Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Egan Bernal ammette: “Mi sono detto che avevo vinto il Giro d’Italia e sono tornato”.

Egan Bernal ha ammesso: “Ho battuto il Giro d’Italia e sono tornato”. EFE / Manuel Brooke

Dopo un anno molto raccapricciante per i ciclisti colombiani nel giro del mondo, nonostante alcuni successi, sono stati in grado di catturare il Giro de Italia. Egan Bernal, Per molti di loro sono già iniziati i preparativi per la stagione 2022. Uno di quelli che si stanno già preparando per il debutto è il leader di Enios Egan.

‘Young Wonder’ sta preparando il programma per la prossima stagione con i suoi compagni di squadra. In questi giorni, infatti, la squadra inglese ha annunciato a quali gare prenderanno parte i propri corridori, mettendo in evidenza i migliori ciclisti dell’anno, in cui Zibaguerino compare chiaramente. Lo scarabeo fornito Premio per il miglior successo dell’anno Dopo il titolo ottenuto nell’edizione 2021 Tour in Italia.

La verità è che il titolo del primo gran giro di quest’anno ha rappresentato un traguardo molto importante non solo per la squadra britannica, ma anche per il ciclista, perché dopo il 2020 complicato a causa di un infortunio alla schiena, il colombiano se ne è accorto. Prima di allora era un sogno diventato realtà mantenere il trofeo vinto da Nairo Quintana nel 2014.

Tuttavia, il 24enne pilota ha mostrato grande forza nelle gambe ed è stato in grado di alzare il tanto atteso titolo della tappa italiana. Tuttavia, in una recente conversazione con il progetto ESPN Ciclismo, Egan ha chiarito che vincere la competizione era una sfida perché non aveva piena fiducia di potercela fare.

“(Titolo vinto) Personalmente sono tornato. Ho vinto il tour (2019), l’altro anno non ho fatto praticamente nulla, ho vinto una gara, ma niente rispetto al tour. Ero scettico sul fatto che avrei mai vinto di nuovo un grande giro, il livello sta crescendo, ho 24 anni e posso progredire, ma avevo questo scetticismo anche se so di essere molto competitivo. Voglio avere successo, essere bravo, mostrare alla mia famiglia, al mio team, alle persone che posso fare le cose meglio“, ha detto per primo.

READ  L'Inter è indagata per possibile frode nelle firme

Tuttavia, ha chiarito che vincere la corona in Italia ha riportato la tranquillità sulla sua condizione fisica e lo ha incoraggiato a continuare a vincere.

Il sospetto era, sono ancora qui quando ho battuto il Giro, posso vincere sul giro grosso, il mio nome è scritto sulla coppa del Giro, nessuno può toglierlo, più di quel Giro è una specialità per me“, ha chiarito.

Ora, quando ottiene il suo secondo big spot, gli manca solo l’ultimo: La Vulda e Espana.

Ovviamente, se uno si rende conto che sta battendo Jiro, vince il tour perché c’è solo una persona, La Vulta. Vincendo tutti e tre i Grandi Giri entrerò praticamente nella storia, il che significa molto per me.”, ha concluso.

Dedica di Egan Bernal Non ha rappresentato solo un titolo per la Colombia, perché è diventato un simbolo di felicità e speranza nel mezzo della crisi sociale e sanitaria che passa. Ma, personalmente, significa continuare a scrivere libri di ciclismo con lettere d’oro, che ha già un capitolo privilegiato per lo Zibagra Runner.

Grandi Giri di Ciclismo in quattro anni (Giro d’Italia, Tour de France e Vulda e Espana) Egan Ha già vinto due terzi, Ha ricordato il titolo del tour 2019. Durante questo periodo (4) ha vinto metà (50%) delle gare di tre settimane che ha corso. Inoltre, Zero e divenne il primo latinoamericano a vincere il Tour.

Il ciclista colombiano si è considerato il campione delle corse “Maglia Rosa” nella tappa 9, dopo di che non l’ha ripubblicata fino a quando non ha raggiunto Milano. Con quello, Dopo aver indossato “Rosa” per 12 giorni, è diventata una colombiana che ha superato Nairo Quintana indossando più giorni., Ce ne sono stati nove tra le edizioni 2014 e 2017.

READ  Ondata di caldo 'Lucifero' colpisce l'Italia, 48,8 gradi Celsius registrati in Sicilia

Bernal, 24, È il terzo pilota più giovane a vincere Tour e Zero Superato solo dalle altre due leggende di questo gioco: l’italiano Gino Bardali e belga Eddie Merks. Ora l’obiettivo si chiama “Triple Crown”, che ha tre “grandi” vittorie.

Questo Sesto grado per l’America Latina, Sono così distribuiti: Nairo Quintana (2): Zero 2014 e Vulta 2016; Egan Bernal (2): Tour 2019 e Zero 2021; E ‘Lucho’ Herrera (1): Vulta 1987, per la Colombia; E l’Ecuador Richard Carabas (1): Zero 2019.

Continua a leggere: