Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

È vero che l’esercizio rafforza il sistema immunitario?

In esclusiva per Infobae da Il New York Times.

(Tempi della scienza)

Probabilmente hai sentito questo suggerimento: una delle cose migliori che puoi fare per mantenerti in salute, specialmente con la stagione del raffreddore e dell’influenza dietro l’angolo:
È essere fisicamente attivi.

Questa saggezza convenzionale esiste da molto tempo, ma fino a poco tempo fa i ricercatori non disponevano di molti dati per supportare un’idea del genere. Ora, gli scienziati che studiano i fattori di rischio per COVID-19 hanno trovato alcune prove preliminari sul legame tra esercizio fisico regolare e migliori difese immunitarie contro la malattia.

Quando i ricercatori hanno esaminato 16 studi su persone che erano state fisicamente attive durante la pandemia, hanno scoperto che l’esercizio era associato a un minor rischio di infezione, nonché a una minore possibilità di soffrire di complicazioni da COVID. L’analisi, pubblicata il mese scorso sul British Journal of Sports Medicine, ha suscitato entusiasmo tra gli scienziati dell’esercizio, che affermano che i risultati potrebbero portare a linee guida aggiornate sull’attività fisica e sulla politica sanitaria che considerano l’esercizio come medicina.

Gli esperti che studiano l’immunologia e le malattie infettive sono più cauti nell’interpretazione dei risultati. Ma sono d’accordo sul fatto che l’esercizio aiuta a proteggere la salute attraverso diversi meccanismi.

L’esercizio fisico può migliorare l’immunità in diversi modi.

Per decenni, gli scienziati hanno osservato che le persone in forma e fisicamente attive sembrano avere tassi più bassi di varie infezioni respiratorie. Inoltre, quando le persone che si esercitano si ammalano, tendono ad avere malattie meno gravi, ha affermato David Neiman, professore di scienze motorie e della salute presso l’Appalachian State University, che non è stato coinvolto nella recente ricerca sul COVID.

READ  L'influenza della robotica e dell'estetica futuristica sulla moda italiana

“Il rischio di complicazioni e morte per raffreddore, influenza e polmonite è stato significativamente ridotto”, ha detto Niemann. “Lo chiamo un effetto simile a un vaccino”.

La nuova meta-analisi, che ha esaminato gli studi condotti tra novembre 2019 e marzo 2022, ha rilevato che questo effetto si estende al COVID. In tutto il mondo, le persone che si esercitavano regolarmente avevano un rischio di ricovero in ospedale inferiore del 36% e un rischio di morte per COVID del 43% inferiore rispetto a quelle che non erano attive. Hanno anche una minore possibilità di contrarre mai il COVID.

Le persone che hanno seguito le raccomandazioni per almeno 150 minuti di attività moderata o 75 minuti di attività vigorosa a settimana sembravano avere il massimo beneficio. Ma anche coloro che facevano meno esercizio erano più protetti dalle malattie rispetto a quelli che non facevano nulla.

I ricercatori ritengono che l’esercizio fisico possa aiutare a combattere batteri e virus infettivi, ad esempio aumentando il turnover delle cellule immunitarie nel sangue. In alcuni piccoli studi, i ricercatori hanno anche scoperto che le proteine ​​​​di segnalazione della contrazione muscolare e del rilascio del movimento note come citochine, aiutano le cellule immunitarie a trovare e combattere le infezioni.

Niemann ha spiegato che sebbene i livelli di citochine e cellule immunitarie scendano da due a tre ore dopo aver smesso di allenarsi, il sistema immunitario diventa più ricettivo e in grado di captare gli agenti patogeni più rapidamente se ci si allena ogni giorno. “Il tuo sistema immunitario è pronto e in una forma migliore per gestire la carica virale in qualsiasi momento”, ha detto.

Negli esseri umani sani, l’attività fisica è stata anche collegata a una ridotta infiammazione cronica. L’infiammazione diffusa può essere molto dannosa e può causare la rivolta delle stesse cellule immunitarie contro il corpo. Niemann ha osservato che questo è un noto fattore di rischio per COVID. Ha anche senso, ha detto, quindi che ridurre l’infiammazione migliorerebbe le possibilità di combattere l’infezione.

READ  Ha avvertito dell'ondata di emigrazione dei medici e dell'emergere della "medicina blu"

La ricerca mostra anche che l’esercizio può amplificare i benefici di alcuni vaccini. Ad esempio, le persone che si sono esercitate subito dopo aver ricevuto il vaccino COVID-19 sembrano produrre più anticorpi. E negli studi sugli anziani che sono stati vaccinati all’inizio della stagione influenzale, coloro che si sono esercitati avevano anticorpi che persistevano durante l’inverno.

L’esercizio fornisce una serie di benefici per la salute che aiutano a ridurre l’incidenza e la gravità della malattia, afferma Stuart Ray, MD, specialista in malattie infettive presso la Johns Hopkins University School of Medicine. È noto che incorporare una passeggiata, una corsa, una gita in palestra o uno sport a tua scelta nella tua routine aiuta a ridurre l’obesità, il diabete e le malattie cardiache, che sono tutti fattori di rischio per le complicanze dell’influenza e del coronavirus . L’esercizio fisico può aiutarti a dormire meglio, migliorare il tuo umore e migliorare il metabolismo dell’insulina, così come la tua salute cardiovascolare, migliorando le tue possibilità di combattere l’influenza e il COVID. Secondo Ray, è difficile sapere se i benefici derivano da cambiamenti diretti nel sistema immunitario o semplicemente dal miglioramento della salute generale.