Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Elezioni in Perù: con il 100% delle misure …

Quarantaquattromila voti. È l’ultima differenza che dà all’insegnante di campagna Pedro Castillo una vittoria sul candidato di centrodestra Keiko Fujimori. Lo ha confermato l’Ufficio nazionale per le operazioni elettorali (ONPE) al termine dello scrutinio del secondo turno elettorale del 6 giugno. Castillo, il candidato peruviano Liber, ha vinto la figlia del dittatore Alberto Fujimori con il 50,12 percento contro il 49,87 percento con oltre 17,6 milioni di voti validi.

Con numeri confermati dall’attento esame dell’ONPE Non resta che attendere l’annuncio della Giuria Elettorale Nazionale (JNE), che ha consacrato Castillo nuovo presidente del Perù. Tuttavia, tutte le operazioni di Fujimori sono coinvolte in presunte denunce di brogli elettorali per impedire che l’annuncio avvenga e si attendono una nuova convocazione per le elezioni – respinta dalla maggioranza dei leader e degli specialisti – che prolungherebbe la sofferenza politica del Paese. Dalle dimissioni dell’ex presidente Pedro Pablo Kuczynski nel marzo 2018.

Il tentativo di Fujimori di resistere a quella che sarebbe la sua terza sconfitta elettorale consecutiva si basa sulla presentazione davanti al JNE di presunte irregolarità a 802 minuti di seggi elettorali nelle aree rurali, dove Castillo ha approvato il voto. La figlia del dittatore è sostenuta da personaggi come lo scrittore Mario Vargas LlosaCerca di cancellare 200.000 voti, il che gli consentirà di distorcere le elezioni.

Finora, le giurie elettorali locali che stavano già esaminando queste denunce ne hanno respinte molte per mancanza di argomenti. Il Le lamentele di Fujimori sembrano fragili, e sono mantenuti in alcuni casi in cui i parenti sono membri di determinati seggi elettorali o dove sono segnalate alterazioni delle firme di registrazione.

READ  La Germania ha temporaneamente sospeso il processo di certificazione per il gasdotto Nord Steam 2.

Allo stesso tempo, il JNE deve anche considerare le denunce presentate dal partito Peru Libre de Castillo per altre irregolarità nella preparazione dei registri elettorali. In linea di principio, la giuria elettorale ha rilevato che le denunce sono state presentate al di fuori del termine legale.

Il Perù è entrato in questo processo elettorale nella sua peggiore crisi politica dell’ultimo secoloche ha portato finora quattro presidenti e due congressi nell’attuale mandato quinquennale, che si concluderà il 28 luglio.

E quella crisi è stata esacerbata dall’impatto della pandemia di coronavirus, che ha fatto soffrire il Paese nel 2020La prima contrazione della sua economia in due decenni e una delle più profonde al mondo.