Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

E avvertono dell'”imminente” collisione tra due buchi neri che possono essere visti dalla Terra

Due buchi neri in rotta di collisione Lo scontro avverrà nei prossimi tre anni. Su scala cosmica, tre anni significano imminente. collisione La storia può essere considerata uno dei più grandi eventi astronomici moderni.

Questa non è la prima volta che si verifica questo enorme fenomeno e non possiamo nemmeno accorgercene. È successo nel 2016, ma ci ha un po’ sorpreso. In quell’occasione gli osservatori LIGO, Virgo e GEO600 hanno annunciato la prima rilevazione di onde gravitazionali causate dalla fusione di due buchi neri.

Questa volta, tuttavia, esperti di tutto il pianeta osserveranno da vicino per catturare dal vivo l’esplosione della collisione di due buchi neri in tutto il suo splendore.

Dobbiamo a un pastore inglese, Giovanni MicheleAlla fine del Settecento lo era concetto di buco nero In quanto oggetto di questa massa, la luce non può sfuggirle. L’idea di John Michele è stata lasciata in secondo piano perché all’epoca riteneva che la luce sia un’onda e non una particella, quindi, non essendoci massa, la gravità non dovrebbe influenzarla. Due secoli dopo, all’inizio del Novecento, Albert Einstein ha restaurato questa teoria Sostenendo che la luce a volte si comporta come un’onda e altre volte come una particella, e presumibilmente Dualità onda-particella Dalla luce, che si è rivelata reale.

Dieci anni dopo, nel 1915, lo stesso Albert Einstein Ha pubblicato la sua teoria della relatività generale e ha mostrato che la luce è influenzata dalla gravità, la curvatura della sua traiettoria nello spazio-tempo mentre passa vicino a oggetti massicci. La luce viaggia sempre in linea retta (geodetica), ma linee rette Vicino a un oggetto enorme, come un buco nero, non sono quello che pensiamo.

Due buchi neri sono in rotta di collisione e la collisione avverrà nei prossimi tre anni

Quindi, ci troviamo di fronte a una regione finita dello spazio la cui densità di massa è molto alta Genera una gravità a cui nemmeno la luce può sfuggireVedendo se stessa tirata e irrimediabilmente cadere, singolarità di gravità. Ma se la luce non può sfuggirle, come possiamo vederla?

READ  Presunto database "segreto" di 3,8 miliardi di numeri di telefono collegati agli utenti della Clubhouse all'asta sul "dark web"

almeno lì Due modi per individuare i buchi neri. innanzitutto, Possiamo dire l’effetto della sua gravità sulle cose che lo circondano. Ad esempio, al centro della Via Lattea c’è una macchia scura attorno alla quale orbitano milioni di stelle. Questa macchia oscura è un buco nero, Sagittario A*. Infatti, con alta probabilità, C’è un buco nero al centro della maggior parte delle galassie.

Possiamo anche vedere la materia cadere in un buco nero. Mentre si avvicina, il cosiddetto Disco di accumulo, composto da polvere e gas che orbita attorno al buco nero e che, infine, tende a cadere al suo interno. Questo disco di materia è così accelerato che la radiazione che emette è nella gamma dei raggi X, che Possiamo osservare con gli strumenti appropriati.

Nella famosa foto di Buco nero Gargantua Chi appare nel film? Interstellare o dentro La prima immagine reale di un buco neroOttenuto grazie alla collaborazione di oltre 200 ricercatori da tutto il mondo (15 spagnoli) guidati da Katie Bowmanquello che si osserva è proprio il disco di accrescimento.

Infatti, con un'alta probabilità, c'è un buco nero al centro della maggior parte delle galassie
Infatti, con un’alta probabilità, c’è un buco nero al centro della maggior parte delle galassie

I due buchi neri in procinto di scontrarsi si trovano nella galassia SDSS J1430+2303, situata a un miliardo di anni luce dalla Terra.. Le fluttuazioni rilevate dagli astronomi all’SDSS J1430 + 2303 indicano che due buchi neri supermassicci al suo interno si scontreranno entro i prossimi tre anni.

La collisione è avvenuta in realtà un miliardo di anni fa, ma il suo impatto, e quindi la possibilità di osservarlo, ora ci raggiungerà sulla Terra. La fusione di questi buchi neri, la cui massa è equivalente a 200 milioni di soli, Permetterà di studiare la formazione di nuove strutture cosmiche e Come fanno i buchi a diventare più grandi?tra gli altri fenomeni.

READ  Il telescopio spaziale Hubble ha scoperto qualcosa di senza precedenti che la NASA annuncerà tra poche ore: insegnami la scienza

Nel momento in cui entrambi i buchi neri entrano in contatto e si fondono, si verificheranno fenomeni diversi. Prima di tutto, lo spaziotempo riguarda lo spazio genererà vibrazioni onde gravitazionalicome se stessimo lanciando un sasso in uno stagno in cui si generano onde sull’acqua.

Le onde gravitazionali viaggeranno in tutte le direzioni nello spazio alla velocità della luce Saremo in grado di osservare qualsiasi effetto luminoso che si verifica durante la fusione dei due giganti, mentre sono state rilevate le onde gravitazionali.

Ricercatori e scienziati di tutto il mondo hanno già telescopi e interferometri pronti per catturare l’evento. Lo shock non influirà sulla nostra vita quotidiana, ma metterà ancora una volta alla prova le equazioni della relatività generale di Einstein e potrebbe rivelare aspetti finora sconosciuti dell’universo e dei suoi abitanti.

Questa sarà la prima volta che l’umanità sarà in grado di vedere la collisione di due buchi neri vivi. Data prevista: 2023. Sentiremo il tremore spazio-temporale.

Scritto da Francisco Jose Torcal Milla. *

Questo testo è riprodotto da The Conversation con licenza Creative Commons.