Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Drew Crawford, figlio di un arbitro che potrebbe cambiare la storia del basket

yMoraBanc Andorra giocatore ora (qualsiasi Endesa League), Andrew Eugene Crawford aveva appena sette anni quando Michael Jordan è stato trattenuto in aria per uno dei tiri più famosi nella storia del basket, oltre che dello sport.. 72 milioni di persone stavano guardando quella partita negli Stati Uniti sulla NBC e quindi hanno visto “The Last Shot” sui loro schermi, ma il padre di Drew non era uno di loro. Perché Danny Crawford era a Salt Lake City il 14 giugno 1998. Nello specifico al Delta Center. Anche se non ha contato tra i 19.911 spettatori che hanno assistito in prima persona a quell’indimenticabile bufala su Bryon Russell prima del tiro. lui stava lavorando.

Insieme a Dick Bavita (“l’uomo più divertente del campo, amava così tanto i giocatori da baciarli sulle guance”) e Howie Hollins (ora deceduto), Dan faceva parte della lista dei giudici per quella partita leggendaria che valeva la pena. Premio Chicago Bulls Episodio VI. A proposito, Crawford è nato nella capitale dell’Illinois. In Europa non sarebbe mai stato in grado di fischiare la squadra della sua città (per non parlare di una partita così cruciale), ma la cultura NBA è diversa. “L’arbitro ha una frazione di secondo, forse due, per decidere. È impossibile uscire e adattarsi, perché in più ogni partita viene registrata e c’è molta documentazione sul loro lavoro. Sarebbe assurdo pensare a un modo per truccare il giocoHa già chiarito il suo ritiro… dopo una carriera leggendaria durata 32 anni e che comprendeva più di 2.000 duelli a tappe regolari, oltre 300 ai playoff e altri 22 in finale.

READ  La palla ha fatto uno strano effetto e ha confuso tutti: il gol insolito del Libano nelle qualificazioni

“Quella partita è stata pazzesca, perché la sua decisione potrebbe cambiare la storia del basket. Quando Jordan ha fatto quel tiro, c’era chi ha detto che ha spinto Russell nel crossover”, ha ricordato recentemente Drew, in un video pubblicato dalla stessa lega. “Fu mio padre a dover fischiare, ma decise di non farlo e dopo un po me lo spiegò così: lo disse Alla fine del gioco ci sono le decisioni delle formiche e di altri come gli elefanti. Le formiche sono una piccola cosa che non influenza molto il gioco; Gli elefanti sono le cose che dovresti sempre fischiareAnche a fine partita. Per me, questo piccolo lotto è una formica. Anche secondo me non è stato un errore”.

Stranamente, il figlio non ha mai giocato una partita nella competizione che ha visto suo padre esibirsi per oltre tre decenni. Dopo cinque stagioni al college (Northwestern Wildcats) ha provato più volte, nei campionati estivi e pre-stagione, con i New Orleans Pelicans, gli Orlando Magic o i Toronto Raptors, ma ha sempre ottenuto il taglio, quindi è finito primo nel Birmingham rosa della G-league, una specie di Lega Minore, poi è saltata in Europa. Nel 2015, esattamente due anni dopo che suo padre aveva chiuso il fischietto. Anche oggi a causa diQuesto è il suo primo anno nel basket spagnolo, ma prima ha passato Israele (Bnei Herzliya e Maccabi Rishon LeZion), Germania (MHP Riesen Ludwigsburg), Italia (Fanulli Cremona, Armani Milan e Germani Brescia) e Turchia (Gaziantep).. Drew ha già 31 anni. Suo padre, 68 anni.

Da bambino andava dai suoi giocattoli e la gente gli urlava sempre contro

Drew Crawford (giocatore di Morabank Andorra e figlio di Dan)

“Per me è solo mio padre, anche se era un arbitro nell’NBA. Andavo alle sue partite un paio di volte da bambino e le persone intorno a me gli urlavano sempre contro. Non mi importava perché mi sapeva che non gli dispiaceva, ma mia sorella a volte piangeva”, riassume il presentatore di Andorra. Ha aggiunto: “Odiavo sentire le persone parlare male, ma non gli importava davvero ed è questo che lo rendeva così bravo in quello che faceva: non gli importava di ciò che lo circondava e si concentrava su ciò che stava facendo”. Prima di accennare al suo rapporto personale con gli arbitri da giocatore: “Il rispetto reciproco nel basket è davvero importante. È uno sport molto appassionato, quindi in certe occasioni puoi incazzarti. Non posso dire di essere sempre gentile con gli arbitri, perché non lo sono, ma cerco di capire il loro lavoro e le difficoltà che incontrano.“.

