Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Elezioni in diretta Colombia: ho seguito i sondaggi tra Gustavo Petro e Rodolfo Hernandez

Il 7 agosto Ivan Duque trasferirà il comando a Petro. Quel giorno è designato come data di transizione dell’amministrazione per commemorare la battaglia di Boyacá (1819), in cui prevalse il movimento di liberazione spagnolo e iniziò ufficialmente a convertire la Gran Colombia in una repubblica.

Secondo il Bollettino n. 18 del Registro, la partecipazione di 22.604.561 colombiani corrisponde al 57,95% del censimento elettorale. Questo lascia il tasso di astensione finora al 42,05%, ben al di sotto di quello registrato quattro anni fa nel secondo turno elettorale vinto da Evan Duque. All’epoca, secondo quanto riferito, il 47% dei cittadini non si era recato alle urne.

La partecipazione ha superato quella registrata nel primo turno elettorale, dove hanno votato 21.442.300 colombiani, pari a 54,9 partecipazioni e 45,1 astenuti.

Storicamente, l’astensione più bassa è stata nel secondo turno presidenziale del 1998, quando Pastrana e Horacio Serpa si sono affrontati. Lì, il tasso di astensione era del 37%.

In un video pubblicato sui suoi social network, Hernandez ha concesso la vittoria di Petro. “Accetto il risultato come dovrebbe essere se vogliamo che le nostre istituzioni siano forti. Spero sinceramente che questa decisione sia benefica per tutti e che la Colombia si muova verso il cambiamento che ha prevalso nel voto al primo turno.

A Bogotà piove secchiate. Ma anche questo non interrompe il canto incessante dei seguaci di Gustavo Pietro.

“Tu vivi, senti, Petro capo.” “Sì, può”. “Una mattina mi sono svegliato, arrivederci Duke.”. Gli elettori della Carta storica celebrano una vittoria che nemmeno i sondaggisti potevano prevedere di fronte all’incertezza su un risultato elettorale serrato, che prevedeva un pareggio tecnico. Linee incrociate per entrare nella Movistar Arena, dove presto arriverà l’economista con il vicepresidente Francia Marquez per ricevere la sua vittoria, su un isolato. Le persone allegre, soprattutto i giovani, corrono da una parte all’altra cercando di trovare un buco per entrare nel luogo che rompe con la gente.

Delizia dei fan di Petro fuori dalla Movistar Arena, dove è stata installata la campagnaFernando Vergara

Le bandiere portate da PETRO insieme a molte altre bandiere della Colombia sono fiancheggiate da blocchi e sollevate tra alcune delle tettoie. A molti non dispiace bagnarsi: si concentrano sulla festa. Le vuvuzela gialle, rosse e blu insieme al clacson costante coincidono con l’atmosfera festosa.

Robin Moreno abbraccia forte il suo amico tra le lacrime. “Mi sento davvero emozionato e felice. È anche un segno che il Paese è ancora diviso”, ha detto La Nacion, la studentessa di 22 anni.

READ  Violenza a Michoacan: agguato della polizia ferisce tre agenti, uccide un aggressore

Lucia Sol Miguel (inviata speciale)

Dopo aver dichiarato la sua vittoria alle elezioni, Petro ha twittato per celebrare la sua vittoria.

Giornale il tempo Ho detto che secondo il conteggio, Petro è il nuovo presidente della Colombia. L’undicesimo bollettino elettorale mostra che il candidato di sinistra riceve il 50,69%, contro il 47,04% di Hernandez. Con il 94,5% degli orari segnalati, il trend è già irreversibile.

Analisti e osservatori iniziarono a vedere Petro come presidente. Il nuovo bollettino elettorale mostra grandi progressi con pochi voti da contare. Conoscendo il 90% dei tavoli, Petro guida il 50,88% contro il 46,85% di Hernández.

Con il 65,23% dei tavoli informati, Caratteristica unificata Petro A Hernandez: dal 51,03% al 46,74%.

Alla periferia della Movistar Arena, dove è stata installata la campagna Petro, è iniziata un’atmosfera di gioia. C’è più di un isolato in attesa di entrare, la gente canta “Yes We Can” e canta slogan sulle note di Bella Ciao.

Ogni volta che i risultati vengono aggiornati, ci sono grida di eccitazione come se fosse una partita di calcio. Ci sono molti giovani che portano le bandiere colombiana, benzina e LGBTI.

Lucia Sol Miguel (inviata speciale)

Il conteggio ha già superato il 30% delle tabelle. Nella quinta newsletter Petro rafforza il suo vantaggio: 50,29% rispetto al 47,48% di Hernandez.

Con circa il 10% di orari informati, Petro appare con un leggero vantaggio: ottiene il 49,89% contro il 48,02% di Hernandez. Il processo prosegue molto rapidamente.

Rodolfo Hernandez ha vinto il voto all’estero: Ha ricevuto il 63,50% contro il 34,92% di Petro.

Inizia il primo download dei dati elettorali. Con l’1,93% dei tavoli contati, Hernandez ha ricevuto 114.697 voti (56,2%) e Petro 85.471 voti (41,9%).

Da questo momento, i colombiani non possono più votare.. Le autorità si aspettano un rapido riconteggio.

Subito dopo, Petro ha twittato: “La Colombia sta cambiando con Petro e Francia”.

Il presidente Ivan Duque ha invitato i colombiani a recarsi in massa alle urne per scegliere il suo successore e ha promesso di sostenere il candidato vincitore.

“D’ora in poi possiamo dire chi scelgono le persone oggi, Avrà il nostro pieno sostegno per iniziare il processo di transizione presidenzialeDuque ha detto dopo il voto nella sede della conferenza, di fronte alla storica piazza Bolivar a Bogotá.

