Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

ECONOMIA / Ceeic esporta in Italia Strategia Industria 5.0 dell’ecosistema tecnologico industriale regionale nell’ambito del progetto europeo “Enterprise”

L’obiettivo era quello di conoscere direttamente l’ecosistema industriale e tecnologico della regione di Murcia al fine di realizzare sinergie in termini di innovazione, trasformazione digitale e flessibilità industriale che consentano l’esportazione e il trasferimento di “buone pratiche scoperte” nella regione italiana di Reggio Emilia.

Particolare attenzione è stata data al programma Smart Industry 5.0 selezionato come buone pratiche di resilienza industriale, formando tecnicamente profili tecnici nel nuovo modello di settore

I partecipanti italiani hanno potuto parlare con i responsabili della startup Drónica, situata nell’edificio Ceeic

Il Cartagena European Business and Innovation Center (CEEIC), annesso al Murcia Region Development Institute, ha organizzato una “visita di studio” in Spagna per il comune partner italiano di Reggio Emilia, interessato a conoscere le buone pratiche che sono state sviluppate nel intorno alla regione di Murcia. Resilienza industriale nell’ambito del progetto europeo “Foundation”, finanziato da FEDER attraverso il programma europeo Interreg Europe.

Oltre ai membri del partner italiano del progetto, si sono recati a Cartagena il comune di Reggio Emilia, due membri del gruppo di stakeholder italiani appartenenti all’unione delle imprese del settore minerario Unindustria e l’Istituto di Formazione Operatori Corporate.

L’obiettivo di questa visita internazionale era di conoscere in prima persona l’ecosistema industriale e tecnologico della regione di Murcia, in particolare quella di Cartagena, per generare sinergie in termini di innovazione, trasformazione digitale e flessibilità industriale che consentano l’esportazione e il trasferimento di “buone pratiche scoperte” alla regione italiana di Reggio Emilia. Durante le giornate di lavoro è stato possibile presentare le politiche e le strategie di sviluppo industriale e innovazione tecnologica nel contesto imprenditoriale della regione di Murcia, con particolare interesse per il principale polo industriale situato a Cartagena.

READ  La crisi energetica lascia "in standby" le chiusure di centrali nucleari in tutta Europa

L’agenda sviluppata da Ceeic e approvata dal partner italiano prevedeva una visita all’incubatore tecnologico Ceeic, il più antico della regione di Murcia, dove sono state presentate le principali linee strategiche di azione, discutendone mission e obiettivo situato nell’enclave industriale del Regione Murcia. regione. Particolare attenzione è stata riservata al programma Smart Industry 5.0 selezionato come buone pratiche nel campo della resilienza industriale, alla formazione tecnica dei profili tecnici nel nuovo Modello di Industria 5.0 e al supporto per la creazione di nuovi modelli di business 5.0. Dopo questa mostra, è stata visitata una delle startup situate nell’edificio Ceeic, Drónica startup, dove i partecipanti italiani hanno potuto parlare con i loro manager.

Accelera l’acceleratore e l’iniziativa AGORA

Durante la prima giornata di lavoro, i capi della regione INFO di Murcia e Centic hanno annunciato altri programmi che hanno suscitato l’interesse dei membri internazionali, il Programma di accelerazione degli imprenditori accelerati e l’iniziativa ÁGORA DIH, il polo dell’innovazione digitale nella Murcia regione che aiuta le aziende ad attrarre finanziamenti europei e trasformare le imprese e le industrie digitalmente regionali.

Sottomarino S-81 Isaac Peral

In continuazione del simposio internazionale, i componenti della missione internazionale, accompagnati da funzionari Ceeic che coordinano l’istituzione e le parti interessate, inclusi rappresentanti di UPCT, COEC, AJE, Consiglio comunale di Cartagena, CENTIC e INFO hanno visitato il cantiere navale Navantia a Cartagena e hanno appreso per primi: mano le principali caratteristiche tecnologiche del sottomarino S 81 Isaac Beral, il gioiello della corona dell’industria marittima spagnola. Successivamente è stata effettuata una visita e un tour dell’intera area industriale della Valle de Escombreras ed è stato spiegato il processo storico di riconversione industriale della zona.

READ  I salari sono già aumentati di circa il 3% in Francia e Germania

Per concludere questo incontro internazionale, la task force si è recata a UPCT dove i suoi direttori hanno spiegato la costituzione della “Network of Chairs”, “Strategy Makers” e “Masters of Industry 4.0”, come il ruolo dell’Academy in Generation. Flessibilità industriale nel settore industriale. Questo incontro è stato molto produttivo in quanto ha contribuito a generare sinergie tra UPCT e le università dei paesi partecipanti al progetto della Fondazione.

Fattori di resilienza industriale nelle economie europee

Una delle conclusioni del CEEIC è che c’è un denominatore comune nei fattori di resilienza industriale nelle economie europee, è necessario sfruttare le tecnologie digitali, integrarle e aderire il prima possibile al modello 5.0 per non perdere competitività nei confronti delle altre regioni Puntando sulle tecnologie 5.0, sviluppare strategie come la Strategia Regionale Industria 5.0 che forma digitalmente e tecnicamente le future risorse umane in grado di stimolare la trasformazione in un modello produttivo.