L’arbitro fa una cosa e i giocatori un’altra: la chiave è il rispetto reciproco

Dan Crawford (ex compagno di squadra della NBA e padre Drew)

Anche suo padre, noto per il suo buon trattamento con giocatori e allenatori, ha notato questo rispetto: “Non stiamo parlando di essere migliori amici, stiamo parlando di un rapporto di lavoro. Loro hanno del lavoro da fare, io avevo del lavoro da fare. “Ho capito il loro lavoro, e loro hanno dovuto capire il mio. . Non dovevamo essere sempre d’accordo, ma la chiave è il rispetto reciproco. Ho dato loro tutta la mia carriera e poi me li ho restituiti. Il mio obiettivo era sempre quello di partire a fine partita e nessuno si sarebbe ricordato di meNella lista degli scontri destinati, a tutto questo e ancora al più grande splendore della Giordania, c’è anche il “gioco dell’influenza” del 1997: “Hanno bussato alla porta e ci hanno detto che era molto malato, che il nostro spogliatoio era il posto più vicino a cui lui… e che aveva bisogno di vomitare. Abbiamo detto che non gli dispiaceva, doveva venire. Poi ha fatto una grande partita”.

Era il 19 luglio quando Andorra firmò ufficialmente Drew. “È stato chiamato a essere un pezzo straordinario nella nostra idea di gioco per la sua esperienza, qualità, leggibilità e capacità di fare molte cose in pista.E poi Francesc Solana, l’allenatore dell’ente, ha spiegato che Crawford, che ha firmato per una stagione, non ha soddisfatto pienamente quelle aspettative e prima della fine di questa settimana ha partecipato a 25 partite di campionato con una statistica di 22 minuti, 8 punti, 3.2 rimbalzi e un assist a partita. La sua migliore prestazione corrisponde alla sconfitta contro Baxi Manresa, partita in cui ha guadagnato 22 punti, cinque triple e un PIR di 21 punti per Andorra, che ha subito sabato scorso con il Betis, e si è diffuso fino ad oggi. nella penultima posizione.

Danny, che ora ha più tempo libero e che, ad esempio, ha fatto visita al figlio in Italia, il principato non l’ha ancora visto. “Sono a migliaia di chilometri di distanza, ma non smettono mai di sostenermi”, dice Drew, aggiungendo Claudia, sua madre e sua sorella Leah. “Quando lasci questa professione, nessuno ti chiede più di te. Sei bravo solo come la tua prossima partita. Lo capisco e lo apprezzo, quindi dimentica l’ego. Ha avuto una serie positiva, ma l’NBA continua a girare‘, d’altronde si riferisce a un uomo la cui carriera i Bulls sembravano sempre tramare: nel suo catalogo di racconti c’è Carlos Boozer, che non si rese conto in una partita del 2013 di essere dietro a Crawford quando voleva festeggiare un canestro con un pugno, fino a quando non lo ha picchiato involontariamente nella zona dei testicoli, provocandogli dolore per alcuni secondi… e una piccola risata dopo aver verificato che nessuno si fosse fatto male.

“Il mio obiettivo non è mai stato quello di diventare un arbitro NBA, ma una volta coinvolto, inizi a seguire il flusso e ad essere nel posto giusto al momento giusto, e tendi ad evolvere con la carriera. Snowball”, spiega Dan, che in tutti quegli anni successivi si riferisce ancora allo scatto di Jordan. “È stata la partita che ha subito la pressione più alta. C’era molto rumore nella suite e non ha deciso fino alla fine, ma Michael era di nuovo affascinante. Ho anche dovuto riposare per due giorni interi dopo.“, conferma.” Quando fai un passo indietro e analizzi la tua carriera, pensi a quanto sei stato fortunato ad essere in campo durante le partite speciali”, firma. In modo diverso, ma con il basket al centro, anche il figlio maggiore sta facendo la sua via ad Andorra e dall’Illinois… sognando il suo ultimo colpo .