Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

È morto Boris Pahor, un sopravvissuto ai campi di concentramento nazisti

scrittore Boris Bahorsopravvissuto ai campi di concentramento sloveno e nazista di lingua italiana, che nei suoi romanzi ha descritto gli orrori del totalitarismo nel XX secolo, è morto I media italiani hanno riferito che aveva 108 anni a Trieste (Italia nord-orientale).

Lo scrittore e massimo esponente della lingua slovena parlata nella sua regione natale, che faceva parte dell’impero austro-ungarico nell’anno della sua nascita, il 1913, ha scosso il mondo con il suo brillante romanzo autobiografico “necropoliDove ha raccontato gli orrori della guerra e dei campi di concentramento.

Pahor è stato un simbolo vivente degli eventi convulsi che hanno avuto luogo nell’Italia nordoccidentale, assistendo alla frontiera orientale, alla persecuzione fascista, alla deportazione nei campi nazisti e al divieto di Tito in Jugoslavia.

Ha scritto, sempre in lingua slovena, una trentina di opere di narrativa e saggistica tradotte in diverse lingue. Nel 2007 è stato insignito della Legion d’Onore francese e nel 2020 del Cavaliere di Gran Croce dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana.

“insieme a Boris Bahor Perdiamo un grande scrittore, un colosso del Novecento che ha saputo raccontare, in modo perfetto, chiaro e senza mezze misure, l’orrore della birra (campi di sterminio) e della deportazione e la condanna di ogni forma di totalitarismo. Sono solidale con il dolore della sua famiglia e dei tanti amici che oggi hanno perso un punto di riferimento”, ha scritto il ministro della Cultura, Dario Franceschini.

Pahor è stato inviato al fronte in Libia durante seconda guerra mondiale Quindi unisciti Fronte di Liberazione Nazionale della Sloveniama finirono per essere arrestati e consegnati alla Gestapo.

Inviato in vari campi di concentramento, riuscì a sopravvivere grazie al suo status di infermiere.

Il riconoscimento in Italia è arrivato troppo tardi. “necropoliHo dovuto aspettare trent’anni perché fosse tradotto in italiano nel 1997 e solo nel 2008 è stato pubblicato da un importante editore con la prefazione di Claudio Magris, che lo definì uno dei capolavori del Novecento, quando Pahor aveva già 95 anni Anni.

In Italia solo la piccola casa editrice Nicholas ha pubblicato altri suoi lavori: “Il rogo nel porto” (2001), “La villa sul lago” (2002), “Il petalo giallo” (2004) e “Una primavera difficile” (2009 ). )) ).

Solo dopo la nascita della Slovenia indipendente, nel 1992, Pahor è stato insignito del Prešeren, il più alto riconoscimento culturale del paese.

Con informazioni da EFE

READ  Daniel Osvaldo ha proposto a Gianna Maradona e Dalma è esploso: "No..."