell’energia. La Spagna ha trasformato quello che era un limite in un’opportunità: i Pirenei. Non è interconnesso e il gasdotto con la Francia non funziona, destino della Spagna, perché ha accettato di mettere un tetto al prezzo. Oggi consuma un terzo dell’energia in Italia. Dobbiamo accontentarci dei massimali europei e delle misure nazionali. Altrimenti, la deindustrializzazione diventa realtà. La Russia strangola le economie dei paesi industrializzati come l’Italia e la Germania in Europa.

B. Meloni ha detto che la politica internazionale, soprattutto sulla questione ucraina, sarà simile a quella di Draghi. Ci credi?

R. No. Meloni è d’accordo con Draghi su questo tema, e questo va riconosciuto. Ma Salvini e Berlusconi sono amici [el presidente ruso, Vladímir] Putin e questo non cambierà. Ma la cosa più inquietante è la linea sull’Europa. Faranno di tutto per creare un’Europa dei nazionalismi. Europa e nazionalismo sono come il sole e la luna: non possono coesistere.

B. Hai detto che c’era un’interferenza russa nella campagna. Dove li hai visti?

C’è un’interferenza russa nella campagna e temo più di natura tecnica. Salvini e Berlusconi sono amici di Putin, questo non cambierà

R. La questione del gas è un’evidente distrazione. Putin ha intenzione di far pensare agli elettori italiani: “Diamo alla Russia l’Ucraina, non si preoccupi del gas”. C’è un chiaro disegno contro le elezioni italiane di oggi. Ci sono altri episodi, come quello sulla spia russa scoperta di recente [se infiltró en un departamento de la OTAN en Nápoles]. E ho anche paura delle interferenze tecnologiche. Guarda, tutti e tre celebreranno la vittoria sulla destra. Ovviamente Putin berrà vodka per festeggiare. Orbán, inoltre, uscirà dall’isolamento e l’ultimo a festeggiare è Donald Trump: un Paese del G-7 che guarda a una logica come lui sarà perfetto per lui.

B. Credi che se Meloni vince in Italia, il contagio si diffonderà in Europa?

R. Sì, è un sintomo della risposta all’epidemia e alla crisi dei mezzi di sussistenza della guerra. Una risposta addominale e rottura dell’equilibrio. Una risposta antieuropea. E sono molto preoccupato che ci sarà un’epidemia.

Segui tutte le informazioni internazionali Facebook Y Twittero dentro La nostra newsletter settimanale.

50 per cento di sconto

Iscriviti per continuare a leggere

Leggi senza limitazioni