Il voto di Evan Duque
Il voto di Evan Duque– – Francia Agenzia di stampa

Lo ha affermato il Registro nazionale dello stato civile, che è responsabile del processo di voto Non c’è possibilità di frode. Ha anche descritto la denuncia di Petro per le carte recanti un’etichetta di notizie false.

READ  Il presidente Joe Biden ha sottolineato che "con ogni probabilità" ci saranno nuove restrizioni negli Stati Uniti a causa della ripresa dei casi di COVID-19

Entro un’ora le urne saranno chiuse in tutto il Paese. Da quel momento in poi nessuno potrà votare e inizierà il pre-conteggio dei voti.

Hernandez ha promesso di rispettare i risultati elettorali mentre Pietro ha sollevato dubbi sulla trasparenza del conte Dopo gli abusi al vaglio delle elezioni legislative di marzo.

Il candidato di sinistra ha esortato oggi gli elettori a farlo Controlla le tue carte per strani segni Possono invalidarlo e affermare che esiste un tentativo “sistematico” di annullare i voti a loro favore.

Non siamo autorizzati a eseguire un audit tecnico sul software come richiesto dalla legge e dalla sentenza del tribunale del Consiglio di Stato. Oggi, in molte aree che hanno un voto alto per noi, distribuiscono schede elettorali che in precedenza erano contrassegnate da un punto o un segno di spunta nella votazione in bianco. Un tentativo sistematico di invalidare il voto”, ha osservato lo storico candidato al charter.

Il procuratore generale, Francisco Barbosa, ha annunciato che tutte le denunce relative alla presunta frode del software utilizzato nelle schede elettorali saranno riunite in un’unica indagine.

Il cancelliere nazionale, Alexandre Vega, che guida il processo per l’organizzazione delle elezioni presidenziali, ha affermato questa mattina che “l’intento è che i colombiani possano ricevere dispense e risultati pre-contabili in modo rapido ed efficace”.

Secondo Vega, Il processo di rendicontazione delle votazioni dovrebbe essere veloce come al primo turno Presidenziale, per le suddette elezioni, i risultati del pre-conteggio erano noti al 99,0% intorno alle 18:00 (20:00 in Argentina).

I risultati saranno trasparenti. Verrà mantenuto lo stesso sistema di pre-screening di successo per il primo round. Ricorda che la differenza era 0,1, si spera ancora una volta quella differenza tra il pre-count e il conteggio, ma avremo le stesse garanzie del primo round”, ha osservato il registratore nazionale.

Vega ha detto che in questo secondo round Aspettati i risultati prima delle 19:00. (21 Argentina)

READ  Perché i numeri ufficiali dei decessi in molti paesi non includono il numero reale delle vittime di COVID-19?

Petro si è anche svegliato presto per esercitare il suo diritto di voto alle elezioni presidenziali che determineranno l’identità del prossimo capo di stato.

Come al solito, Petro ha mostrato il suo cartellino con una “x” sulla scatola che mostra una sua foto e la formula per il vicepresidente, Francia Márquez.

L’appello, senza dubbio, è di uscire e votare in gran numero. Il massimo che si sarebbe potuto fare durante tutta questa campagna, ora si accumula nell’andare alle urne, per i giovani, soprattutto per le donne, le urne aspettano che cambino la Colombia. “Oggi dobbiamo sconfiggere qualsiasi tentativo di frode con un grande voto”, ha detto Petro.

Petro, dopo il voto a Bogotà
Petro, dopo il voto a BogotàJuan Barreto – Agence France-Presse

filtro Rodolfo Hernandez Ha sorpreso tutti con il tempo di votare facendo così pochi minuti dopo l’apertura del giorno delle elezioni. L’ha fatto l’ingegnere Scuola Santander, Bucaramanga.

Il candidato ha detto sui social media che avrebbe esercitato il suo diritto di voto a mezzogiorno, ma ha deciso di cambiare i suoi piani e lo ha fatto presto. Ora si recherà nella sua fattoria a Bedequista, dove attenderà i risultati ufficiali del record.

Pochi minuti prima del voto, Hernandez ha scritto sul suo account Twitter: Sempre avanti, mai un passo indietro!

Gustavo Petro, ex guerrigliero dell’M-19, ex sindaco di Bogotá e attuale senatore, propone riforme economiche e sociali per combattere la povertà, la disuguaglianza e l’esclusione che hanno affascinato milioni di poveri, anche se suscitano paura tra uomini d’affari e finanzieri. mercati.

Hernandez, dopo il voto a Bucaramanga
Hernandez, dopo il voto a BucaramangaSchneider Mendoza – AFP

Sorpreso di andare alle urne, Rodolfo Hernandez ha promesso di tagliare la spesa pubblica, combattere la corruzione per ottenere risorse per finanziare i suoi programmi economici e sociali, nonché un piano per fornire farmaci gratuitamente ai tossicodipendenti e scoraggiare il traffico di droga. Ma il controverso 77enne milionario che ha fatto fortuna nel settore edile è indagato per la sua presunta ingerenza nell’aggiudicazione di un contratto di gestione dei rifiuti mentre era sindaco di Bucaramanga.

I colombiani votano oggi per scegliere il loro prossimo presidente tra un ex guerrigliero di sinistra che promette ambiziosi cambiamenti sociali e un eccentrico uomo d’affari che propone di tagliare la spesa pubblica e combattere la corruzione, nonostante sia indagato per il crimine.

Oltre 39 milioni di elettori possono votare al secondo turno delle elezioni presidenziali. Le urne si sono aperte alle 8:00 (10:00 ora argentina) e si chiuderanno alle 16:00 (6:00 ora argentina).

Con informazioni da AFP, Associated Press, Reuters e dal quotidiano El Tiempo (GDA)